Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Discussioni, opinioni e riflessioni su argomenti di attualità, notizie, eventi anche personali

Moderatore: Sabrina

Rispondi
NewsBot
Bot
Messaggi: 409671
Iscritto il: 09 ottobre 2004
Età: 29

Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da NewsBot » 28/01/2019, 15:03

La nave Sea Watch 3, in rada a Siracusa con 47 migranti a bordo, non ha avuto l'opportunità di ripararsi dal maltempo in un porto tunisino, perché il governo della Tunisia non ha mai risposto alle richieste. E' per questo che il comandante ha deciso di fare rotta verso Nord, ossia verso le acque italiane. Lo scrive la stessa ong in una nota alla quale sono allegate le[url=http://images.agi.it/pdf/agi/agi/2019/01/28/131132559-ce81a946-1805-4da1-a7dd-4803f27dfd14.pdf] trascrizioni dei contatti [/url]tra la nave e la Guardia costiera olandese e tra questa e le autorità italiane. "Lo scorso 23 gennaio Sea-Watch - riferisce la ong - a causa dell'arrivo di una forte perturbazione da nord-ovest, definita ciclone mediterraneo, ha avuto diverse comunicazioni con il JRCC olandese e con la Capitaneria di porto di Lampedusa. Il centro di coordinamento marittimo olandese, dopo aver preso atto dell'impossibilità di entrare nel porto di Lampedusa, ha informato la nave che l'opzione di trovare riparo in Tunisia poteva essere percorribile. Il governo olandese ha quindi contattato il governo tunisino, senza però ricevere alcuna risposta. Leggi anche: Il punto sulla Sea Watch "Nello scorso mese di novembre alla Sea-Watch - ricorda la ong - era stato negato l'approdo in Tunisia per fare rifornimento e per ripararsi durante una tempesta; la nave si era ritrova per oltre 5 giorni al largo delle coste di Zarzis senza poter entrare in porto. Per queste ragioni, il comandante della nave ha quindi optato per una rotta meno vessatoria, verso Nord". Secondo le comunicazioni riportate nella nota, il 23 gennaio poco dopo le 14 Sea-Watch ha avuto un contatto telefonico con il governo olandese, e in particolare con il ministero "Infrastructure e Watery", competente per la Guardia Costiera, e ha chiesto l'indicazione di un porto di rifugio a Malta o in Italia, facendo presente che in quel momento il porto più vicino era Lampedusa. Il ministero ha confermato che avrebbe fatto richiesta all'Italia, e poco dopo le 16 ha comunicato di aver inviato una nota alla Guardia Costiera italiana. Leggi anche: procuratore di Siracusa, nessun reato da parte del comandante Una quarantina di minuti dopo, la Guardia costiera italiana ha risposto che in base alle condizioni meteo, con vento da Ovest-NordOvest, e anche considerando la distanza, "la Tunisia sembra una buona alternativa. Adesso - si concludeva la comunicazione della Guardia costiera italiana - manderemo un messaggio alla Guardia costiera tunisina". Sea Watch sostiene che "dopo queste comunicazioni non ha mai ricevuto alcuna risposta dal governo olandese in merito alla richiesta di un porto rifugio in Tunisia". 

Fonte: https://www.agi.it/cronaca/sea_watch_tu ... 019-01-28/
NewsBot di MailAmici - per info: news@mailamici.it

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 7472
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:
Età: 49

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da tempest » 28/01/2019, 18:44

Che si fa con questa nave? Si tiene lì a vita? Io sono per la linea della fermezza, ma un governo deve anche avere il buon senso di capire quando una questione politica diventa anche un caso umanitario.

Avatar utente
Andyphone
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4099
Iscritto il: 11 settembre 2004
Sesso:
Età: 47

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da Andyphone » 28/01/2019, 21:54

La questione con le ONG è più politica che umanitaria dato che sappiamo tutti ormai che non sono propriamente naufraghi quelli che recuperano in mare, se la politica non interviene in maniera decisa questi traffici continuano.
Dipendesse da me rimarrebbero sulla nave a tempo indeterminato. Sono vicino al porto, se hanno bisogno di assistenza la hanno. La responsabilità di quella nave è dell'Olanda che gli ha dato la bandiera. Mica che possiamo continuare a farci trattare così in Europa. Ci fosse stata la Germania sul Mediterraneo come noi avrebbero messo le navi militari a bloccare i porti con pure il beneplacito dell'Europa e questa cosa sarebbe già finita da un pezzo.
- Andy 'Andyphone' - Moderatore e Admin di MailAmici.it -
* leggete sempre le Linee Guida di MailAmici *

george clooney
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4760
Iscritto il: 21 giugno 2008
Età: 44

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da george clooney » 29/01/2019, 6:38

Andyphone ha scritto:
28/01/2019, 21:54
La questione con le ONG è più politica che umanitaria dato che sappiamo tutti ormai che non sono propriamente naufraghi quelli che recuperano in mare, se la politica non interviene in maniera decisa questi traffici continuano.
Dipendesse da me rimarrebbero sulla nave a tempo indeterminato. Sono vicino al porto, se hanno bisogno di assistenza la hanno. La responsabilità di quella nave è dell'Olanda che gli ha dato la bandiera. Mica che possiamo continuare a farci trattare così in Europa. Ci fosse stata la Germania sul Mediterraneo come noi avrebbero messo le navi militari a bloccare i porti con pure il beneplacito dell'Europa e questa cosa sarebbe già finita da un pezzo.
Io la penso esattamente come te; è una questione anche di principio, non è per quaranta e rotte persone..Se fai sbarcare queste, ogni giorno ne arrivano a centinaia come è sempre successo..Ls nave batte bandiera olandese, la ong è tedesca, di conseguenza se ne devono fare carico queste due nazioni, che ovviamente se ne sono lavate le mani..
La questione dei migranti è una patata bollente non da poco.. :rolleyes:

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 7472
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:
Età: 49

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da tempest » 29/01/2019, 9:32

Le ONG in generale erano un caso politico, ed è stato affrontato,anche se con i soliti toni da bullo del bar... ma il problema c'era, facevano la spola. Giusto quello che ha fatto il governo.
Adesso questo però é il caso umano di 40 persone che dormono all'aperto in gennaio, quanto credete che potranno stare cosí? Serve a poco dire Germania,Olanda...intanto questi sono qui. Ed é il comandante che decide sul luogo sicuro, per andare in Germania ci vorrebbero giorni di navigazione, parte nell'Atlantico, su, bisogna essere pratici e capire che non si dimostra debolezza a far scendere 40 persone. Piuttosto sono da aumentare i rimpatri, che non partono per mancanza di accordi.

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2206
Iscritto il: 26 dicembre 2009
Età: 67

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da airlander » 29/01/2019, 10:14

chi ha creato il problema se lo risolva, è ora di finirla di utilizzare esseri umani per screditare chi stà facendo in fondo ciò che la maggioranza degli elettori ha chiesto, quindi se ne facciano una ragione le opposizioni ed il resto dell'europa, ora la linea delle fermezza ci farà considerare nel bene o nel male meglio di come è avvenuto sino ad ora che piaccia o no.
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

Avatar utente
Andyphone
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4099
Iscritto il: 11 settembre 2004
Sesso:
Età: 47

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da Andyphone » 30/01/2019, 20:29

Alla fine la situazione sembra essersi sbloccata, con alcuni stati europei che si sono offerti di ospitare gli immigrati. Bisogna vedere poi se li accoglieranno veramente o sono solo parole. Comunque la situazione si ripeterà e bisognerebbe pensare a soluzioni definitive.
- Andy 'Andyphone' - Moderatore e Admin di MailAmici.it -
* leggete sempre le Linee Guida di MailAmici *

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 7472
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:
Età: 49

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da tempest » 30/01/2019, 21:54

Andyphone ha scritto:
30/01/2019, 20:29
Alla fine la situazione sembra essersi sbloccata, con alcuni stati europei che si sono offerti di ospitare gli immigrati. Bisogna vedere poi se li accoglieranno veramente o sono solo parole. Comunque la situazione si ripeterà e bisognerebbe pensare a soluzioni definitive.
Eh già..
Se Salvini la smettesse di insultare tutti sarebbe meglio, meno male che Conte pare ci abbia messo una pezza.
Soluzioni definitive...e come si fa? Si dovrebbe lavorare con gli stati subsahariani per evitare le partenze da lì, perchè, non è che sia una bella cosa che i libici abbiano in mano questi poveracci.

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2206
Iscritto il: 26 dicembre 2009
Età: 67

Re: Il comandante della Sea Watch ha spiegato perché non è andato in Tunisia

Messaggio da airlander » 31/01/2019, 17:29

tempest ha scritto:
30/01/2019, 21:54
Eh già..
Se Salvini la smettesse di insultare tutti sarebbe meglio, meno male che Conte pare ci abbia messo una pezza.
Soluzioni definitive...e come si fa? Si dovrebbe lavorare con gli stati subsahariani per evitare le partenze da lì, perchè, non è che sia una bella cosa che i libici abbiano in mano questi poveracci.
e magari iniziando anche a sequestrare le navi delle ong che creano tutti questi casini.
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48