Ragazze meridionali, belle e impossibili

Regole del forum
Solo discussioni. Non annunci o ricerca di incontri per cui esistono gli altri forum
MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 18/07/2013, 17:01

:O Saluti. Avendo modo di frequentare da molti anni una città ad altissima presenza giovanile meridionale, mi chiedo da sempre come mai e' cosi' impossibile entrare anche solo nell'orizzonte visivo "d'interesse" e comprensibilità , delle giovani donne/ragazze in Special modo calabro-siculo-pugliesi-lucane, se non facenti parte dei loro medesimi popoli...? In genere sono sempre e solo fra di loro, e' una questione di chiusura a mentalita'/culture in presupposto diverse dalla loro? E' comunque un'esclusione unilaterale, attuata da parte loro. :O




Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 18/07/2013, 18:13

MaxDembo78 ha scritto::O Saluti. Avendo modo di frequentare da molti anni una città ad altissima presenza giovanile meridionale, mi chiedo da sempre come mai e' cosi' impossibile entrare anche solo nell'orizzonte visivo "d'interesse" e comprensibilità , delle giovani donne/ragazze in Special modo calabro-siculo-pugliesi-lucane, se non facenti parte dei loro medesimi popoli...? In genere sono sempre e solo fra di loro, e' una questione di chiusura a mentalita'/culture in presupposto diverse dalla loro? E' comunque un'esclusione unilaterale, attuata da parte loro. :O
forse è solo una questione di differenza di età :DD dipende quanto sono giovani :P ... e poi le storie a distanza sono poco praticabili per chi non ha ancora una propria indipendenza e autonomia. le avventure, invece, abbonderanno anche tra i loro conterranei e coetanei :DD

max comincio a pensare che il tuo problema sia dovuto al fatto che sei tu a cercare persone non adatte a te per un motivo o per un altro :thinking:
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 18/07/2013, 18:32

tropicsnow ha scritto:[...]



forse è solo una questione di differenza di età :DD dipende quanto sono giovani :P ... e poi le storie a distanza sono poco praticabili per chi non ha ancora una propria indipendenza e autonomia. le avventure, invece, abbonderanno anche tra i loro conterranei e coetanei :DD

max comincio a pensare che il tuo problema sia dovuto al fatto che sei tu a cercare persone non adatte a te per un motivo o per un altro :thinking:
Sì o.k., ma la differenza è poca...Se non ci si può frequentare non superficialmente neppure fra persone di 10/7 anni di differenza media...Andiamo bene...E poi non sarebbero "a distanza". Sono qui....Per anni. E magari come spesso succede ci rimangono, trovano lavoro. Sposano qualche commercialista/farmacista/avv del posto.....

:?

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 18/07/2013, 18:57

MaxDembo78 ha scritto:[...]



Sì o.k., ma la differenza è poca...Se non ci si può frequentare non superficialmente neppure fra persone di 10/7 anni di differenza media...Andiamo bene...E poi non sarebbero "a distanza". Sono qui....Per anni. E magari come spesso succede ci rimangono, trovano lavoro. Sposano qualche commercialista/farmacista/avv del posto.....

:?

non so a che tipo di differenza di età facevi riferimento...

forse semplicemente cercano un loro pari... :rolleyes:
anche gli uomini sono così: qualche settimana fa un quasi cinquantenne ci ha provato con me, ma per me è out e quando gli ho chiesto perchè non cercasse donne più vicine a lui per età e per vissuto, mi ha risposto che lui la vuole colta oltre che carina tracciandomi un quadro delle over 40 pessimo. le ha descritte depresse, represse, o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti :O. sono rimasta allibita. :O
ora lui è un professionista (commercialista :P ) uomo distinto e direi anche colto per cui posso capire che cerchi una al suo livello perchè bisogna comprendersi e condividere molto più del letto per far funzionare le cose. ho capito che aveva intenzioni serie, ma per me la differenza di età e soprattutto il fatto che avesse già alle spalle un matrimonio e figli non è il massimo per quanto possa averlo trovato piacevole... :rolleyes:

questo per dirti che anche voi uomini guardate oltre l'aspetto fisico e non basta essere piacenti per costruire qualcosa di più importante e soprattutto soddisfacente.
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

george clooney
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4374
Iscritto il: 21/06/2008, 19:10

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da george clooney » 18/07/2013, 20:22

MaxDembo78 ha scritto:[...]



. Sposano qualche commercialista/farmacista/avv del posto.....

:?
Chiamamele stupide... :D

Ares87
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 610
Iscritto il: 18/05/2009, 22:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da Ares87 » 18/07/2013, 20:31

MaxDembo78 ha scritto::O Saluti. Avendo modo di frequentare da molti anni una città ad altissima presenza giovanile meridionale, mi chiedo da sempre come mai e' cosi' impossibile entrare anche solo nell'orizzonte visivo "d'interesse" e comprensibilità , delle giovani donne/ragazze in Special modo calabro-siculo-pugliesi-lucane, se non facenti parte dei loro medesimi popoli...? In genere sono sempre e solo fra di loro, e' una questione di chiusura a mentalita'/culture in presupposto diverse dalla loro? E' comunque un'esclusione unilaterale, attuata da parte loro. :O
Capirai con me sfondi un portone aperto...

Comunque si, credo sia soprattutto una questione di chiusura nei confronti di mentalità diverse, perlomeno se la mentalità in questione è da"profondo sud" (senza voler offendere nessuno), ma non è detto...

Non è impossibile entrare in quell"'orizzonte", magari è molto difficile, ma di solito ne vale anche la pena...

Ares87
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 610
Iscritto il: 18/05/2009, 22:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da Ares87 » 18/07/2013, 20:35

tropicsnow ha scritto:[...]




non so a che tipo di differenza di età facevi riferimento...

forse semplicemente cercano un loro pari... :rolleyes:
anche gli uomini sono così: qualche settimana fa un quasi cinquantenne ci ha provato con me, ma per me è out e quando gli ho chiesto perchè non cercasse donne più vicine a lui per età e per vissuto, mi ha risposto che lui la vuole colta oltre che carina tracciandomi un quadro delle over 40 pessimo. le ha descritte depresse, represse, o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti :O. sono rimasta allibita. :O
ora lui è un professionista (commercialista :P ) uomo distinto e direi anche colto per cui posso capire che cerchi una al suo livello perchè bisogna comprendersi e condividere molto più del letto per far funzionare le cose. ho capito che aveva intenzioni serie, ma per me la differenza di età e soprattutto il fatto che avesse già alle spalle un matrimonio e figli non è il massimo per quanto possa averlo trovato piacevole... :rolleyes:

questo per dirti che anche voi uomini guardate oltre l'aspetto fisico e non basta essere piacenti per costruire qualcosa di più importante e soprattutto soddisfacente.
Non so perché, ma a me, personalmente, un colto e distinto commercialista cinquantenne che dice che le over 40 sono "depresse, represse o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti" è una cosa che mi lascia un attimo perplesso....

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 18/07/2013, 20:37

Ares87 ha scritto:[...]



Non so perché, ma a me, personalmente, un colto e distinto commercialista cinquantenne che dice che le over 40 sono "depresse, represse o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti" è una cosa che mi lascia un attimo perplesso....

anche a me ha lasciato un po' interdetta :rolleyes:
però lui vive in un piccolo centro e non in una grande città per cui è più difficile trovare il tipo di donna che lui vorrebbe: professionista quindi colta, e che porta bene la sua età senza eccessi...
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

george clooney
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4374
Iscritto il: 21/06/2008, 19:10

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da george clooney » 18/07/2013, 20:39

Ares87 ha scritto:[...]



Non so perché, ma a me, personalmente, un colto e distinto commercialista cinquantenne che dice che le over 40 sono "depresse, represse o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti" è una cosa che mi lascia un attimo perplesso....
Lascia perplessa anche me, non solo te...Poco curate? Represse? Ignoranti? :O :O :thinking:

george clooney
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4374
Iscritto il: 21/06/2008, 19:10

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da george clooney » 18/07/2013, 20:41

tropicsnow ha scritto:[...]


però lui vive in un piccolo centro e non in una grande città per cui è più difficile trovare il tipo di donna che lui vorrebbe..
Ah, ok...Questo spiega la sua affermazione...Però sarà uscito qualche volta dal suo sperduto paesino, o no? Avrà visto come sono le quarantenni al giorno d'oggi, no?? Altro che poco curate e represse...

Ares87
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 610
Iscritto il: 18/05/2009, 22:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da Ares87 » 18/07/2013, 20:48

tropicsnow ha scritto:[...]




anche a me ha lasciato un po' interdetta :rolleyes:
però lui vive in un piccolo centro e non in una grande città per cui è più difficile trovare il tipo di donna che lui vorrebbe: professionista quindi colta, e che porta bene la sua età senza eccessi...
Il fatto è che sembra palesemente una scusa per abbordare le più giovani...

:D

scherzo, non lo conosco nemmeno... :DD

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 18/07/2013, 20:53

Ares87 ha scritto:[...]



Il fatto è che sembra palesemente una scusa per abbordare le più giovani...

:D
scherzo, non lo conosco nemmeno... :DD

ci ho pensato anche io :P però conosco quella realtà e non posso dargli tanto torto...

george clooney ha scritto:[...]
Ah, ok...Questo spiega la sua affermazione...Però sarà uscito qualche volta dal suo sperduto paesino, o no? Avrà visto come sono le quarantenni al giorno d'oggi, no?? Altro che poco curate e represse...
certo che le ha viste forse è per questo che non riesce ad adattarsi :P :DD
il fatto è che quando hai un'attività hai poco tempo per altre cose senza contare cosa comporta un rapporto a distanza :rolleyes:
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2005
Iscritto il: 26/12/2009, 17:47

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da airlander » 18/07/2013, 22:02

george clooney ha scritto:[...]



Ah, ok...Questo spiega la sua affermazione...Però sarà uscito qualche volta dal suo sperduto paesino, o no? Avrà visto come sono le quarantenni al giorno d'oggi, no?? Altro che poco curate e represse...
mi è capitato di interpretare negli sguardi di alcune 20enni un inconfutabile senso di frustrazione nella consapevolezza di non poter reggere il confronto con le rispettive madri 45-50enni; altro che poco curate, represse o disperate...
da diverso tempo ormai si è verificata una evoluzione nell'essenza delle personalità e dei costumi, non solamente nei grani centri urbani, l'importante è sapere come rapportarsi nella maniera più consona verso chi abbiamo di fronte per scoprire che neppure l'età può costituire un limite invalicabile da ambo le parti ;)
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

cinque
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1357
Iscritto il: 19/03/2012, 1:12

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da cinque » 18/07/2013, 22:24

tropicsnow ha scritto:[...]




non so a che tipo di differenza di età facevi riferimento...

forse semplicemente cercano un loro pari... :rolleyes:
anche gli uomini sono così: qualche settimana fa un quasi cinquantenne ci ha provato con me, ma per me è out e quando gli ho chiesto perchè non cercasse donne più vicine a lui per età e per vissuto, mi ha risposto che lui la vuole colta oltre che carina tracciandomi un quadro delle over 40 pessimo. le ha descritte depresse, represse, o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti :O. sono rimasta allibita. :O
ora lui è un professionista (commercialista :P ) uomo distinto e direi anche colto per cui posso capire che cerchi una al suo livello perchè bisogna comprendersi e condividere molto più del letto per far funzionare le cose. ho capito che aveva intenzioni serie, ma per me la differenza di età e soprattutto il fatto che avesse già alle spalle un matrimonio e figli non è il massimo per quanto possa averlo trovato piacevole... :rolleyes:

questo per dirti che anche voi uomini guardate oltre l'aspetto fisico e non basta essere piacenti per costruire qualcosa di più importante e soprattutto soddisfacente.
Mica scemo. Anche io preferirei le trentenni alle quarantenni. Concordo.
Avrei voluto vederti mentre lo interrogavi sui motivi per cui gli piacciono le giovani. Ah ah :-))))

MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 19/07/2013, 0:50

george clooney ha scritto:[...]



Chiamamele stupide... :D
:x ...Eh, allora diciamogli anche "brave"...
Fanno l'Università, si laureano, ma che differenza c'è con le olgettine. Il modello di riferimento culturale e' quello. Solo non hanno avuto la fortuna di trovare Fede e Mora che le portassero ad Arcore, senno' sai all'occasione...
Nella società d'oggi a questo punto w le pornostar. Almeno sono meno ipocrite.

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 19/07/2013, 10:02

MaxDembo78 ha scritto:[...]

:x ...Eh, allora diciamogli anche "brave"...
Fanno l'Università, si laureano, ma che differenza c'è con le olgettine. Il modello di riferimento culturale e' quello. Solo non hanno avuto la fortuna di trovare Fede e Mora che le portassero ad Arcore, senno' sai all'occasione...
Nella società d'oggi a questo punto w le pornostar. Almeno sono meno ipocrite.

sinceramente non capisco la logica che adotti.

se una frequenta l'università per ovvie ragioni è portata a frequentare altre persone che la frequentano perchè il loro giro è quello. una volta laureati si inizia a lavorare e si continua a frequentare persone che sono nello stesso ambiente perchè è con loro che si viene in contatto per un motivo o per un altro.

sembra che tu voglia far intendere che queste donne vanno a cercarsi il tipo benestante e professionista per farsi mantenere come se loro fossero solo belle e nulla più. sono anche loro laureate e professioniste e quindi sposano o frequentano un loro pari! del resto io non ho ancora conosciuto quel tipo di uomo che citi (avvocato, commercialista, farmacista, medico etc.) che sta con la colf, la fioraia, la panettiera etc. :rolleyes:
la cosa è reciproca!!! non c'è alcuna mercificazione o calcolo!
a me sembra più che naturale che una persona che ha studiato trovi molte più affinità con un'altra che ha fatto il suo medesimo percorso e con cui riesce a condividere molte più cose. questo non significa che deve avere necessariamente quel pezzo di carta chiamato laurea, perchè la cultura e l'intelligenza non è data da questa, ma è molto più facile che chi ha studiato e fa un certo tipo di lavoro sia portato naturalmente a continuare su quella strada.

tu, piuttosto, perchè guardi a queste donne e non prendi in considerazione quelle che, secondo il tuo giudizio, sono più "umili" ad esempio una cameriera, una commessa...? ce ne saranno di carine anche tra queste e che vogliono un uomo che le impalmi.
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 19/07/2013, 11:33

tropicsnow ha scritto:[...]




sinceramente non capisco la logica che adotti.

se una frequenta l'università per ovvie ragioni è portata a frequentare altre persone che la frequentano perchè il loro giro è quello. una volta laureati si inizia a lavorare e si continua a frequentare persone che sono nello stesso ambiente perchè è con loro che si viene in contatto per un motivo o per un altro.

sembra che tu voglia far intendere che queste donne vanno a cercarsi il tipo benestante e professionista per farsi mantenere come se loro fossero solo belle e nulla più. sono anche loro laureate e professioniste e quindi sposano o frequentano un loro pari! del resto io non ho ancora conosciuto quel tipo di uomo che citi (avvocato, commercialista, farmacista, medico etc.) che sta con la colf, la fioraia, la panettiera etc. :rolleyes:
la cosa è reciproca!!! non c'è alcuna mercificazione o calcolo!
a me sembra più che naturale che una persona che ha studiato trovi molte più affinità con un'altra che ha fatto il suo medesimo percorso e con cui riesce a condividere molte più cose. questo non significa che deve avere necessariamente quel pezzo di carta chiamato laurea, perchè la cultura e l'intelligenza non è data da questa, ma è molto più facile che chi ha studiato e fa un certo tipo di lavoro sia portato naturalmente a continuare su quella strada.

tu, piuttosto, perchè guardi a queste donne e non prendi in considerazione quelle che, secondo il tuo giudizio, sono più "umili" ad esempio una cameriera, una commessa...? ce ne saranno di carine anche tra queste e che vogliono un uomo che le impalmi.

Io di lauree ne ho una, e quasi un'altra, più breve. Non riguarda direttamente me. E poi si parlava di indirizzi accademici che "portano di filato ad un guadagno assicurato", come diceva Tom Cruise in "Eyes Wide Shut".
Ti assicuro che invece tra laureate in Beni Culturali, Lett. & Filos. come me, Scienze Pol., Biologia, ecc., ce ne sono eccome che si sono messe o stanno con uomini del loro livello di studi (non di sapere e cultura eh, che quello oggi come oggi non lo da certo l'Università), come operai, artigiani, baristi, lavoratori in genere ecc., extracomunitari di bassa estrazione culturale, ecc., ecc., ecc., chi più ne ha ne metta.
Tra le laureate o lauraende delle Facoltà che generalmente su diciamo, no.
Forse perchè sono programmate dalle famiglie, soprattutto del sud, per fare questo tipo di indirizzi di studio, in quanto più "sicuri" di un guadagno e di un impiego, una carriera assicurati e quindi di un uomo passato ai raggi x della "convenienza" dalle stesse famiglie, che invece altri come Storia e Critica del Cinema, il mio, più "aleatori" e legati ad forti inclinazioni e passioni personali, certo non addotti ad essere assecondati, in talune forma mentis soprattutto ripeto, della bassa. Che bei tempi, invece, quando le ragazze facevano soprattutto Conservazione dei Beni Cult., Storia dell'Arte, Archeologia, Botanica, al limite veterinaria e soprattutto psicologia, medicina....Oggi tutte frequentate da meridionali, economia e commercio, "chimica industriale, ingegneria civile, fisica, ingegneria idraulica, non dico che non riescano meglio e siano anche più brave degli uomini....Poi con i molti professori sensibili all'invincibile fascino muliebre che ci sono...
Ma una volta, come faceva una bambina a poter solo pensare "da grande il mio sogno è fare la commercialista."....
:?

MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 19/07/2013, 11:40

Ares87 ha scritto:[...]



Capirai con me sfondi un portone aperto...

Comunque si, credo sia soprattutto una questione di chiusura nei confronti di mentalità diverse, perlomeno se la mentalità in questione è da"profondo sud" (senza voler offendere nessuno), ma non è detto...

Non è impossibile entrare in quell"'orizzonte", magari è molto difficile, ma di solito ne vale anche la pena...


:D Ne può valere la pena certamente infatti lo sostenevo anch'io, ma puoi anche rischiare una revolverata o di essere dato in pasto ai maiali magari dal fratello o dal bis-cugino per una cosa che per noi è un nonnulla, va messo in conto.... :D

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 19/07/2013, 12:31

MaxDembo78 ha scritto: Tra le laureate o lauraende delle Facoltà che generalmente su diciamo, no.
Forse perchè sono programmate dalle famiglie, soprattutto del sud, per fare questo tipo di indirizzi di studio, in quanto più "sicuri" di un guadagno e di un impiego, una carriera assicurati e quindi di un uomo passato ai raggi x della "convenienza" dalle stesse famiglie, che invece altri come Storia e Critica del Cinema, il mio, più "aleatori" e legati ad forti inclinazioni e passioni personali, certo non addotti ad essere assecondati, in talune forma mentis soprattutto ripeto, della bassa.


credo che le famiglie non centrino nulla, piuttosto hanno dovuto buttare più sangue rispetto alle colleghe di facoltà umanistiche e quindi hanno pretese maggiori e sono più concrete. alla fine cercano chi le somiglia, niente di più e niente di meno. ancora una volta non capisco dove sia il problema. tu perchè guardi a queste donne? cerca piuttosto quelle che hanno indirizzi di studi simili al tuo e che reputi meno "opportuniste", perchè mi risulta che non abbiano chiuso alcuna facoltà pertanto ci saranno laureate e professioniste nei settori che citi.



MaxDembo78 ha scritto:[...]
:D Ne può valere la pena certamente infatti lo sostenevo anch'io, ma puoi anche rischiare una revolverata o di essere dato in pasto ai maiali magari dal fratello o dal bis-cugino per una cosa che per noi è un nonnulla, va messo in conto.... :D

che esagerazione! forse c'è un maggior attaccamento a certi valori, ma non è come la descrivi. ho avuto anche io una relazione con un siciliano e non era "il padrino" :DD

dai max... :D
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 19/07/2013, 15:29

MaxDembo78 ha scritto:[...]Ti ringrazio TropicSnow che sempre mi dici e mi rinnovi l'invito "a guardare le donne di li' e di qui", ma io non e' che scrivo qui per questo, senno' sarei a farmi prendere in giro su siti come OneMeet, FriendlyUs ecc., la mia vita e' finita da tempo sotto quell'aspetto, io cerco magari solo uno scambio di pensiero "non conforme"...E perdonami, ma sostenere che coloro della bassa sono "magari più attenti ai valori come quello della famiglia" e' conformistico. Va bene non "estremizzare", e difatti avevo messo gli smile, ma casomai sono molto più attenti ai dis-valori del "familismo amorale", radice di quasi tutti i mali italiani, oggi detto e riconosciuto. Chi e' fuori dall'ambito familiare e' un "nemico". Quando la famiglia e' intesa così', aveva come al solito capito tutto P.P.P., ovvero Pasolini, quando sosteneva che "la famiglia e' un'associazione a delinquere". Si vede bene oggi che tutta l'Italia e'"sicilianizzata", per dirla con Sciascia.

io trovo che lo scambio che cerchi in realtà sia solo una facciata perchè se non cerchi più niente perchè la tua vita è ormai finita sotto ques'aspetto, discutere di pensieri conformi o non-conformi in materia di relazioni uomo-donna, a cosa dovrebbe portare se non a rafforzare le tue idee per convincerti che le cose sono come pensi e quindi la normale conseguenza del tuo stato quasi a tranquillizzarti sul fatto che non c'è più possibilità alcuna :rolleyes:
a me non sembra affatto che le cose siano così nere come le dipingi, così come non penso che quelli della "bassa" siano tanto chiusi verso chi non è della famiglia o che sia la famiglia a spingere verso la scelta di certi lavori e relazioni. forse sei tu ad avere molti pregiudizi e non gli altri.

il mio, spesso, è solo un invito a guardare oltre e altro perchè sembra che il tuo orizzonte sia diventato angusto come se quella passione e quegli ideali che forse un tempo ti hanno animato e ti hanno portato a intraprendere strade poco praticate adesso si siano trasformate in una fanghiglia che rende impraticabile qualsiasi percorso. le delusioni, le difficoltà, i momenti di sconforto, sono tanti e non voglio certo dirti che domani tutto sarà diverso, forse devi solo riscoprire una nuova forza, una nuova passione, una nuova realizzazione, ma in una forma più concreta e meno sognante. i sogni lasciali alla sera quando appoggi la testa sul cuscino e magari ci sarà anche una lacrima a bagnarlo, non fargli occupare tutta la tua giornata altrimenti il senso di soffocamento non ti permetterà di cogliere sfumature emotive sottili, ingabbiandoti nel tutto o niente. [smilie=emo_pic_18.gif]
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 19/07/2013, 16:02

tropicsnow ha scritto:[...]




io trovo che lo scambio che cerchi in realtà sia solo una facciata perchè se non cerchi più niente perchè la tua vita è ormai finita sotto ques'aspetto, discutere di pensieri conformi o non-conformi in materia di relazioni uomo-donna, a cosa dovrebbe portare se non a rafforzare le tue idee per convincerti che le cose sono come pensi e quindi la normale conseguenza del tuo stato quasi a tranquillizzarti sul fatto che non c'è più possibilità alcuna :rolleyes:
a me non sembra affatto che le cose siano così nere come le dipingi, così come non penso che quelli della "bassa" siano tanto chiusi verso chi non è della famiglia o che sia la famiglia a spingere verso la scelta di certi lavori e relazioni. forse sei tu ad avere molti pregiudizi e non gli altri.

il mio, spesso, è solo un invito a guardare oltre e altro perchè sembra che il tuo orizzonte sia diventato angusto come se quella passione e quegli ideali che forse un tempo ti hanno animato e ti hanno portato a intraprendere strade poco praticate adesso si siano trasformate in una fanghiglia che rende impraticabile qualsiasi percorso. le delusioni, le difficoltà, i momenti di sconforto, sono tanti e non voglio certo dirti che domani tutto sarà diverso, forse devi solo riscoprire una nuova forza, una nuova passione, una nuova realizzazione, ma in una forma più concreta e meno sognante. i sogni lasciali alla sera quando appoggi la testa sul cuscino e magari ci sarà anche una lacrima a bagnarlo, non fargli occupare tutta la tua giornata altrimenti il senso di soffocamento non ti permetterà di cogliere sfumature emotive sottili, ingabbiandoti nel tutto o niente. [smilie=emo_pic_18.gif]


;) Ciao TropicSnow grazie, ma anche la speranza è davvero morta, da tanti mesi ed è giusto così senza autocommiserazione..Certe persone hanno nel loro destino di essere sempre abbandonate e non avere altro che la fedele compagna solitudine che la perseguita ovunque, nelle strade come nelle case...Nelle città come nelle diverse succedutesi età [Travis Bickle, cit.]...Senza nessun motivo a vederle, e conoscerle, apparente..Scrivo qui di "relazioni uomo-donna" perchè devo scrivere già per lavoro di talmente altre e lontane cose, e quasi mai di motivi personali...Ti diletti di psicologia, come me?

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 19/07/2013, 18:52

MaxDembo78 ha scritto:[...]

;) Ciao TropicSnow grazie, ma anche la speranza è davvero morta, da tanti mesi ed è giusto così senza autocommiserazione..Certe persone hanno nel loro destino di essere sempre abbandonate e non avere altro che la fedele compagna solitudine che la perseguita ovunque, nelle strade come nelle case...Nelle città come nelle diverse succedutesi età [Travis Bickle, cit.]...Senza nessun motivo a vederle, e conoscerle, apparente..
...e magari cercare nei volti che incontri per strada qualcosa che possa essere familiare...


MaxDembo78 ha scritto: Scrivo qui di "relazioni uomo-donna" perchè devo scrivere già per lavoro di talmente altre e lontane cose, e quasi mai di motivi personali...Ti diletti di psicologia, come me?

più che diletto è bisogno... più nel passato che nel presente... :)


P.S. vedi che è facile riconoscere ciò che ti appartiene ;)
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

george clooney
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4374
Iscritto il: 21/06/2008, 19:10

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da george clooney » 19/07/2013, 20:15

tropicsnow ha scritto:[...]



se una frequenta l'università per ovvie ragioni è portata a frequentare altre persone che la frequentano perchè il loro giro è quello. una volta laureati si inizia a lavorare e si continua a frequentare persone che sono nello stesso ambiente perchè è con loro che si viene in contatto per un motivo o per un altro.

.
Questa è logica. Sarà più facile trovare una persona nell'ambiente che frequentiamo abitualmente, no? ;)

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2005
Iscritto il: 26/12/2009, 17:47

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da airlander » 20/07/2013, 6:23

tropicsnow ha scritto:[...]
non so a che tipo di differenza di età facevi riferimento...
forse semplicemente cercano un loro pari... :rolleyes:
anche gli uomini sono così: qualche settimana fa un quasi cinquantenne ci ha provato con me, ma per me è out e quando gli ho chiesto perchè non cercasse donne più vicine a lui per età e per vissuto, mi ha risposto che lui la vuole colta oltre che carina tracciandomi un quadro delle over 40 pessimo. le ha descritte depresse, represse, o poco curate o troppo attente all'apparenza e ignoranti :O. sono rimasta allibita. :O
ora lui è un professionista (commercialista :P ) uomo distinto e direi anche colto per cui posso capire che cerchi una al suo livello perchè bisogna comprendersi e condividere molto più del letto per far funzionare le cose. ho capito che aveva intenzioni serie, ma per me la differenza di età e soprattutto il fatto che avesse già alle spalle un matrimonio e figli non è il massimo per quanto possa averlo trovato piacevole... :rolleyes:
questo per dirti che anche voi uomini guardate oltre l'aspetto fisico e non basta essere piacenti per costruire qualcosa di più importante e soprattutto soddisfacente.
e se avvenisse il contrario ed a provarci con un sessantenne fosse una trentenne? per me sono out moltissime cose, in fatto di selettività nei rapporti, ed è stato così da sempre sin quando ero ragazzo, senza tuttavia poter del tutto escludere a priori che quando una persona riesce a penetrare crebralmente dentro di te potrebbe non esistere alcuna barriera a frenare l'istintività di volerne approfondire la conoscenza, saranno poi gli eventi a stabilire se potrà essere, e quanto, perchè molto sovente sono più le paure insite in noi ad impedire l'evolvere di emozioni positive, e ciò in genere avviene anche in tutte le altre situazioni che conducono solo verso la negatività.
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 20/07/2013, 10:43

airlander ha scritto:[...]


e se avvenisse il contrario ed a provarci con un sessantenne fosse una trentenne? per me sono out moltissime cose, in fatto di selettività nei rapporti, ed è stato così da sempre sin quando ero ragazzo, senza tuttavia poter del tutto escludere a priori che quando una persona riesce a penetrare crebralmente dentro di te potrebbe non esistere alcuna barriera a frenare l'istintività di volerne approfondire la conoscenza, saranno poi gli eventi a stabilire se potrà essere, e quanto, perchè molto sovente sono più le paure insite in noi ad impedire l'evolvere di emozioni positive, e ciò in genere avviene anche in tutte le altre situazioni che conducono solo verso la negatività.


caro airlander, il problema non è la differenza di età in sè e per sè o la paura di vivere le emozioni perchè è vero quanto affermi e cioè quando una persona ti entra in testa poi è difficile mettere un freno.

il problema è un altro ossia la progettualità. mi spiego: la differenza di età non conta fino a quando si parla solo di sentimenti e/o emozioni che si vivono fino a quando ci sono, finchè dura come dice Verdone. pertanto ci sono due persone che si incontrano, che provano qualcosa l'uno per l'altra e che vivono questo loro sentimento indipendentemente dalle loro età.
a un certo punto dovrà esserci un progetto e a questo punto tutto conta inclusa la differenza di età!
ora se questo progetto è diverso come si mettono le cose? poniamo che la trentenne -come è giusto che sia alla sua età- voglia un matrimonio e dei figli insomma una famiglia come tante, mentre il sessantenne no, perchè ha già dei figli da una precedente relazione o perchè per l'età che avanza non si sente di essere padre (e anche se lo fosse fino a che punto sarebbe in grado di farlo?)
a questo punto cosa succede? la trentenne dovrà rinunciare al suo progetto oppure dovrà chiudere quella relazione, in entrambi i casi la scelta sarà sofferta perchè quando ci si lega a una persona diventa difficile lasciarla andare e diventa difficile anche incontrarne una nuova... e nel frattempo saranno passati gli anni :rolleyes:
queste cose vanno pensate per tempo prima di ritrovarsi impelagati in una relazione che diventa sofferenza (ho consociuto ragazze che si sono pentite di aver iniziato una relazione con un uomo più grande di loro e con un matrimonio e figli alle spalle, dovendo farsi carico di una situazione non sempre facile e dovendo fare non poche rinunce. il discorso vale anche all'inverso, ho conosciuto qualche ragazzo che ha chiuso una sua storia con una donna più grande perchè non se la sentiva ancora di fare il grande passo e avere figli. quindi l'età conta eccome!)
secondo me bisogna avere le idee chiare su ciò che si vuole e cercare una persona che per età e per vissuto voglia le medesime cose così da dar vita a quel progetto comune che lega la coppia e le permette di andare avanti altrimenti quell'amore si trasformerà in frustrazione, rabbia, malessere. credo che non sia affatto bello vedere la persona che un tempo hai scelto e amato come un ostacolo alla propria realizzazione come donna e come madre. è davvero necessario arrivare a tanto per seguire l'emozione, l'istintività del momento? :rolleyes:

se, invece, vogliono vivere il momento senza pensare al dopo potranno, come affermi, "volerne approfondire la conoscenza, saranno poi gli eventi a stabilire se potrà essere, e quanto". come viene se la prendono, del resto sono adulti.



spero di essermi spiegata :rolleyes:

[smilie=ciau.gif]
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2005
Iscritto il: 26/12/2009, 17:47

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da airlander » 20/07/2013, 16:53

tropicsnow ha scritto:[...]
il problema non è la differenza di età in sè e per sè o la paura di vivere le emozioni perchè è vero quanto affermi e cioè quando una persona ti entra in testa poi è difficile mettere un freno.....
......credo che non sia affatto bello vedere la persona che un tempo hai scelto e amato come un ostacolo alla propria realizzazione come donna e come madre. è davvero necessario arrivare a tanto per seguire l'emozione, l'istintività del momento? :rolleyes:
se, invece, vogliono vivere il momento senza pensare al dopo potranno, come affermi, "volerne approfondire la conoscenza, saranno poi gli eventi a stabilire se potrà essere, e quanto". come viene se la prendono, del resto sono adulti.
spero di essermi spiegata :rolleyes:
[smilie=ciau.gif]
il concetto era chiaro sin dall'inizio e lo condivido pienamente proprio per le medesime considerazioni che hai fatto, il dubbio che permane è se sia sempre giusto non consentire alcuno spazio alle emozioni nell'attesa di un qualcosa che potrebbe non arrivare mai più, perdendo forse l'istante in nome di una progettualità che potrebbe rivelarsi comunque vana nel tempo, e rendendo poi ancora più estremo il rammarico di non aver vissuto quando era il momento.[smilie=ciau.gif]
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4223
Iscritto il: 05/04/2009, 18:45

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da tropicsnow » 20/07/2013, 17:55

airlander ha scritto:[...]


il concetto era chiaro sin dall'inizio e lo condivido pienamente proprio per le medesime considerazioni che hai fatto, il dubbio che permane è se sia sempre giusto non consentire alcuno spazio alle emozioni nell'attesa di un qualcosa che potrebbe non arrivare mai più, perdendo forse l'istante in nome di una progettualità che potrebbe rivelarsi comunque vana nel tempo, e rendendo poi ancora più estremo il rammarico di non aver vissuto quando era il momento.[smilie=ciau.gif]

mi sono posta spesso la medesima domanda...
credo sia una questione di scelte, si rischia per ciò che si reputa più importante in quel momento della propria vita.
nel corso della vita si è sempre a un bivio e occorre fare una scelta, l'importante è essere consapevoli di queste scelte in modo che non ci sia rimpianto, in modo da poter dire "ci ho provato". a volte va bene, altre volte no. altre volte ancora ci vuole fortuna. ;)

[smilie=ciau.gif]
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
arietina76
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4452
Iscritto il: 15/07/2009, 21:58

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da arietina76 » 21/07/2013, 13:09

tropicsnow ha scritto:[...]




mi sono posta spesso la medesima domanda...
credo sia una questione di scelte, si rischia per ciò che si reputa più importante in quel momento della propria vita.
nel corso della vita si è sempre a un bivio e occorre fare una scelta, l'importante è essere consapevoli di queste scelte in modo che non ci sia rimpianto, in modo da poter dire "ci ho provato". a volte va bene, altre volte no. altre volte ancora ci vuole fortuna. ;)

[smilie=ciau.gif]
ecco, secondo me questa è la cosa più importante.
se sin dall'inizio si crede che non valga la pena imbarcarsi in una certa situazione, allora è inutile partire, perchè lo si farebbe con lo stato d'animo sbagliato.
ma se invece si pensa che sia (o possa essere) qualcosa di importante, allora l'importante è pensarci bene, e decidere in modo da non avere rimpianti dopo.
ho sempre pensato che faccia più male un rimpianto, di un'esperienza andata male (salvo ovviamente i casi estremi, si intende).

MaxDembo78
Nuovo Iscritto
Messaggi: 0
Iscritto il: 29/06/2013, 10:49

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da MaxDembo78 » 21/07/2013, 16:32

arietina76 ha scritto:[...]



ecco, secondo me questa è la cosa più importante.
se sin dall'inizio si crede che non valga la pena imbarcarsi in una certa situazione, allora è inutile partire, perchè lo si farebbe con lo stato d'animo sbagliato.
ma se invece si pensa che sia (o possa essere) qualcosa di importante, allora l'importante è pensarci bene, e decidere in modo da non avere rimpianti dopo.
ho sempre pensato che faccia più male un rimpianto, di un'esperienza andata male (salvo ovviamente i casi estremi, si intende).
Io ogni esperienza che ho avuto ogni, se solo potessi tornare indietro a quando stava per iniziare e nemmeno probabilmente me ne rendevo conto appieno per lo shock emozionale di quanto sarebbe stata sbagliata, farei di tutto per allontanarla, assieme alla persona. Anzi, vorrei proprio dimenticarla, cancellarla completamente dalla mia mente. Come in "Eternal Sunshine of Spotless Mind". L'importante è "lasciare/lasciarsi bene"...Ma dove, come quando??!??! Soprattutto quando si viene abbandonati.
A questo punto, è molto meglio il "rischio", e rifiutare, allontanare/rsi sempre da tutti. Tanto se uno non può avere relazioni non può, si risparmia solo carrettate di "senno di poi", e di rimorsi i quali nemmeno dovrebbe avere ma solo l'altra persona, che secondo me, sono molto peggio di eventuali rimpianti. Anche per la propria autostima.

Avatar utente
Oniro
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 47
Iscritto il: 01/09/2013, 4:17

Re: Ragazze meridionali, belle e impossibili

Messaggio da Oniro » 04/09/2013, 16:51

MaxDembo78 ha scritto::O Saluti. Avendo modo di frequentare da molti anni una città ad altissima presenza giovanile meridionale, mi chiedo da sempre come mai e' cosi' impossibile entrare anche solo nell'orizzonte visivo "d'interesse" e comprensibilità , delle giovani donne/ragazze in Special modo calabro-siculo-pugliesi-lucane, se non facenti parte dei loro medesimi popoli...? In genere sono sempre e solo fra di loro, e' una questione di chiusura a mentalita'/culture in presupposto diverse dalla loro? E' comunque un'esclusione unilaterale, attuata da parte loro. :O
2° me tutte le italiane sono impossibili, perché la nostra cultura è ancora permeata di maschilismo patriarcale e ciò fa si che le ragazze siano sempre passive, i maschi devono mantenere il ruolo di unici corteggiatori

il risultato è che se un maschio è insicuro e timido rischia facilmente di ritrovarsi privo di esperienze, mentre una ragazza timida non corre lo stesso rischio poiché prima o poi qualcuno la corteggerà