Un forum o una chat per realizzarsi

Moderatore: Sabrina

Regole del forum
Solo discussioni. No annunci o organizzazione di eventi per cui esistono gli altri forum
Rispondi
Avatar utente
Turbo
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 425
Iscritto il: 30/09/2012, 15:31

Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Turbo » 08/11/2012, 2:57

In altri termini: Cosa chiediamo ad una community? MI spiego.
Mi è capitato spesso di conoscere gente (sia uomini che donne), che frequentano un forum per cercarsi una storia romantica, o persone che scrivono lunghi post di autocommiserazione. Nel primo caso, anni fa, su una community della wind (wind fun) conobbi una tipa siciliana (io stavo sempre a Parma), dopo un certo tempo, come di routine la cooscenza divento più stretta e alla fine (non sto a specificare ne il come ne il perchè sennò scriverei un libro) ci mettemmo insieme. Premetto che io frequento le community uncamante per c a z z e g g i a r e un pò, ma fatto sta che allora "partì" la "storia". Naturalmente dopo qualche tempo di frequentazione cominciarono anche le liti, alla fine io la mandai affa...ulo dicendole apertamente di rimettersi su qualche community per cercarsi un nuovo c r e t i n o da rompere e a lei scappò detto che stava su quella community per trovarsi il tipo, e dato che anche io frequentavo una chat, stava a significare che anche io stavo cercando la tipa (cosa che non era assolutamente vera)... ergo in giro ci sono persone che frequentano le community per cercare deliberatamente una storia.
In altri casi, ho conosciuto ragazzi (non erano assolutamente miei amici virtuali, ma stando in un forum come chatta.it finisce che i topic si leggono comunque) che stavano tutto il tempo a piangersi addosso finchè alla fine conoscevano un altra s f i g a t a timida e introversa e anche la scattava l'ingiucio.
Ho conosciuto altra gente estremamente introversa che, nonostante avessero storie sentimentali nel real, erano bisognose di affetto, ma date le loro carenze affettive, avevano un modo di proporsi estremamente acido e provocatorio (naturalmente non se ne rendevano conto dato il loro modus vivendi) osternando saccenza e polemica e poroponendosi (a parer mio) nella maniera più dubbia.

Naturalmente sto parlando di altre community quindi nessun riferimento a mailamici (tantopiù che sto qui da solo un mese e conosco poco o niente dei frequentatori, ne ho intenzione di giudicare le remore o i comportamenti di chicchessia)

A sto punto però, la domanda è d'obbligo. Non m'interessa sapere le motivazioni che vi spingono ad essere frequentatori di una community virtuale (le mie già le ho dette...sono qui per c a z z e g g i a r e ), ma in questo mondo di timidi, introversi, s f i g a t i, la domanda è: come comportarsi nel momento in cui incappate in qualcuna delle categorie suddette? gli date spago? lo contestate apertamente? cercate di ridimensionarlo alla realtà, lo sfuggite?
E' anche possibile (come di solito capita) che stringendo un rapporto d'amicizia o altro, la persona conosciuta via virtuale si riveli non tanto aperta mentalmente come inizialmente si era dimostrata, e ciò può portare a un coinvolgimento emotivo non preventivato...
Come vi sentite e come vi comportate nel caso specifico? (in fondo un forum è come un paese piccolo...il rosico e l'ingiucio sono di normale amministrazione).

cinque
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1357
Iscritto il: 19/03/2012, 1:12

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da cinque » 08/11/2012, 9:10

Turbo ha scritto:I

A sto punto però, la domanda è d'obbligo. Non m'interessa sapere le motivazioni che vi spingono ad essere frequentatori di una community virtuale (le mie già le ho dette...sono qui per c a z z e g g i a r e ), ma in questo mondo di timidi, introversi, s f i g a t i, la domanda è: come comportarsi nel momento in cui incappate in qualcuna delle categorie suddette? gli date spago? lo contestate apertamente? cercate di ridimensionarlo alla realtà, lo sfuggite?
E' anche possibile (come di solito capita) che stringendo un rapporto d'amicizia o altro, la persona conosciuta via virtuale si riveli non tanto aperta mentalmente come inizialmente si era dimostrata, e ciò può portare a un coinvolgimento emotivo non preventivato...
Come vi sentite e come vi comportate nel caso specifico? (in fondo un forum è come un paese piccolo...il rosico e l'ingiucio sono di normale amministrazione).
mah speriamo di non litigare con questo topic....
la parte sottolineata per me è incomprensibile: che vuol dire persona non aperta mentalmente?. visto che hai raccontato la tua io racconto la mia esperienza: ho chattato quando ero single e poi su msn e con skype coi miei amici; ora non chatto piu' perchè mi sono rotta. chatto solo con un mio amico personale del reale perchè ci prendiamo in giro costantemente , in modo pesante,e ci conosciamo benissimo. agli amici virtuali credo con un certo disincanto.
uso fb con parsimonia .
l'amore virtuale ed annessi lo conosco solo per averlo visto e non mi ispira granche' (per essere gentili....): da quando sono nei forum sono sempre stata impegnata e nessuno mai (che ricordi) mi ha fatto proposte. i motivi reconditi per cui qualcuno partecipa ad un forum non mi riguardano. non faccio piu' incontri dal reale perchè sono stufa di certi comportamenti che ho visto (gente che poi sul forum continua a parlare di incontri , di litigate e scontri, tra gente che si è vista una volta sola o due, gente che comincia ad odiarti e perseguitarti etc etc). in passato ho conosciuto molta gente a milano e se ero da qualche altra parte per motivi miei (non mi muovo per gente che non conosco di solito) non mi sono fatta problemi e mi sono QUASI sempre divertita(anzi sempre al momento e qualche volta un po' meno dopo l'incontro). d'altra parte io parlerei coi muri, si sa. è impossibile che in un gruppo io non trovi qualcuno con cui parlare o che non ci sia qualcuno che parli con me perchè mi trova ridicola. d'altra parte a me piace fare la pagliaccia.
ora pero' ho già un sacco di amici reali da comandare ed a cui fare la mammma (quasi tutti maschi): devo proprio essere ispirata per incontrare qualcuno nel real . non posso mica avere una comune di amici.
detto questo la tua domanda è interessante: all'inizio della frequentazione forumistica facevo la pulce a tutti e mi imbarcavo in discussioni pazzesche;
credo d'aver distrutto ( eh eh)ed essere stata distrutta (un po' meno, ma mi è capitato) da tutto il forum (erano comunque altri nic) . ho sempre evitato certi nic accuratamente (gente che viveva nel suo mondo; una si considerava una principessa, l'altro il suo cavaliere, un'altra parlava sempre dei fatti suoi...) e di non occuparmi degli sfogatoi permanenti di gente che compare e scompare.
ora cerco di evitare le persone nei casi psicologici piu' gravi o nei casi in cui capisco che non c'è feeeling, di riportare alla realtà in altri casi (ma quasi mai, direi, tanto ognuno rimane della propria idea e nessuno vuole essere contestato) e di vivere in pace . ogni tanto sballo un po', ma sempre in buona fede e per motivi che ritengo validi. stare a spiegare perchè significherebbe parlare ancora si me e credo sia abbastanza. non cominciamo a questionare....
p.s: è solo un mese che sei qua????? incredibile.
p.s2: la storia del capretto è piaciuta a tutti. hai fatto ridere gente in ufficio che io mai ho visto ridere. mio marito mi ha detto di dirti che lui mangerebbe il capretto anche d'estate... come sai bene hai coperto un buco nel mio cuore virtuale!!!!

Avatar utente
Turbo
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 425
Iscritto il: 30/09/2012, 15:31

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Turbo » 08/11/2012, 10:46

cinque ha scritto:[...]


mah speriamo di non litigare con questo topic....
la parte sottolineata per me è incomprensibile: che vuol dire persona non aperta mentalmente?. visto che hai raccontato la tua io racconto la mia esperienza: ho chattato quando ero single e poi su msn e con skype coi miei amici; ora non chatto piu' perchè mi sono rotta. chatto solo con un mio amico personale del reale perchè ci prendiamo in giro costantemente , in modo pesante,e ci conosciamo benissimo. agli amici virtuali credo con un certo disincanto.
uso fb con parsimonia .
l'amore virtuale ed annessi lo conosco solo per averlo visto e non mi ispira granche' (per essere gentili....): da quando sono nei forum sono sempre stata impegnata e nessuno mai (che ricordi) mi ha fatto proposte. i motivi reconditi per cui qualcuno partecipa ad un forum non mi riguardano. non faccio piu' incontri dal reale perchè sono stufa di certi comportamenti che ho visto (gente che poi sul forum continua a parlare di incontri , di litigate e scontri, tra gente che si è vista una volta sola o due, gente che comincia ad odiarti e perseguitarti etc etc). in passato ho conosciuto molta gente a milano e se ero da qualche altra parte per motivi miei (non mi muovo per gente che non conosco di solito) non mi sono fatta problemi e mi sono QUASI sempre divertita(anzi sempre al momento e qualche volta un po' meno dopo l'incontro). d'altra parte io parlerei coi muri, si sa. è impossibile che in un gruppo io non trovi qualcuno con cui parlare o che non ci sia qualcuno che parli con me perchè mi trova ridicola. d'altra parte a me piace fare la pagliaccia.
ora pero' ho già un sacco di amici reali da comandare ed a cui fare la mammma (quasi tutti maschi): devo proprio essere ispirata per incontrare qualcuno nel real . non posso mica avere una comune di amici.
detto questo la tua domanda è interessante: all'inizio della frequentazione forumistica facevo la pulce a tutti e mi imbarcavo in discussioni pazzesche;
credo d'aver distrutto ( eh eh)ed essere stata distrutta (un po' meno, ma mi è capitato) da tutto il forum (erano comunque altri nic) . ho sempre evitato certi nic accuratamente (gente che viveva nel suo mondo; una si considerava una principessa, l'altro il suo cavaliere, un'altra parlava sempre dei fatti suoi...) e di non occuparmi degli sfogatoi permanenti di gente che compare e scompare.
ora cerco di evitare le persone nei casi psicologici piu' gravi o nei casi in cui capisco che non c'è feeeling, di riportare alla realtà in altri casi (ma quasi mai, direi, tanto ognuno rimane della propria idea e nessuno vuole essere contestato) e di vivere in pace . ogni tanto sballo un po', ma sempre in buona fede e per motivi che ritengo validi. stare a spiegare perchè significherebbe parlare ancora si me e credo sia abbastanza. non cominciamo a questionare....
p.s: è solo un mese che sei qua????? incredibile.
p.s2: la storia del capretto è piaciuta a tutti. hai fatto ridere gente in ufficio che io mai ho visto ridere. mio marito mi ha detto di dirti che lui mangerebbe il capretto anche d'estate... come sai bene hai coperto un buco nel mio cuore virtuale!!!!
Beh, l'opinione che hai delle community e' (come la mia del resto) abbastanza incuietante, devo ammettere pero' che nei forum ho incontrato anche gente sobria (la mia ex con la quale ci "incontrammo" senza cercarci e senza corteggiarci, degli amici con cui facemmo gruppo nonostante provenivamo da regioni diverse, gli amici e le amiche delle wapwar (organizzavamo weekend un paio di volte al mese per tutta l'italia e come gruppo per unire gli altri amici virtuali...la domanda che mi sono posto editando il topic e' come mai si possa incontrare gente a volte cosi fusa, mentre altre volte si riesce a creare addirittura un gruppo di gente reale (sempre senza dimenticare che dietro ogni nick c'e' una persona in carne ed ossa) ...

Beh, il capretto l'ha fatto alidad mica io :DD (io al limite avrei potuto magnarmelo se il suo boyfriend proprio non lo voleva e se lei gentilmente me lo spediva a Roma via aerea) :DD

Ps. La simpatia e' reciproca, e' sempre un piacere (raro) trova' gente sulla stessa linea d'onda.

(Non per commentare o malignare, ieri me so fatto un giro sulla bacheca annunci del forum... ammazza aho' ? :O ce ne sta gente de bocca buona, altro che capretto... (della serie "basta che respiri nu se butta via niente")...

Insomma, ma a questo servono le community? Che se fa cosi'?...A volte me sento un marziano :(

cinque
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1357
Iscritto il: 19/03/2012, 1:12

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da cinque » 08/11/2012, 10:56

Turbo ha scritto:[...]



Beh, l'opinione che hai delle community e' (come la mia del resto) abbastanza incuietante, devo ammettere pero' che nei forum ho incontrato anche gente sobria no :(
in effetti non mi sono spiegata, come al solito. non mi ricordo mai che non c'eri nel forum : ne abbiamo parlato molte volte.
a parte molta gente sobria (il 90 per cento) che ho conosciuto ed ai miei amici virtuali ho molti amici conosciuti qui : una l'ho vista ieri, un'altra è in un altro stato e mi sono fatto proprio un gruppo di amici ma questo ho tentato di spiegarlo in un altro topic . diciamo che la metà dei miei amici sono stati conosciuti via web.
è un luogo come un altro ma oramai ci conosciamo da tanti anni, non conta piu' il mezzo grazie a cui questo è avvenuto
ciaaaaaaaao
p.s: infatti la ragazza di nuoro (il cui nic è incomprensibile) è una brava ragazza ed anche intelligente . ogni tanto pero' si deve ridere un po'....

Avatar utente
justeyes89
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 845
Iscritto il: 18/04/2011, 9:56

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da justeyes89 » 11/11/2012, 16:57

Turbo ha scritto:In altri termini: Cosa chiediamo ad una community? MI spiego.
Mi è capitato spesso di conoscere gente (sia uomini che donne), che frequentano un forum per cercarsi una storia romantica, o persone che scrivono lunghi post di autocommiserazione. Nel primo caso, anni fa, su una community della wind (wind fun) conobbi una tipa siciliana (io stavo sempre a Parma), dopo un certo tempo, come di routine la cooscenza divento più stretta e alla fine (non sto a specificare ne il come ne il perchè sennò scriverei un libro) ci mettemmo insieme. Premetto che io frequento le community uncamante per c a z z e g g i a r e un pò, ma fatto sta che allora "partì" la "storia". Naturalmente dopo qualche tempo di frequentazione cominciarono anche le liti, alla fine io la mandai affa...ulo dicendole apertamente di rimettersi su qualche community per cercarsi un nuovo c r e t i n o da rompere e a lei scappò detto che stava su quella community per trovarsi il tipo, e dato che anche io frequentavo una chat, stava a significare che anche io stavo cercando la tipa (cosa che non era assolutamente vera)... ergo in giro ci sono persone che frequentano le community per cercare deliberatamente una storia.
In altri casi, ho conosciuto ragazzi (non erano assolutamente miei amici virtuali, ma stando in un forum come chatta.it finisce che i topic si leggono comunque) che stavano tutto il tempo a piangersi addosso finchè alla fine conoscevano un altra s f i g a t a timida e introversa e anche la scattava l'ingiucio.
Ho conosciuto altra gente estremamente introversa che, nonostante avessero storie sentimentali nel real, erano bisognose di affetto, ma date le loro carenze affettive, avevano un modo di proporsi estremamente acido e provocatorio (naturalmente non se ne rendevano conto dato il loro modus vivendi) osternando saccenza e polemica e poroponendosi (a parer mio) nella maniera più dubbia.

Naturalmente sto parlando di altre community quindi nessun riferimento a mailamici (tantopiù che sto qui da solo un mese e conosco poco o niente dei frequentatori, ne ho intenzione di giudicare le remore o i comportamenti di chicchessia)

A sto punto però, la domanda è d'obbligo. Non m'interessa sapere le motivazioni che vi spingono ad essere frequentatori di una community virtuale (le mie già le ho dette...sono qui per c a z z e g g i a r e ), ma in questo mondo di timidi, introversi, s f i g a t i, la domanda è: come comportarsi nel momento in cui incappate in qualcuna delle categorie suddette? gli date spago? lo contestate apertamente? cercate di ridimensionarlo alla realtà, lo sfuggite?
E' anche possibile (come di solito capita) che stringendo un rapporto d'amicizia o altro, la persona conosciuta via virtuale si riveli non tanto aperta mentalmente come inizialmente si era dimostrata, e ciò può portare a un coinvolgimento emotivo non preventivato...
Come vi sentite e come vi comportate nel caso specifico? (in fondo un forum è come un paese piccolo...il rosico e l'ingiucio sono di normale amministrazione).
Turbo,ti voglio fare una domanda.Tu credi che se una persona nella vita reale ha difficoltà a socializzare con tutti,sia sfigato o da compatire?Tu dici di essere una persona socievole ed é un bene per te ovviamente,però dai l'impressione di giudicare in maniera negativa chi non la pensa allo stesso modo,chi non riesce a fare amicizia con tutti come fai te.E poi mi permetto di dirti una cosa che non c'entra col topic ma non la prendere sul personale,secondo me sei un pò permalosetto... :DD
Preoccupati più del carattere che della tua reputazione,perchè il carattere è ciò che sei,la reputazione ciò che gli altri pensano di te

Artemisia


Messaggio da Artemisia » 11/11/2012, 17:24

Ho fatto caso ad una cosa da quando frequento i forum, e anche questo non si sottrae: quasi tutti giudicano chi non la pensa come loro.

Potrei fare alcuni esempi ma poi alcune persone si sentirebbero tirate in ballo e io non voglio entrare nel dettaglio, pero' vedo che il rispetto per il pensiero altrui non esiste. O meglio....alcuni dicono "Si, ognuno la pensa come vuole, ma io penso meglio" :DD

Raga....il mondo e' davvero bello perche' e' vario, pure quando sembra avariato ;)

Avatar utente
Turbo
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 425
Iscritto il: 30/09/2012, 15:31

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Turbo » 12/11/2012, 2:27

justeyes89 ha scritto:[...]



Turbo,ti voglio fare una domanda.Tu credi che se una persona nella vita reale ha difficoltà a socializzare con tutti,sia sfigato o da compatire?Tu dici di essere una persona socievole ed é un bene per te ovviamente,però dai l'impressione di giudicare in maniera negativa chi non la pensa allo stesso modo,chi non riesce a fare amicizia con tutti come fai te.E poi mi permetto di dirti una cosa che non c'entra col topic ma non la prendere sul personale,secondo me sei un pò permalosetto... :DD
Allora, vediamo un pò... :)
Cominciamo col dire che lo scopo di questo thread era quello di aprire una discussione a scopo "didattico" e non per mettere in passerella la mia personalità o quella altrui :) Ho parlato di certe esperienze che mi hanno fatto un pò pensare e mi piaceva conoscere il pensiero degli altri in merito (purchè sia sincero).

Adesso dato che mi hai fatto domande sul personale, rispondo anche a quelle:
1) Io non dico di essere una "persona socievole" , ho detto solo (in qualche discussione su altri topic) che difficilmente ho problemi a socializzare. (naturalmente sono pienamente cosciente di essere una persona criticabile e non essere molto "simpatica" ad una certa categoria di gente (i quali neanche a me stanno al top della simpatia e siamo pari)
2) non ho alcuna intenzione di essere un modello comportamentale. Ognuno rappresenta un universo a se, ed essere se stessi è una priorità assoluta.
3) Non comptisco nessuno a priori, non sono una persona molto compassionevole (anzi a dirla tutta so proprio un "pessimo") :DD e non giudico, ma valuto (che sono 2 cose differenti) ma questa è questione di selettività non di giudizio. (non approfondisco la figura dello "sfigato" unicamente perchè sarebbe OT e dovrei scrivere tanto per analizzarne le sfaccettature del carattere. Dico solo che non mi piace avere sfigati e perdenti nelle mie cerchie di amici.
4) Non so se sono permaloso...non me lo sono mai posto il problema (ne ho intenzione di cominciare adesso) :) Ho un certo senso dell'umorismo, più o meno "pesante", ho una lingua tagliente e credo di conoscere abbastanza le persone per dire la parola giusta al momento giusto per far male quando e dove più fa male (ma questo lo faccio anche quando combatto....anzi combattevo sul ring. sono un appassionato di militaria e di combattimrnto e dopo un po certi atteggiamenti diventano istintivi anche se la cosa non ti ferisce emozionalmente. Ma cercando di restare sempre sull'impersonale, avendo lo spiccato senso dell'humor ed essendo un assertore del pensiero logico posso dire che il mio tasso di "permalosita" è abbastanza ridotto...

vedi just, nel caso mi sentissi ferito da qualche frase o me la prendessi per un determinato comportamento, lo direi apertamente e senza nascondermi e ciò invece di indebolirmi mi rafforzerebbe ("usare le armi del nemico per rivolgergliele contro" è una tecnica dell'Hagakure ripresa anche dal libro dei 5 anelli)

ps. Madò, quando finisco pe parlà di roba taoista me sento un pò come er maestro miagi di "karate kid"....per la serie "come te inguaiano la capoccia 40 anni di arti marziali" :?

Avatar utente
Turbo
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 425
Iscritto il: 30/09/2012, 15:31


Messaggio da Turbo » 12/11/2012, 2:48

Artemisia ha scritto:Ho fatto caso ad una cosa da quando frequento i forum, e anche questo non si sottrae: quasi tutti giudicano chi non la pensa come loro.

Potrei fare alcuni esempi ma poi alcune persone si sentirebbero tirate in ballo e io non voglio entrare nel dettaglio, pero' vedo che il rispetto per il pensiero altrui non esiste. O meglio....alcuni dicono "Si, ognuno la pensa come vuole, ma io penso meglio" :DD

Raga....il mondo e' davvero bello perche' e' vario, pure quando sembra avariato ;)
Beh Arte, ammetto che l'argomento di questo thread è molto delicato e che quancosa detta potrebbe trarre in errore e sembrare fosse riferito a questa community. Non creiamo un vespaio anche su questo argomento :(

Il punto dell'argomento proposto parte precisamente dall'esempio citato nel primo post. Insomma, sembra così difficile per una categoria di persone (quelle che usano una community per trovarsi il fidanzato) afferrare che al contrario qualcuno frequenti la stessa community esclusivamente per scambiare du chiacchiere? (al punto da insistere sull'impossibilità del fatto che uno chatti per c a z z e g g i a r e e arrivando a dare dell'ipocrita a quelli che non la pensano alla sua stessa maniera?
Allo stesso modo, una persona acida e ipercritica che frequenta una community lamentandosi del fatto che non riesce a far parte di un gruppo e che le persone dopo un pò finiscono per evitarla, Accusa il resto del mondo mettendo se stessa automaticamente su un piedistallo di illusioni, come fa a non capire che il problema della sua solitudine sta in lei e non nel resto del mondo?

ps.
D'altra parte so che qualcuno probabilmente si vedrà descritto in questi due esempi, ma ripeto...sono esempi assolutamente indicativi ed hanno per protagoniste persone che non si trovano su mailamici. 8)

Artemisia


Messaggio da Artemisia » 12/11/2012, 20:05

Turbo ha scritto:[...]



Beh Arte, ammetto che l'argomento di questo thread è molto delicato e che quancosa detta potrebbe trarre in errore e sembrare fosse riferito a questa community. Non creiamo un vespaio anche su questo argomento :(

Il punto dell'argomento proposto parte precisamente dall'esempio citato nel primo post. Insomma, sembra così difficile per una categoria di persone (quelle che usano una community per trovarsi il fidanzato) afferrare che al contrario qualcuno frequenti la stessa community esclusivamente per scambiare du chiacchiere? (al punto da insistere sull'impossibilità del fatto che uno chatti per c a z z e g g i a r e e arrivando a dare dell'ipocrita a quelli che non la pensano alla sua stessa maniera?
Allo stesso modo, una persona acida e ipercritica che frequenta una community lamentandosi del fatto che non riesce a far parte di un gruppo e che le persone dopo un pò finiscono per evitarla, Accusa il resto del mondo mettendo se stessa automaticamente su un piedistallo di illusioni, come fa a non capire che il problema della sua solitudine sta in lei e non nel resto del mondo?

ps.
D'altra parte so che qualcuno probabilmente si vedrà descritto in questi due esempi, ma ripeto...sono esempi assolutamente indicativi ed hanno per protagoniste persone che non si trovano su mailamici. 8)
E' verissimo, ne ho conosciute tantissime in rete cosi. L'ultima categoria poi riempie il mondo reale :DD

Avatar utente
Andyphone
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3695
Iscritto il: 11/09/2004, 0:02


Messaggio da Andyphone » 12/11/2012, 21:34

Odio ripetermi, ma per cortesia non usate spazi e abbreviazioni o altro per aggirare la censura del forum. Cambiate semmai vocabolario :-)

Grazie.
- Andy 'Andyphone' - Moderatore e Admin di MailAmici.it -
* leggete sempre le Linee Guida di MailAmici *

Rimuovere l'utente 11898

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Rimuovere l'utente 11898 » 18/11/2012, 15:35

Turbo ha scritto:In altri termini: Cosa chiediamo ad una community?
Io nulla, e non ho mai chiesto niente. Mi ci sono avventurato anni fa, seguendo dei ricordi personali, e ho incontrato gran parte di persone per bene e con le quali sono nati dei sodalizi importanti. Peccato la distanza...
Turbo ha scritto: :[b] come comportarsi nel momento in cui incappate in qualcuna delle categorie suddette? gli date spago? lo contestate apertamente? cercate di ridimensionarlo alla realtà, lo sfuggite?[/b]
E' anche possibile (come di solito capita) che stringendo un rapporto d'amicizia o altro, la persona conosciuta via virtuale si riveli non tanto aperta mentalmente come inizialmente si era dimostrata, e ciò può portare a un coinvolgimento emotivo non preventivato...
Come vi sentite e come vi comportate nel caso specifico? (in fondo un forum è come un paese piccolo...il rosico e l'ingiucio sono di normale amministrazione).
Affrontando le comunità virtuali nella maniera con la quale mi sembra di aver capito fai anche tu, è possibile vivere questa straordinaria opportunità di conoscere e confrontarsi con molta gente, apprendendo e scambiando pareri, ampliando i motivi di riflessione e condividendo magari passioni e hobby comuni.
Assumere cioè un atteggiamento disincantato ed equamente distante, tenendo presente che non tutto è oro quel che luccica, e che molto spesso è facile (ma non scontato), farsi attirare da pensieri e parole che all'apparenza sembrano incarnare in tutto e per tutto il nostro pensiero o il nostro bisogno di quel momento. La realtà può invece essere molto diversa, poichè le persone non si conoscono appieno, e manca assolutamente quell'interazione diretta che pone al centro la fisicità e la frequenza in campo quotidiano. E con questo non voglio dire di rifiutare aprioristicamente ogni contatto, o rimanere schivi e impassibili. Credo sia utile per se stessi, non lasciare nulla al caso, e non accendersi troppo presto per quello che molto spesso si è rivelato un fuoco fatuo.

Di contro non mi piace però nemmeno il facile giudizio. La presa di posizione virulenta e granitica contro chi e che cosa, non appare appartenere al tuo modo di pensare o di vivere la Rete. E' molto bello il confronto, anche quando diventa contrapposizione, ma sempre entro i limiti del rispetto e della consapevolezza che, quel nick name, non lo si conosce appieno e non fa parte della nostra vita. Non è la nostra amica del cuore, o la fidanzata fedifraga che ha tradito i nostri sentimenti. Troppa gente invece, eccssivamente carica di emotività e spirito combattivo, sembra inserirsi in una discussione come scendere nell'arena del Colosseo, e profonde isterismi e angoscie, che andrebbero magari evitati per pudore, o consegnati nelle mani di un bravo professionista.

Avatar utente
Turbo
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 425
Iscritto il: 30/09/2012, 15:31

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Turbo » 18/11/2012, 16:03

Shadow750 ha scritto:[...]


Affrontando le comunità virtuali nella maniera con la quale mi sembra di aver capito fai anche tu, è possibile vivere questa straordinaria opportunità di conoscere e confrontarsi con molta gente, apprendendo e scambiando pareri, ampliando i motivi di riflessione e condividendo magari passioni e hobby comuni.
Assumere cioè un atteggiamento disincantato ed equamente distante, tenendo presente che non tutto è oro quel che luccica, e che molto spesso è facile (ma non scontato), farsi attirare da pensieri e parole che all'apparenza sembrano incarnare in tutto e per tutto il nostro pensiero o il nostro bisogno di quel momento. La realtà può invece essere molto diversa, poichè le persone non si conoscono appieno, e manca assolutamente quell'interazione diretta che pone al centro la fisicità e la frequenza in campo quotidiano. E con questo non voglio dire di rifiutare aprioristicamente ogni contatto, o rimanere schivi e impassibili. Credo sia utile per se stessi, non lasciare nulla al caso, e non accendersi troppo presto per quello che molto spesso si è rivelato un fuoco fatuo.

Di contro non mi piace però nemmeno il facile giudizio. La presa di posizione virulenta e granitica contro chi e che cosa, non appare appartenere al tuo modo di pensare o di vivere la Rete. E' molto bello il confronto, anche quando diventa contrapposizione, ma sempre entro i limiti del rispetto e della consapevolezza che, quel nick name, non lo si conosce appieno e non fa parte della nostra vita. Non è la nostra amica del cuore, o la fidanzata fedifraga che ha tradito i nostri sentimenti. Troppa gente invece, eccssivamente carica di emotività e spirito combattivo, sembra inserirsi in una discussione come scendere nell'arena del Colosseo, e profonde isterismi e angoscie, che andrebbero magari evitati per pudore, o consegnati nelle mani di un bravo professionista.
Assolutamente giusto quanto dici,ma prendi in considerazione l'aspetto generale della cosa.
E' più che normale che frequentare una community significa mettersi in gioco e confrontarsi, ma il mio thread era riferito appunto alla fase successiva, Quando la conoscenza non era più "virtuale" ormai da anni, le persone se ne escono contraddicendo tutte le loro dichiarazioni fino a manifestaarsi per l'esatto contrario della tipologia usata per mettersi in gioco.
Dopo la fase di conoscenza reale, succede che magari il "poeta", l'uomo sensibile della communnity, quello che scrive di rose, violini e amore da romanzetto harmony, risulta il più gelido e ******* *******, La ragazza emancipata, quella a cui non importa quali siano i tuoi hobby, ti ricatti moralmente (dopo che te la sei presa come fidanzata) pretendendo che tu rinunci a questi ultimi e ti giudica coi luoghi comuni più elementari (esempio: conosci in chat una tipa che ti dice che ha paura di andare in moto ma non ggli importa se un suo eventuale fidanzato coltiva questa passione....e dopo che ti ci sei messo insieme ti leva la salute e la fantasia e ti tiene il broncio per settimane fino a farti fare la morale dai suoi parenti e conoscenti per farti rinunciare alla tua custom)....
Alla fine ti accusa di esserti registrato alla chat dove vi siete conosciuti perchè eri in cerca di una fidanzata (ed ammette di aver fatto anche lei la stessa cosa...)

Insomma, conoscenza per conoscenza, che scatti la storia ci sta pure....ma pensare che in una community , circa il 75/80% della gente la pensa in questa maniera è abbastanza deprimente non trovi?

Rimuovere l'utente 11898

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Rimuovere l'utente 11898 » 18/11/2012, 23:56

Turbo ha scritto:[...]
Quando la conoscenza non era più "virtuale" ormai da anni, le persone se ne escono contraddicendo tutte le loro dichiarazioni fino a manifestaarsi per l'esatto contrario della tipologia usata per mettersi in gioco.

Insomma, conoscenza per conoscenza, che scatti la storia ci sta pure....ma pensare che in una community , circa il 75/80% della gente la pensa in questa maniera è abbastanza deprimente non trovi?
Purtroppo il virtuale offre la possibilità di crearsi un mondo proprio e personale, dove un soggetto immagina e gioca ad essere chissà quale personaggio, stravolgendo la sua realtà quotidiana che molto spesso gli va stretta. Io non dico che lo faccia apposta, o animato da desiderio di ingannare il prossimo, ma è la chiave dell'evasione da una vita magari piatta e monotona, oppure lo sfogo di frustrazioni e rabbie represse, fino al crearsi una platea congenita per i proprio piagnistei e polemiche varie. E poi diciamocela tutta, ma in Rete è facile fare proseliti in questo senso, quindi chiunque, tanto per fareun esempio, voglia prendersela con i qualunquisti piuttosto che con i traditori, trova facilmente terreno fertile :(

Poi che in taluni casi possano invece sorgere belle amicizie, o anche storie sentimentali di vario livello e durata, io non lo vedo negativo. Anche il Web è un posto dove potersi incontrare, conoscersi, piacersi e poi del caso innamorarsi.
Per fortuna c'è anche tanto di buono e solidale da queste parti, ed io non posso che confermarlo per gran lunga della mia decennale esperienza di forum e social network.

Avatar utente
Turbo
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 425
Iscritto il: 30/09/2012, 15:31

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Turbo » 19/11/2012, 1:18

Shadow750 ha scritto:[...]
...ma è la chiave dell'evasione da una vita magari piatta e monotona, oppure lo sfogo di frustrazioni e rabbie represse, fino al crearsi una platea congenita per i proprio piagnistei e polemiche varie....
Si, spesso ho notato anche io su parecchi forum la tendenza a piangersi addosso per attirare la comprensione e la solidarietà degli altri (ho letto ragazze che dichiaravano i peggio mali della terra o non dico quali handicap sbattendoteli in faccia come un arma se te le rispondevi a tono trattandole al pari della loro acidità).

Ma hai dimenticato anche quella (ancora oggi) folta fascia di persone straconvinte perse che internet sia fatta per guardare film o foto porno o che un forum o una chat siano un mezzo sicuro e garantito per cercarsi un compagno (o come viene chiamata quì "anima gemella"...)

Ma poi, sta "platea" di cui dicevi sopra...è cosciente di essere tirata in mezzo, suo malgrado, per fare il confessore o l'analista delle frustrazioni altrui? :rolleyes:

cinque
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1357
Iscritto il: 19/03/2012, 1:12

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da cinque » 19/11/2012, 8:56

justeyes89 ha scritto:[...]



Turbo,ti voglio fare una domanda.Tu credi che se una persona nella vita reale ha difficoltà a socializzare con tutti,sia sfigato o da compatire?Tu dici di essere una persona socievole ed é un bene per te ovviamente,
ho capito il tuo discorso. ricordati, pero', che non riuscire a socievolizzare è un handicap enorme e nella vita reale dà grandi problemi. Non fare come molti altri che ritengono questa ritrosia una dote da coltivare.
tanti auguri. sono lieta della tua felicità e ti invidio un po'....
p.s : aspettare di fare un figlio dopo la laurea, lavoro, matrimonio ti avrebbe potuto far perdere il treno.. sei giovane e con tante forze e, da che mondo e mondo, i figli si fanno alla tua età.
ciaaaaao :heart:
Turbo ha scritto:
Ma hai dimenticato anche quella (ancora oggi) folta fascia di persone straconvinte perse che internet s che un forum o una chat siano un mezzo sicuro e garantito per cercarsi un compagno (o come viene chiamata quì "anima gemella"...)

Ma poi, sta "platea" di cui dicevi sopra...è cosciente di essere tirata in mezzo, suo malgrado, per fare il confessore o l'analista delle frustrazioni altrui? :rolleyes:

oppure solo un'avventura sentimentale ...
non c'è nulla da fare, turbo: non riuscirai mai a convincere queste persone che non hai lo stesso intento e se ti invischi nelle loro situazioni potresti finire nei guai. è ovvio, pero', che una vita completamente soddisfacente non ti porta ad una community ,almeno molto spesso.
per quanto riguarda la platea di emulatori di personalità forti , forti solo in un forum ,sono per lo piu' persone in buona fede che non si rendono conto di quel che fanno . un sano distacco dal mondo virtuale è utile...
in alcuni casi, invece, fare lo psicoterapeuta o consigliere da forum lusinga l'ego d'altri.
io sono una persona emotiva e combattiva, come dice shadow, ma lotto per cose importanti nella vita reale o per persone a cui tengo .

Avatar utente
justeyes89
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 845
Iscritto il: 18/04/2011, 9:56

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da justeyes89 » 19/11/2012, 11:33

cinque ha scritto:[...]


ho capito il tuo discorso. ricordati, pero', che non riuscire a socievolizzare è un handicap enorme e nella vita reale dà grandi problemi. Non fare come molti altri che ritengono questa ritrosia una dote da coltivare.
tanti auguri. sono lieta della tua felicità e ti invidio un po'....
p.s : aspettare di fare un figlio dopo la laurea, lavoro, matrimonio ti avrebbe potuto far perdere il treno.. sei giovane e con tante forze e, da che mondo e mondo, i figli si fanno alla tua età.
ciaaaaao :heart:


[...]

Si ,sicuramente può creare dei disagi.Grazie per le belle parole,ci volevano proprio in questo momento.Scusa turbo per l'off-topic ;)




oppure solo un'avventura sentimentale ...
non c'è nulla da fare, turbo: non riuscirai mai a convincere queste persone che non hai lo stesso intento e se ti invischi nelle loro situazioni potresti finire nei guai. è ovvio, pero', che una vita completamente soddisfacente non ti porta ad una community ,almeno molto spesso.
per quanto riguarda la platea di emulatori di personalità forti , forti solo in un forum ,sono per lo piu' persone in buona fede che non si rendono conto di quel che fanno . un sano distacco dal mondo virtuale è utile...
in alcuni casi, invece, fare lo psicoterapeuta o consigliere da forum lusinga l'ego d'altri.
io sono una persona emotiva e combattiva, come dice shadow, ma lotto per cose importanti nella vita reale o per persone a cui tengo .[/quote]

Non tutte le persone che frequentano le community lo fanno per piangersi addosso o per sentirsi dire quanto sono brave.C'é anche chi lo fa' per passare un pò di tempo.Io non darei troppo peso a ciò che le persone scrivono,fino a che non si ha la possibilità di conoscerle dal vivo.Allora si che possono nascere belle amicizie.
Preoccupati più del carattere che della tua reputazione,perchè il carattere è ciò che sei,la reputazione ciò che gli altri pensano di te

cinque
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1357
Iscritto il: 19/03/2012, 1:12

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da cinque » 19/11/2012, 11:46

justeyes89 ha scritto:[...]




Non tutte le persone che frequentano le community lo fanno per piangersi addosso o per sentirsi dire quanto sono brave.C'é anche chi lo fa' per passare un pò di tempo.Io non darei troppo peso a ciò che le persone scrivono,fino a che non si ha la possibilità di conoscerle dal vivo.Allora si che possono nascere belle amicizie.
di solito c'è una fase intermedia di conoscenza in privato : è in questa fase in cui molta gente crede di conoscere qualcuno (mail, telefonate).
invece la vita è la quotidianità: non ci sono sentimenti in bianco o nero: anche le persone che ami ti deludono e tu deludi loro, c'è la tolleranza, la sopportazione, il grigio, non solo una simpatia o antipatia generica creata dal virtuale. troppo facile così....

Artemisia

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Artemisia » 19/11/2012, 12:51

cinque ha scritto:[...]


di solito c'è una fase intermedia di conoscenza in privato : è in questa fase in cui molta gente crede di conoscere qualcuno (mail, telefonate).
invece la vita è la quotidianità: non ci sono sentimenti in bianco o nero: anche le persone che ami ti deludono e tu deludi loro, c'è la tolleranza, la sopportazione, il grigio, non solo una simpatia o antipatia generica creata dal virtuale. troppo facile così....
Assolutamente si. Il virtuale serve per ampliare il raggio di conoscenze ma l'amicizia, come l'amore, necessita di un minimo di frequentazione. Quindi, se dopo un periodo di frequentazione nel forum, via mail o telefono ci si accorge di sentire una forte affinita' o simpatia si deve concretizzare il rapporto e se ne vale davvero la pena non ci sono kilometri che tengano.

Rimuovere l'utente 11898

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Rimuovere l'utente 11898 » 20/11/2012, 21:14

justeyes89 ha scritto:[...]
Per quanto riguarda la platea di emulatori di personalità forti , forti solo in un forum ,sono per lo piu' persone in buona fede che non si rendono conto di quel che fanno . un sano distacco dal mondo virtuale è utile...
in alcuni casi, invece, fare lo psicoterapeuta o consigliere da forum lusinga l'ego d'altri.
io sono una persona emotiva e combattiva, come dice shadow, ma lotto per cose importanti nella vita reale o per persone a cui tengo .
E per fortuna che ti interessi e ti impegni per cose reali e concrete, e vedi che adesso stai attraversando un momento magnifico e denso di emozioni vere e alimentanti la tua personalità e carattere.
Purtroppo invece, magari come dici tu anche inconsapevolmente, tanti cercano l'affermazione e lo spazio fra le colonne di un forum, cercando di emergere da situazioni piatte e grige, ma non solo cercando amicizie e confronti nuovi e positivi, ma magari ricalcando infinite volte i loro stessi drammi esistenziali.
justeyes89 ha scritto:[...]
Non tutte le persone che frequentano le community lo fanno per piangersi addosso o per sentirsi dire quanto sono brave.C'é anche chi lo fa' per passare un pò di tempo.Io non darei troppo peso a ciò che le persone scrivono,fino a che non si ha la possibilità di conoscerle dal vivo.Allora si che possono nascere belle amicizie.
E' vero, ci sono tante brave persone, magari costrette al virtuale da un carattere timido e introverso, ma dentro di essi dotati di tanta carica umana e positiva.
Poi sul dare peso a quanto si scrive, per carità... io non do mai eccessivo peso o significato a tante cose del mondo reale, se non prima si averle ponderate e valutate almeno 100 volte. Specie poi quando si tratta di esternazioni troppo personali, o racconti fiume della propria vita, presupponendo che l'interlocutore che si ha davanti, sia la manna per i propri problemi. Tutto deve avere una sua giusta dimensione... se poi son rose, che fioriscano... :)

cinque
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1357
Iscritto il: 19/03/2012, 1:12

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da cinque » 21/11/2012, 8:53

Artemisia ha scritto:[...]



Assolutamente si. Il virtuale serve per ampliare il raggio di conoscenze ma l'amicizia, come l'amore, necessita di un minimo di frequentazione. Quindi, se dopo un periodo di frequentazione nel forum, via mail o telefono ci si accorge di sentire una forte affinita' o simpatia si deve concretizzare il rapporto e se ne vale davvero la pena non ci sono kilometri che tengano.
non saprei; io ricordo con estrema liberazione quando mi accorsi in adolescenza che ero riuscita ad interrompere i miei rapporti d'amicizia a distanza (si chiamavano amici di penna); ho un carattere tremendo: non riesco ad andare d'accordo col vicino di casa , figurarsi con uno che abita dall'altra parte del mondo .
Shadow750 ha scritto:[...]

. Specie poi quando si tratta di esternazioni troppo personali, o racconti fiume della propria vita, presupponendo che l'interlocutore che si ha davanti, sia la manna per i propri problemi. Tutto deve avere una sua giusta dimensione... se poi son rose, che fioriscano... :)
si' alla fine con chi parli? solo uomini???? quando fai l'aperitivo pensi di non dover sentire tutti i discorsi femminili sul mondo???? io mi ritengo una donna chiaccherona, ma scelgo sempre amici uomini perchè se parlo con altre donne al telefono si sovrappongono alle mie parole. ieri( che ero stata zitta tutto il giorno e da sola) ho telefonato ad un amico che mi ha detto: "che sta facendo stefano (mio marito)? " ed io "sta riparando il frullatore" e lui "passamelo. vorrei un po' parlare di frullatori e cose normali . mi hai rintrucillito". hanno parlato di frullatori ed edilizia per 40 minuti.


:))) :toilet:
p.s: non è vero che la bellezza da' sempre sicurezza. ti sbagli di grosso. io ho cominciato ad accettarmi proprio dopo aver frequentato ragazze molto belle, ma che dovevano basarsi solo su quello per lavorare, e che subivano una concorrenza spietata.

Artemisia


Messaggio da Artemisia » 21/11/2012, 11:24

Cinque, io credo che sia sempre una questione di affinita'. Tu non sai quante persone non mi sono affini anche nel virtuale, persone che non incontrerei mai.

Ma quando trovi un'affinita' iniziale che poi ti porta alla complicita', e' difficile rinunciare, specialmente per persone selettive o che non si accontentano.
Allora, credimi, fare anche 250 km per stare bene uno o due giorni non e' una fatica.

Rimuovere l'utente 11898

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Rimuovere l'utente 11898 » 23/11/2012, 11:22

cinque ha scritto:[...]
:))) :toilet:
p.s: non è vero che la bellezza da' sempre sicurezza. ti sbagli di grosso. io ho cominciato ad accettarmi proprio dopo aver frequentato ragazze molto belle, ma che dovevano basarsi solo su quello per lavorare, e che subivano una concorrenza spietata.
Accetto il tuo parere, ma non sono completamente d'accordo.

Unmei No Kagi

Re: Un forum o una chat per realizzarsi

Messaggio da Unmei No Kagi » 12/01/2013, 11:58

Turbo ha scritto:In altri termini: Cosa chiediamo ad una community? MI spiego.
Mi è capitato spesso di conoscere gente (sia uomini che donne), che frequentano un forum per cercarsi una storia romantica, o persone che scrivono lunghi post di autocommiserazione. Nel primo caso, anni fa, su una community della wind (wind fun) conobbi una tipa siciliana (io stavo sempre a Parma), dopo un certo tempo, come di routine la cooscenza divento più stretta e alla fine (non sto a specificare ne il come ne il perchè sennò scriverei un libro) ci mettemmo insieme. Premetto che io frequento le community uncamante per c a z z e g g i a r e un pò, ma fatto sta che allora "partì" la "storia". Naturalmente dopo qualche tempo di frequentazione cominciarono anche le liti, alla fine io la mandai affa...ulo dicendole apertamente di rimettersi su qualche community per cercarsi un nuovo c r e t i n o da rompere e a lei scappò detto che stava su quella community per trovarsi il tipo, e dato che anche io frequentavo una chat, stava a significare che anche io stavo cercando la tipa (cosa che non era assolutamente vera)... ergo in giro ci sono persone che frequentano le community per cercare deliberatamente una storia.
In altri casi, ho conosciuto ragazzi (non erano assolutamente miei amici virtuali, ma stando in un forum come chatta.it finisce che i topic si leggono comunque) che stavano tutto il tempo a piangersi addosso finchè alla fine conoscevano un altra s f i g a t a timida e introversa e anche la scattava l'ingiucio.
Ho conosciuto altra gente estremamente introversa che, nonostante avessero storie sentimentali nel real, erano bisognose di affetto, ma date le loro carenze affettive, avevano un modo di proporsi estremamente acido e provocatorio (naturalmente non se ne rendevano conto dato il loro modus vivendi) osternando saccenza e polemica e poroponendosi (a parer mio) nella maniera più dubbia.

Naturalmente sto parlando di altre community quindi nessun riferimento a mailamici (tantopiù che sto qui da solo un mese e conosco poco o niente dei frequentatori, ne ho intenzione di giudicare le remore o i comportamenti di chicchessia)

A sto punto però, la domanda è d'obbligo. Non m'interessa sapere le motivazioni che vi spingono ad essere frequentatori di una community virtuale (le mie già le ho dette...sono qui per c a z z e g g i a r e ), ma in questo mondo di timidi, introversi, s f i g a t i, la domanda è: come comportarsi nel momento in cui incappate in qualcuna delle categorie suddette? gli date spago? lo contestate apertamente? cercate di ridimensionarlo alla realtà, lo sfuggite?
E' anche possibile (come di solito capita) che stringendo un rapporto d'amicizia o altro, la persona conosciuta via virtuale si riveli non tanto aperta mentalmente come inizialmente si era dimostrata, e ciò può portare a un coinvolgimento emotivo non preventivato...
Come vi sentite e come vi comportate nel caso specifico? (in fondo un forum è come un paese piccolo...il rosico e l'ingiucio sono di normale amministrazione).
Io frequento molto il virtuale. Su 400 persone che incontro lego con 10, chatto quotidianamente con 5 e conservo l'amicizia per anni con 2 o 3.
Siamo persone capita di innamorarsi, capita di litigare, di trovarci antipatici, di affezionarci e di volersi incontrare.
Non frequento chat/forum di basso livello, non mi interessa nè nel reale nè qui una persona che cerca una storia con il primo che "ci sta".
Odio chi si piange addosso, chi non ride mai, chi pensa che tutti i problemi del mondo li abbia lui ma con alcuni si instaura un rapporto, lo si cerca di capire e di aiutare, dipende dall'affinità, del momento nel quale si incontra una determinata persona.
Per le acide non so che dirti, io sono molto acida con gli estranei, con le persone che non si "impegnano" per conoscermi. Se incontrassi una come me penso la manderei a quel paese ahahah.