Presentazione

Fatevi conoscere! Nuovi e vecchi iscritti: presentatevi, parlateci di voi, dite chi siete, perché vi siete iscritti? Cosa fate, cosa vi piace o non vi piace...

Moderatore: Andyphone

Avatar utente
catia
MailAmicissimo
MailAmicissimo
Messaggi: 1946
Iscritto il: 21 ottobre 2006
Età: 58


Messaggio da catia » 29/11/2006, 10:32

Cherry ha scritto:[...]



ho letto parecchi dei suoi interventi, e ha quasi sempre ragione, che abbia sofferto o meno,non è importante,specifico per i sliti pignoli, certo che è importante se una persona soffre, ma in questo caso, sostengo che se da consigli giusti che importa che sia esperienza o meno?,può dare consigli comunque e nella vita ci vuole sempre qualcuno che dice le cose come stanno, e le sue son sempre critiche costruttive, poi se uno invece di ragione e riflettere vuole essere compatito è un altro discorso,unico neo per menologo, a volte servirebbere un pò di umiltà, e un pò meno maschilismo(ho detto un pò, non apriamoci dibattiti sopra) però l'importante sono i concetti, i suoi interventi ne sono pieni e fanno riflettere, è giusto così!!
Ciao Cherry,
il mio discorso sull'esperienza era ironico. Non contestavo il contenuto delle sue risposte ma il modo di porle. Si può dire le cose come stanno senza per forza ferire gli altri, che non conosciamo, soprattutto se sono in un momento un po' delicato della loro vita.
Non lo trovo maschilista perchè risponde nella stessa maniera sia agli uomini che alle donne.
Inoltre penso che i suoi concetti facciano riflettere, chi ha perso un po' di lucidità, chi, invece, ne ha persa tanta è difficile che capisca su cosa deve riflettere. Quindi non si può usare con tutti lo stesso metodo. Non tutti siamo uguali, anche caratterialmente.
Sta a chi risponde, cercare di capire il carattere, lo stato d'animo e la lucidità di chi ci chiede opinioni e rispondere di conseguenza, usando, secondo me, più tatto possibile, proprio perchè non ci conosciamo e non ferirci a vicenda.
Ciao, Catia.

Cherry


Messaggio da Cherry » 29/11/2006, 11:16

catia ha scritto:[...]



Ciao Cherry,
il mio discorso sull'esperienza era ironico. Non contestavo il contenuto delle sue risposte ma il modo di porle. Si può dire le cose come stanno senza per forza ferire gli altri, che non conosciamo, soprattutto se sono in un momento un po' delicato della loro vita.
Non lo trovo maschilista perchè risponde nella stessa maniera sia agli uomini che alle donne.
Inoltre penso che i suoi concetti facciano riflettere, chi ha perso un po' di lucidità, chi, invece, ne ha persa tanta è difficile che capisca su cosa deve riflettere. Quindi non si può usare con tutti lo stesso metodo. Non tutti siamo uguali, anche caratterialmente.
Sta a chi risponde, cercare di capire il carattere, lo stato d'animo e la lucidità di chi ci chiede opinioni e rispondere di conseguenza, usando, secondo me, più tatto possibile, proprio perchè non ci conosciamo e non ferirci a vicenda.
Ciao, Catia.
in caso scusami io non avevo capito che era ironico, in linea di massima il tuo discorso è giusto, però visto che il forum è un piccolo scorcio di realtà, nella realtà non ti trattano tutti con i guanti perchè hai un momento difficile, e dopo aver letto i tuoi interventi precedenti, dove gli dici:
"Non mi sembri misterioso, ma solo...piatto.
Mi sembri una divinità, che dall'alto del suo piedistallo, guarda quei poveri
mortali, scuotendo la testa, perchè tapini non sono riusciti a raggiungere
la vetta come hai fatto tu. Elargisci loro, le tue 'perle di saggezza', come
fosse l'elemosina ai poveri. Sicuro che, mai raggiungeranno il tuo livello.
In tutto ciò, non trovo niente di umano, mi spiace. Ma, dimmi, tu sei sicuro
di esserlo? "

Mi son sentita in dovere di difendere un comportamento, non lui,che poi se leggi il mio intervento, anche io dico che pecca di presunzione, e vedo un pò di maschilismo, non perchè risponde in maniera diversa a uomini e donne ma per il suo intervento:
[url]http://www.mailamici.it/forum/viewtopic.php?t=93437#forum[/url]
e infine, per specificare non ci tengo nemmeno a difendere il nostro amico, e discutere con un'altra persona a causa sua, anzi..

menologo


Messaggio da menologo » 30/11/2006, 1:29

Posso essere giudicato come un diavolo, ed essere un angelo.
O posso essere giudicato come un angelo, ed essere un diavolo.
In ogni caso, i giudizi che ricevo, non cambiano chi sono realmente.

Pertanto, per quel che mi riguarda, coloro che mi giudicano masochista, presuntuoso e via discorrendo, dimostrano solamente di avere pessime capacità di giudizio.
E se per me questo non è un problema, purtroppo è un problema per loro. Perchè non saper giudicare le persone, è causa di gravi sofferenze nella vita.

Cherry


Messaggio da Cherry » 30/11/2006, 9:21

menologo ha scritto:Posso essere giudicato come un diavolo, ed essere un angelo.
O posso essere giudicato come un angelo, ed essere un diavolo.
In ogni caso, i giudizi che ricevo, non cambiano chi sono realmente.

Pertanto, per quel che mi riguarda, coloro che mi giudicano masochista, presuntuoso e via discorrendo, dimostrano solamente di avere pessime capacità di giudizio.
E se per me questo non è un problema, purtroppo è un problema per loro. Perchè non saper giudicare le persone, è causa di gravi sofferenze nella vita.
un angelo o un diavolo... :DD :DD :DD :DD :DD
ma smettila!!
Purtroppo devo darti ragione..mi ero proprio sbagliata sul tuo conto, pensavo che eri uno di quelli che sapeva il fatto suo, invece, contraddici, gli altri per il gusto di farlo, e spesso e volentieri per quanto vuoi esser contro ripeti le stesse cose che hanno detto gli altri, e sei molto bravo nel farlo perchè scrivi molto bene.Quindi complimenti, ma potresti riflettere su questo:i giudizi che ricevi.. mi sembra più che scontato che non cambiano chi sei realmente, e ricordati che le persone che pensano di non dover imparare dagli altri resteranno sempre allo stesso livello e non cresceranno mai, nemmeno Tu sai giudicare gli altri, e da qui la tua sofferenza. Visto che non ho detto che sei presuntuoso o masochista(questo l'hai detto solo tu) ma bensì che pecchi di presunzione e intendevo il modo in cui sbatti le cose in faccia agli altri a volte, e per il maschilista, ho anche linkato il topic, ma invece di confrontarti con me, preferisci lasciare questi post, in cui non spieghi nulla, perchè non riesci a dimostrare la tua tesi.Ma se vuoi il mio giudizio vero su di te, te lo dico.Dubito che ti interessa.

menologo


Messaggio da menologo » 30/11/2006, 21:08

Cherry ha scritto:[...]

Ma se vuoi il mio giudizio vero su di te, te lo dico.Dubito che ti interessa.
Personalmente mi sei simpatica.
E non è vero che non voglio confrontarmi con te. Solo che davvero non ho problemi se le persone pensano male di me, quindi mettermi sulla difensiva ribattendo alle varie accuse, mi sembrava realmente una perdita di tempo.

Maschilista non lo sono per niente, forse tu avrai letto un mio giudizio negativo sulle donne, ma se li cerchi torverai anche giudizi negativi sugli uomini.
Le persone sono piene di difetti, e il livello medio è molto basso: le persone comuni sono superficiali, egoiste, pieni di pregiudizi e insicurezze.

Riguardo al mio modo di dare consigli, la parola presunzione, non vedo cosa centri. Si può dire che non ho tatto, si può dire che sono sicuro delle cose che dico, ma in tutto ciò non centra la presunzione.

Cherry


Messaggio da Cherry » 01/12/2006, 9:37

menologo ha scritto:[...]



Personalmente mi sei simpatica.
E non è vero che non voglio confrontarmi con te. Solo che davvero non ho problemi se le persone pensano male di me, quindi mettermi sulla difensiva ribattendo alle varie accuse, mi sembrava realmente una perdita di tempo.

Maschilista non lo sono per niente, forse tu avrai letto un mio giudizio negativo sulle donne, ma se li cerchi torverai anche giudizi negativi sugli uomini.
Le persone sono piene di difetti, e il livello medio è molto basso: le persone comuni sono superficiali, egoiste, pieni di pregiudizi e insicurezze.

Riguardo al mio modo di dare consigli, la parola presunzione, non vedo cosa centri. Si può dire che non ho tatto, si può dire che sono sicuro delle cose che dico, ma in tutto ciò non centra la presunzione.
Sono contenta di questo, e visto che la maggior parte delle volte reputo le tue risposte le più sensate, anche se certe frasi lasciano il tempo che trovano, credo che avremo modo, di conoscerci meglio in qualche discussione.E adesso che ci penso, stamattina mi sento abbastanza riflessiva...(guai in vista.. :rolleyes: ) ho usato la parola presunzione, perchè ad esempio quando tu scrivi:"Le persone sono piene di difetti, e il livello medio è molto basso: le persone comuni sono superficiali, egoiste, pieni di pregiudizi e insicurezze."
Visto che non parli in prima persona, tu non ci rientri, o forse no?!Infatti parli in generale, quindi non saprei, e visto che odio le persone che giudicano senza sapere, mi rincresce aver fatto lo stesso identico errore verso di te, ho sbagliato a giudicare.. ;) !!Mi dispiace, buona giornata! :DD

menologo


Messaggio da menologo » 01/12/2006, 10:50

Cherry ha scritto:[...]

visto che odio le persone che giudicano senza sapere, mi rincresce aver fatto lo stesso identico errore verso di te, ho sbagliato a giudicare..
Credo mi sia già capitato di dirlo in questo forum, comunque, sul giudizio io ho una opinione precisa.
Tutti giudicano tutti, perchè giudicare è inevitabile. E in effetti se noi non giudicassimo gli altri, tutti sarebbero uguali ai nostri occhi, mentre non c'è una sola persona che noi consideriamo uguale all'altra.
Ci sono tanti modi per giudicare, ad esempio anche la simpatia e l'antipatia sono giudizi.

Giudicare, come dicevo è inevitabile, ma si deve usate il giudizio per comprendere chi è diverso da noi e ha fatto altre scelte, e non per condannare.
Io uso il giudizio per comprendere (cosa essenziale per dare consigli, anche duri), invece molte persone (parlo in generale) che non fanno altro che ripetere che loro non giudicano gli altri, sono le prime che condannano a destra e a sinistra.
Ad esempio, mi è capitato tantissime volte, di vedere persone che si alterano con me perchè mi permetto di giudicarle. Peccato che loro che a parole dicono di non giudicare nessuno, alterandosi con me dimostrano di avermi giudicato e condannato.

Una cosa importante che deve sempre accompagnare il giudizio è la consapevolezza che, per forza di cose, non si conoscono tutte le informazioni delle altre persone.
Pertanto chiunque dia un giudizio deve essere conscio del suo livello di conoscenza dell'altro, e quindi essere pronto a modificare la propria opinione quando emergessero informazioni nuove.

Quindi se tu odi chi giudica le altre persone sapendo poco di loro, in pratica odi tutto il genere umano. Perchè come dicevo, tutti giudicano tutti, in qualsiasi momento e per qualsiasi cosa.
Ma forse tu intendevi dire che odi chi pur sapendo poco dell'altro, non si preoccupa di emettere "pubblicamente" un giudizio che potrebbe essere sbagliato, e che poteva benissimo tenersi per se.
Ed è quello che faccio io in questo forum: emetto sempre i miei giudizi anche quando conosco poco dell'altro. Ma non lo faccio per cattiveria, ma solo per rendere più comprensibili i miei consigli, che altrimenti sarebbero fraintesi e non capiti.
Ma anche se emetto i miei giudizi con buone intenzioni, considerati comunque libera di odiarmi.

Cherry


Messaggio da Cherry » 01/12/2006, 11:22

menologo ha scritto:[...]



Credo mi sia già capitato di dirlo in questo forum, comunque, sul giudizio io ho una opinione precisa.
Tutti giudicano tutti, perchè giudicare è inevitabile. E in effetti se noi non giudicassimo gli altri, tutti sarebbero uguali ai nostri occhi, mentre non c'è una sola persona che noi consideriamo uguale all'altra.
Ci sono tanti modi per giudicare, ad esempio anche la simpatia e l'antipatia sono giudizi.

Giudicare, come dicevo è inevitabile, ma si deve usate il giudizio per comprendere chi è diverso da noi e ha fatto altre scelte, e non per condannare.
Io uso il giudizio per comprendere (cosa essenziale per dare consigli, anche duri), invece molte persone (parlo in generale) che non fanno altro che ripetere che loro non giudicano gli altri, sono le prime che condannano a destra e a sinistra.
Ad esempio, mi è capitato tantissime volte, di vedere persone che si alterano con me perchè mi permetto di giudicarle. Peccato che loro che a parole dicono di non giudicare nessuno, alterandosi con me dimostrano di avermi giudicato e condannato.

Una cosa importante che deve sempre accompagnare il giudizio è la consapevolezza che, per forza di cose, non si conoscono tutte le informazioni delle altre persone.
Pertanto chiunque dia un giudizio deve essere conscio del suo livello di conoscenza dell'altro, e quindi essere pronto a modificare la propria opinione quando emergessero informazioni nuove.

Quindi se tu odi chi giudica le altre persone sapendo poco di loro, in pratica odi tutto il genere umano. Perchè come dicevo, tutti giudicano tutti, in qualsiasi momento e per qualsiasi cosa.
Ma forse tu intendevi dire che odi chi pur sapendo poco dell'altro, non si preoccupa di emettere "pubblicamente" un giudizio che potrebbe essere sbagliato, e che poteva benissimo tenersi per se.
Ed è quello che faccio io in questo forum: emetto sempre i miei giudizi anche quando conosco poco dell'altro. Ma non lo faccio per cattiveria, ma solo per rendere più comprensibili i miei consigli, che altrimenti sarebbero fraintesi e non capiti.
Ma anche se emetto i miei giudizi con buone intenzioni, considerati comunque libera di odiarmi.
non riesco a capire come dalle mie scuse per averti giudicato troppo in fretta sei arrivato al dire di considerarmi libera di odiarti...il tuo discorso fila ma non è una risposta al mio.
Giudizio=affermazione che, superando la semplice constatazione di un fatto, esprime un’opinione, una valutazione.

Impressione=sensazione prodotta sull’animo da cose o persone o dalla realtà esterna.
...per me c'è differenza.
Per carattere non mi piace giudicare, e se mi accorgo di farlo io chiedo scusa.E ho usato impropriamente il termine odio, intendevo dire che mi da fastidio essere giudicata e quindi non voglio farlo con gli altri.

menologo


Messaggio da menologo » 01/12/2006, 13:26

Cherry ha scritto:[...]



non riesco a capire come dalle mie scuse per averti giudicato troppo in fretta sei arrivato al dire di considerarmi libera di odiarti...il tuo discorso fila ma non è una risposta al mio.
Giudizio=affermazione che, superando la semplice constatazione di un fatto, esprime un’opinione, una valutazione.

Impressione=sensazione prodotta sull’animo da cose o persone o dalla realtà esterna.
...per me c'è differenza.
Per carattere non mi piace giudicare, e se mi accorgo di farlo io chiedo scusa.E ho usato impropriamente il termine odio, intendevo dire che mi da fastidio essere giudicata e quindi non voglio farlo con gli altri.
A te non piace essere giudicata, e quindi ti impegni a non giudicare gli altri (o perlomeno ti impegni a tenere sottocontrollo il tuo giudizio).
Come intenzioni sono buone e, se vogliamo, anche ammirevoli (perchè ti impegni a non fare ad altri, ciò che vuoi non venga fatto a te).

Io sono nel versante opposto: do giudizi, ma come li do, li accetto. Anche le mie intenzioni quindi, se vogliamo, sono ammirevoli, perchè mi impegno ad accettare ciò che io stesso faccio agli altri.

Ma al di fuori di questo discorso, rimane il fatto che il giudizio è solo uno strumento, e come qualsiasi strumento, in se stesso è neutro, e la sua utilità dipende da come viene usato.
Se lo usiamo per comprendere chi è diverso da noi e ha fatto altre scelte, lo usiamo bene, se invece lo usiamo per condannare gli altri, allora si che sbagliamo.

Pertanto, ti invito a superare questi tuoi preconcetti sul giudizio.

Avatar utente
pallina_72
Utente Escluso
Messaggi: 46
Iscritto il: 24 novembre 2006
Età: 46


Messaggio da pallina_72 » 01/12/2006, 15:37

menologo ha scritto:[...]



A te non piace essere giudicata, e quindi ti impegni a non giudicare gli altri (o perlomeno ti impegni a tenere sottocontrollo il tuo giudizio).
Come intenzioni sono buone e, se vogliamo, anche ammirevoli (perchè ti impegni a non fare ad altri, ciò che vuoi non venga fatto a te).

Io sono nel versante opposto: do giudizi, ma come li do, li accetto. Anche le mie intenzioni quindi, se vogliamo, sono ammirevoli, perchè mi impegno ad accettare ciò che io stesso faccio agli altri.

Ma al di fuori di questo discorso, rimane il fatto che il giudizio è solo uno strumento, e come qualsiasi strumento, in se stesso è neutro, e la sua utilità dipende da come viene usato.
Se lo usiamo per comprendere chi è diverso da noi e ha fatto altre scelte, lo usiamo bene, se invece lo usiamo per condannare gli altri, allora si che sbagliamo.

Pertanto, ti invito a superare questi tuoi preconcetti sul giudizio.


Se posso permettermi di intervenire, dipende anche da COME viene espresso un giudizio. Se si dà in maniera e con toni perentori e inappellabili, non approvo.
adoro la pace...

Cherry


Messaggio da Cherry » 01/12/2006, 17:00

menologo ha scritto:[...]



A te non piace essere giudicata, e quindi ti impegni a non giudicare gli altri (o perlomeno ti impegni a tenere sottocontrollo il tuo giudizio).
Come intenzioni sono buone e, se vogliamo, anche ammirevoli (perchè ti impegni a non fare ad altri, ciò che vuoi non venga fatto a te).

Io sono nel versante opposto: do giudizi, ma come li do, li accetto. Anche le mie intenzioni quindi, se vogliamo, sono ammirevoli, perchè mi impegno ad accettare ciò che io stesso faccio agli altri.

Ma al di fuori di questo discorso, rimane il fatto che il giudizio è solo uno strumento, e come qualsiasi strumento, in se stesso è neutro, e la sua utilità dipende da come viene usato.
Se lo usiamo per comprendere chi è diverso da noi e ha fatto altre scelte, lo usiamo bene, se invece lo usiamo per condannare gli altri, allora si che sbagliamo.

Pertanto, ti invito a superare questi tuoi preconcetti sul giudizio.
ok messaggio ricevuto! :DD !

menologo


Messaggio da menologo » 01/12/2006, 20:10

pallina_72 ha scritto:[...]

Se posso permettermi di intervenire, dipende anche da COME viene espresso un giudizio. Se si dà in maniera e con toni perentori e inappellabili, non approvo.
Hai fatto benissimo a intervenire. E in effetti hai introdotto un'altra punto di vista di cui mi fa piacere parlare.

Io non giudico le persone per quello che fanno ma per il motivo per cui lo fanno.
Quello che voglio dire, è che anche quando ho poche informazioni sugli altri, non manca mai il mio impegno a chiedermi cosa lo spinge ad agire in quel modo.

Quindi se uno mi da giudizi sprezzanti con un tono irrispettoso, prima di arroccarmi in difesa e giudicarlo con altrettanta durezza, mi chiedo cosa lo spinge ad agire così nei miei confronti.
Magari agisce così perchè è convinto di rendere i suoi giudizi maggiormente capaci di aprirmi gli occhi. Oppure il suo è un grido per attirare la mia attenzione. Oppure è semplicemente una persona meschina e irritante che sfoga i suoi bassi istinti prendendosela con gli altri.

Allo stesso modo se uno mi da giudici carini e lusinghieri, prima di considerarlo una persona splendida, mi chiedo cosa lo muove.
Magari agisce così ipocritamente, per adularmi e raggirarmi, oppure è realmente una persona da buoni sentimenti che ha saputo capirmi.

La morale: il giudizio sulla forma, è sempre un giudizio superficiale, tipico di chi preferisce condannare gli altri, quando sono diversi da loro e han fatto altre scelte.
Finchè tutti noi non ci metteremo in testa, che il giudizio deve essere affiancato da uno sforzo sincero di comprendere l'altro, saremo tutti strumenti di ingiustizia.

eli.net


Messaggio da eli.net » 04/12/2006, 13:49

Menologo hai tutta la mia stima

menologo


Messaggio da menologo » 04/12/2006, 21:10

eli.net ha scritto:Menologo hai tutta la mia stima
Anche se ti sembrerà antipatico, ti consiglio ti non provare mai stima per alcuno.

In altre parole, non stimare mai le persone per le loro idee, ma stima direttamente le loro idee.
Perchè le persone, per quanto siano forti e salde in se stesse, potranno sempre deluderti, mentre se le idee sono davvero valide, non ti deluderanno mai.

E così: non guardare a me, ma a quello che dico. Affinchè, se un giorno scriverò cose che ti sembrerasnno odiose, tu possa esser capace di odiarmi, sennza rinnegare le cose in cui ora ti sei riconosciuta.

Avatar utente
pallina_72
Utente Escluso
Messaggi: 46
Iscritto il: 24 novembre 2006
Età: 46


Messaggio da pallina_72 » 05/12/2006, 7:47

menologo ha scritto:[...]



Anche se ti sembrerà antipatico, ti consiglio ti non provare mai stima per alcuno.

In altre parole, non stimare mai le persone per le loro idee, ma stima direttamente le loro idee.
Perchè le persone, per quanto siano forti e salde in se stesse, potranno sempre deluderti, mentre se le idee sono davvero valide, non ti deluderanno mai.

E così: non guardare a me, ma a quello che dico. Affinchè, se un giorno scriverò cose che ti sembrerasnno odiose, tu possa esser capace di odiarmi, sennza rinnegare le cose in cui ora ti sei riconosciuta.
Prendo nota..... 8)
adoro la pace...

eli.net


Messaggio da eli.net » 05/12/2006, 10:45

menologo ha scritto:[...]



Anche se ti sembrerà antipatico, ti consiglio ti non provare mai stima per alcuno.

In altre parole, non stimare mai le persone per le loro idee, ma stima direttamente le loro idee.
Perchè le persone, per quanto siano forti e salde in se stesse, potranno sempre deluderti, mentre se le idee sono davvero valide, non ti deluderanno mai.

E così: non guardare a me, ma a quello che dico. Affinchè, se un giorno scriverò cose che ti sembrerasnno odiose, tu possa esser capace di odiarmi, sennza rinnegare le cose in cui ora ti sei riconosciuta.
ovviamente nel contesto in cui siamo non posso che stimare quello che dici...
Prendo nota pure io

paperita
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 503
Iscritto il: 27 novembre 2006
Età: 54


Messaggio da paperita » 06/12/2006, 2:49

menologo ha scritto:[...]
La morale: il giudizio sulla forma, è sempre un giudizio superficiale, tipico di chi preferisce condannare gli altri, quando sono diversi da loro e han fatto altre scelte.
Finchè tutti noi non ci metteremo in testa, che il giudizio deve essere affiancato da uno sforzo sincero di comprendere l'altro, saremo tutti strumenti di ingiustizia.
:applause: belle parole :!: ... ma come fatti :?:
Sembra quasi che vuoi metterti in cattedra...... :DD
Più che menologo avrei detto monologo ;)
Credo proprio che ti seguirò per conoscerti veramente,visto che come presentazione sei stato piuttosto schivo nel descriverti :rolleyes:
:mangahello:
non tutti possono vedere i sogni alla stessa maniera!!!

menologo


Messaggio da menologo » 06/12/2006, 23:31

paperita ha scritto:[...]

:applause: belle parole :!: ... ma come fatti :?:
Sembra quasi che vuoi metterti in cattedra...... :DD
Più che menologo avrei detto monologo ;)
Credo proprio che ti seguirò per conoscerti veramente,visto che come presentazione sei stato piuttosto schivo nel descriverti :rolleyes:
:mangahello:
Puoi anche rileggerti ogni cosa che ho scritto e che scriverò cento volte, eppure ugualmente conoscerai poco di me, ma anche tutto.
Conoscerai poco, perchè di me non dirò nulla visto che non sono qui per raccontare la mia vita.
Conoscerai tutto, perchè se conosci i pensieri profondi di un uomo conosci il suo cuore e la sua mente. Ma questo è un giudizio che può avvenire solo tra simili: perchè se i miei pensieri saranno diversi dai tuoi, tu inevitabilmente li ascolterai senza capirli, come tra persone che parlano lingue differenti.

paperita
Nuovo Amico
Nuovo Amico
Messaggi: 503
Iscritto il: 27 novembre 2006
Età: 54


Messaggio da paperita » 06/12/2006, 23:56

menologo ha scritto:[...]
Puoi anche rileggerti ogni cosa che ho scritto e che scriverò cento volte, eppure ugualmente conoscerai poco di me, ma anche tutto.
Conoscerai poco, perchè di me non dirò nulla visto che non sono qui per raccontare la mia vita.
Conoscerai tutto, perchè se conosci i pensieri profondi di un uomo conosci il suo cuore e la sua mente. Ma questo è un giudizio che può avvenire solo tra simili: perchè se i miei pensieri saranno diversi dai tuoi, tu inevitabilmente li ascolterai senza capirli, come tra persone che parlano lingue differenti.
Io credo che ogni cosa che diciamo derivi in buona parte da ciò che abbiamo vissuto e pertanto riveliamo ad altri un pò di noi.
Se i tuoi pensieri saranno diversi dai miei ci confronteremo,è inevitabile !
Ritengo che non sempre bisogna essere rigidi nelle proprie opinioni,tutto si può rivedre dal mio punto di vista. :)
non tutti possono vedere i sogni alla stessa maniera!!!