Cent'anni di solitudine

Nuovi e vecchi, scrittori, titoli. Le vostre opinioni, critiche, suggerimenti... Per farsi una cultura 'vecchio stile'

Moderatore: Sabrina

Regole del forum
No pubblicità, grazie
Ospite

Re: Cent'anni di solitudine

Messaggio da Ospite » 15/01/2007, 6:42

ross ha scritto:[...]



purtroppo non sono mai riuscita a superare la metà di questo libro che mi è stato così decantato e sono di solito una lettrice accanita.
mi sembra troppo "denso" e quindi pesante da leggere. Forse davvero non ho capito lo spirito dell'autore.
ciao
Come potresti dire cos'è Beethoven se ascolti una sinfonia una volta solo? E' un libro che richiede attenzione, e che rivela diverse cose per ogni lettura. Il massimo è riuscire a cogliere che attorno a Macondo (o a se stessi?) esiste un universo tondo e reiterativo di significati.
C'è modo e modo di accogliere la musica, un libro, un aspetto della vita che noi non ricosciamo familiare.
Ma tante persone non hanno il tempo di riconoscere il dramma in un Don Chisciote.... Non riescono a cogliere il dolore della distruzione dei sogni e dell'identità.
Non capiscono che è la loro carne.
Cara letrice, prova a smettere di stare al centro del mondo. A trasferirti un pochino in Colombia. E il pane avrà un sapore simile a quello che faceva tua nonna.

fati
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 318
Iscritto il: 12 febbraio 2005
Età: 60

Re: Cent'anni di solitudine

Messaggio da fati » 15/01/2007, 10:47

Ciuccolo ha scritto:[...]



Come potresti dire cos'è Beethoven se ascolti una sinfonia una volta solo? E' un libro che richiede attenzione, e che rivela diverse cose per ogni lettura. Il massimo è riuscire a cogliere che attorno a Macondo (o a se stessi?) esiste un universo tondo e reiterativo di significati.
C'è modo e modo di accogliere la musica, un libro, un aspetto della vita che noi non ricosciamo familiare.
Ma tante persone non hanno il tempo di riconoscere il dramma in un Don Chisciote.... Non riescono a cogliere il dolore della distruzione dei sogni e dell'identità.
Non capiscono che è la loro carne.
Cara letrice, prova a smettere di stare al centro del mondo. A trasferirti un pochino in Colombia. E il pane avrà un sapore simile a quello che faceva tua nonna.

Ciuccolo! Mi piace sempre quello che scrivi e il tono con cui lo scrivi.
Un abbraccio
Fati

winter

Re: Cent'anni di solitudine

Messaggio da winter » 15/01/2007, 13:55

Andyphone ha scritto:[...]



Io non l'ho letto... Ma se dici brevemente di cosa parla, magari mi incuriosisco :-) Certo, non farmi il riassunto totale :-P

Ciao!
Il titolo m'interessa eccome. Io mi sento 100 anni di solitudine!!

Ospite

Re: Cent'anni di solitudine

Messaggio da Ospite » 15/01/2007, 14:20

fati ha scritto:[...]




Ciuccolo! Mi piace sempre quello che scrivi e il tono con cui lo scrivi.
Un abbraccio
Fati
Fati... La letteratura mi interessa, e lo sai. Il tono... spero che nessuno ci legga aggressività.. I messaggi li mando la notte tardissimo, così tardi che ormai è presto. Dunque stanco, e spesso neanche tanto lucido...ehehe Scrivo di getto e non correggo mai niente.