Amicizia,amore e convenienza

L'amicizia, gli amici, gruppi di amici: idee, esperienze, consigli, riflessioni

Moderatore: Sabrina

Regole del forum
Solo discussioni. No annunci o organizzazione di eventi per cui esistono gli altri forum
Avatar utente
Szayel84
Nuovo Iscritto
Messaggi: 19
Iscritto il: 08 gennaio 2019
Sesso:
Età: 38

Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Szayel84 » 09/01/2019, 21:01

Creo questo topic per leggere le vostre opinioni su un'argomento abbastanza delicato.
Come già specificato nella mia presentazione a parte la timidezza la maggior parte dei miei problemi l'ho avuta perchè non sono una persona che possiede tanto, cose al giorno d'oggi indispensabili non solo per vivere, (patente è diplomi) ma sembra purtroppo, anche per amare. Voi che ne pensate? È giusto secondo voi essere giudicati in base al "foglio di carta"? Se non sei laureato non sai voler bene? Se non hai la patente per far divertire una ragazza significa che non sai amare? La nostra vita è ormai un "foglio di carta"?
Ultima modifica di Szayel84 il 09/01/2019, 22:32, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 09/01/2019, 22:00

Szayel84 ha scritto:
09/01/2019, 21:01
Creo questo topic per leggere le vostre opinioni su un'argomento abbastanza delicato.
Come già specificato nella mia presentazione a parte la timidezza la maggior parte dei miei problemi l'ho avuta perchè non sono una persona che possiede tanto, cose al giorno d'oggi indispensabili non solo per vivere, (patente è diplomi) ma sembra purtroppo, anche per amare. Voi che ne pensate? È giusto secondo voi essere giudicati in base al "foglio di carta"? Se non sei laureato non sai voler bene? Se non hai la patente per far divertire una ragazza significa che non sai amare? La nostra vita è ormai un "foglio di carta"?
Messa in questi termini, ovviamente direi "No", avere un diploma o una laurea o la patente non sono i requisiti per amare!! L'amore non è un colloquio di lavoro!!

Ma bisogna valutare che cosa possono significare queste cose in maniere obiettiva...vediamo un attimo: il foglio di carta di per se' può non valere nulla quando si tratta di sentimenti, ma se avere il "foglio di carta" significa avere una buona coltura, avere competenze, essere in grado di parlare di tutto o quasi ...ecco che il "foglio di carta" diventa qualcosa di più, diventa il simbolo di un modo di essere: una persona colta può essere affascinante ed interessante agli occhi di un potenziale partner.

Per quanto riguarda la patente ( io non ce l'ho! :DD ) in questo caso si tratta di un mezzo che può facilitare la vita, che può permettere di fare cose con il partner, di avere indipendenza...quindi può avere un certo peso. Si tratta però di cose che hanno forse un ruolo solo nelle prime fasi della conoscenza, non nell' amore in se'. Avere un ragazzo che ti viene a prendere e ti porta in un bel posto può incentivare la conoscenza, soprattutto se sei una ragazza che ha visto poco o niente, che vive in una piccola realtà...

Adesso veniamo alle ragioni più veniali: essere colti significa spesso guadagnare meglio e avere un'auto significa offire una certa comodità...quindi diciamo che una persona "interessata" alla qualità della vita/denaro più che ai sentimenti guarderà queste cose.

Infine...una cosa possibilissima: forse da parte del potenziale partner non c'è interesse e basta. Mancanza di laureee e patenti non sono la vera ragione dietro al fallimento di una relazione o dietro al suo macnato inizio. La relazione non parte perchè non c'è feeling, perchè non si è giusti l'uno per l'altra.

E' da tanto per non scrivo un post lungo e spero di essermi spiegata... :)

Avatar utente
Szayel84
Nuovo Iscritto
Messaggi: 19
Iscritto il: 08 gennaio 2019
Sesso:
Età: 38

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Szayel84 » 09/01/2019, 23:26

Si ti sei spiegata benissimo :) In effetti, in amore posso anche capirlo, se non si possono fare progetti meglio non provarci proprio. In amicizia no, ovviamente parlo per mie esperienze, ho sempre dato tutto me stesso, anche svegliarmi di notte e rispondere e ascoltare sfoghi lunghissimi, dare conforto, essere chiamato prima fratello e poi essere messo da parte, può capitare si, una coincidenza, ma poi una seconda, terza e quarta, e tutte per lo stesso motivo, aver trovato una persona più "comoda", mi hanno fatto maturare questa idea dove i sentimenti oggi vengono per ultimi. O forse ho avuto sfortuna a trovare solo persone della stessa pasta [smilie=asd.gif]

Avatar utente
airlander
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 3260
Iscritto il: 26 dicembre 2009
Sesso:
Età: 71

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da airlander » 10/01/2019, 13:39

moltissime donne sono attratte dal potere che esercita su di esse un notevole fascino, ovviamente questo potrebbe pregiudicare la nascita di un rapporto consolidato e duraturo in termini che esulino da tali feticci di ordine solo pratico ed economico.
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 10/01/2019, 15:07

Szayel84 ha scritto:
09/01/2019, 23:26
Si ti sei spiegata benissimo :) In effetti, in amore posso anche capirlo, se non si possono fare progetti meglio non provarci proprio. In amicizia no, ovviamente parlo per mie esperienze, ho sempre dato tutto me stesso, anche svegliarmi di notte e rispondere e ascoltare sfoghi lunghissimi, dare conforto, essere chiamato prima fratello e poi essere messo da parte, può capitare si, una coincidenza, ma poi una seconda, terza e quarta, e tutte per lo stesso motivo, aver trovato una persona più "comoda", mi hanno fatto maturare questa idea dove i sentimenti oggi vengono per ultimi. O forse ho avuto sfortuna a trovare solo persone della stessa pasta [smilie=asd.gif]
In amicizia è una cosa davvero triste quando ci si rende conto di essere stati solo "comodi", poi arriva qualcuno più "comodo" e si vede l'amico che passa a lui/lei. Oppure appagato il bisogno di conforto e compagnia per un periodo, il cosiddetto amico quando sta bene non ti fila più, oppure si fidanza, sposa, mette su famiglia...e addio... :rolleyes:
Devo dire che nessuno mi ha mai cercata per interesse, perchè non ho niente di materiale da dare, però mi è capitato di essere diventata superflua o di essere sostituita da altri e non è mai stato piacevole. Con gli anni ho capito che la vita va così e me ne sono fatta una ragione, ma invidio moltissimo chi ha amicizie davvero durature e forti, che non vengono scalfitte dai mutamenti della vita.

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 10/01/2019, 17:59

Avere una buona cultura e un livello di istruzione elevato segna un punto a proprio favore, ma contano anche altri aspetti come il carattere, la bellezza esteriore, ecc. A cosa serve una persona colta se ha un carattere pernicioso?
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 10/01/2019, 18:15

tempest ha scritto:
10/01/2019, 15:07
In amicizia è una cosa davvero triste quando ci si rende conto di essere stati solo "comodi", poi arriva qualcuno più "comodo" e si vede l'amico che passa a lui/lei. Oppure appagato il bisogno di conforto e compagnia per un periodo, il cosiddetto amico quando sta bene non ti fila più, oppure si fidanza, sposa, mette su famiglia...e addio... :rolleyes:
Devo dire che nessuno mi ha mai cercata per interesse, perchè non ho niente di materiale da dare, però mi è capitato di essere diventata superflua o di essere sostituita da altri e non è mai stato piacevole. Con gli anni ho capito che la vita va così e me ne sono fatta una ragione, ma invidio moltissimo chi ha amicizie davvero durature e forti, che non vengono scalfitte dai mutamenti della vita.
Penso che in generale nei rapporti interpersonali non sempre siamo vittime: a volte anche noi ne mietiamo.

Altro punto: se un amico improvvis amente taglia i ponti per una sventolona tutta curve supercarrozzata allora solo in quel caso ha tutto il mio rispetto [smilie=asd.gif]
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 10/01/2019, 19:24

airlander ha scritto:
10/01/2019, 13:39
moltissime donne sono attratte dal potere che esercita su di esse un notevole fascino, ovviamente questo potrebbe pregiudicare la nascita di un rapporto consolidato e duraturo in termini che esulino da tali feticci di ordine solo pratico ed economico.

Non ne farei una questione soltanto economica. Chi ha studiato per darsi una cultura ha anche sviluppato, in teoria, determinati interessi che spesso divergono da chi ha fatto scelte differenti. Personalmente ho avuto tra le amicizie anche chi faceva la commessa del supermercato, ma devo riconoscere che le differenze si notavano e più di tanto non era possibile condividere. Inoltre quando si era in presenza di persone che avevano titoli, diciamo così, si sentiva inferiore perchè non riusciva a prendere parte alla conversazione giacchè non non sapeva cosa dire anche se non era nulla che richiedesse chissà quale erudizione o, in altri casi, si diceva A e ripondeva B con imbarazzo generale. In genere chi non ha studiato svolge un lavoro manuale ed è interessato a sbarcare il lunario, mentre chi svolge un lavoro intellettuale non solo è tenuto al costante aggiornamento relativo alla materia che lo riguarda, ma anche alla conoscenza delle leggi che la disciplinano. Si tratta di uno studio continuo che non termina col prendere il foglio di carta. Chi, invece, non ha studiato non legge neanche un romanzo (a parte le eccezioni). Ora tutto ciò non ha nulla a che fare con la capacità di amare, ma per innamorarsi di qualcuno devi pur condividere qualcosa altrimenti è solo attrazione fisica.
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 10/01/2019, 19:44

Szayel84 ha scritto:
09/01/2019, 21:01
Creo questo topic per leggere le vostre opinioni su un'argomento abbastanza delicato.
Come già specificato nella mia presentazione a parte la timidezza la maggior parte dei miei problemi l'ho avuta perchè non sono una persona che possiede tanto, cose al giorno d'oggi indispensabili non solo per vivere, (patente è diplomi) ma sembra purtroppo, anche per amare. Voi che ne pensate? È giusto secondo voi essere giudicati in base al "foglio di carta"? Se non sei laureato non sai voler bene? Se non hai la patente per far divertire una ragazza significa che non sai amare? La nostra vita è ormai un "foglio di carta"?

Ritengo che la questione non abbia nulla a che vedere con la capacità di amare quanto piuttosto con la condivisione, l'avere interessi comuni e un comune modo di pensare e sentire. In genere il feeling nasce con i propri pari perchè in fondo si cerca ciò che si è o cumunque un rapporto dove non ci sia un grosso dislivello, che sia culturale e/o economico. Un rapporto di coppia non si fonda solo sull'amore e quindi su un ideale, ma vive nel e del quotidiano. Capirai che così inzieranno a emergere una serie di difficoltà pratiche con relative insoddisfazioni reciproche. Faccio un esempio, se io posso permettermi una vacanza costosa e tu no, o io rinuncio accontentandomi di qualcosa che però non mi soddisfa o si fanno vacanze separate, a meno che non sia disposta a pagare anche per te :rolleyes: Altro esempio, se sono una persona col "foglio di carta" probabilmente svolgerò anche un lavoro che mi porta in contatto con persone "titolate" come me e se a una festa tu mi metti in imbarazzo, capirai che la situazione diventa difficile. Ora considera questi episodi reiterati nel tempo e non isolati, quanto può durare? O quest'amore è così forte da superare tutti i piccoli e grandi incovenienti che questa situazione può creare o non inizierà neanche :rolleyes: . Stessa cosa vale per le amicizie anche se in questo caso si è più liberi, nel senso che non si condivide tutto, però se il dislivello è troppo anche qui sorgeranno problemi :rolleyes:.

Per il resto concordo con tutto quanto detto da tempest.
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 10/01/2019, 20:47

tropicsnow ha scritto:
10/01/2019, 19:44
Ritengo che la questione non abbia nulla a che vedere con la capacità di amare quanto piuttosto con la condivisione, l'avere interessi comuni e un comune modo di pensare e sentire. In genere il feeling nasce con i propri pari perchè in fondo si cerca ciò che si è o cumunque un rapporto dove non ci sia un grosso dislivello, che sia culturale e/o economico. Un rapporto di coppia non si fonda solo sull'amore e quindi su un ideale, ma vive nel e del quotidiano. Capirai che così inzieranno a emergere una serie di difficoltà pratiche con relative insoddisfazioni reciproche. Faccio un esempio, se io posso permettermi una vacanza costosa e tu no, o io rinuncio accontentandomi di qualcosa che però non mi soddisfa o si fanno vacanze separate, a meno che non sia disposta a pagare anche per te :rolleyes: Altro esempio, se sono una persona col "foglio di carta" probabilmente svolgerò anche un lavoro che mi porta in contatto con persone "titolate" come me e se a una festa tu mi metti in imbarazzo, capirai che la situazione diventa difficile. Ora considera questi episodi reiterati nel tempo e non isolati, quanto può durare? O quest'amore è così forte da superare tutti i piccoli e grandi incovenienti che questa situazione può creare o non inizierà neanche :rolleyes: . Stessa cosa vale per le amicizie anche se in questo caso si è più liberi, nel senso che non si condivide tutto, però se il dislivello è troppo anche qui sorgeranno problemi :rolleyes:.

Per il resto concordo con tutto quanto detto da tempest.
Che esempi tristi. Esempi da classista.
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 10/01/2019, 21:02

Etere ha scritto:
10/01/2019, 18:15
Penso che in generale nei rapporti interpersonali non sempre siamo vittime: a volte anche noi ne mietiamo.

Altro punto: se un amico improvvis amente taglia i ponti per una sventolona tutta curve supercarrozzata allora solo in quel caso ha tutto il mio rispetto [smilie=asd.gif]
I rapporti interpersonali sono di vari tipi : amicizia, amore, famiglia, lavoro...uno puó essere "vittima" in amicizia o amore ed mietere vittime in altro ambito.

Avatar utente
Szayel84
Nuovo Iscritto
Messaggi: 19
Iscritto il: 08 gennaio 2019
Sesso:
Età: 38

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Szayel84 » 10/01/2019, 22:23

Purtroppo sono d'accordo quasi in tutto, oggi la società funziona così, come ho detto prima, in amore lo capisco ed è anche giusto probabilmente, di certo non si può dire ad una donna "scusa ti va morire di fame insieme a me?" [smilie=asd.gif]
Sarebbe umiliante sia per me è probabilmente imbarazzante per lei. In amicizia no, considerando che non ci sono mai stati dislivelli eccessivi tra le mie conoscenze, e da questo sono arrivato alla conclusione che il motivo è solo uno. Il peggio non è nemmeno questo, ma il fatto che se ne vanno in silenzio senza dire niente, il giorno prima sei importante e poi addio. Avrei preferito mille volte un sincero addio che ti mette il cuore in pace e non semplicemente abbandonarti rimanendoti peraltro con mille perchè all'inizio, e saperlo in seguito solo da terzi della nuova persona più comoda. Probabilmente è anche questione di fortuna trovare qualcuno di davvero compatibile.

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 10/01/2019, 22:38

Szayel84 ha scritto:
10/01/2019, 22:23
Purtroppo sono d'accordo quasi in tutto, oggi la società funziona così, come ho detto prima, in amore lo capisco ed è anche giusto probabilmente, di certo non si può dire ad una donna "scusa ti va morire di fame insieme a me?" [smilie=asd.gif]
Ah, ah, allora non ti resta che trovare una morta di fame come te così risolvi il problema...
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Szayel84
Nuovo Iscritto
Messaggi: 19
Iscritto il: 08 gennaio 2019
Sesso:
Età: 38

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Szayel84 » 10/01/2019, 22:49

Si infatti, era un modo di dire ovviamente, ma si il senso è quello, io non credo al famoso detto gli opposti si attraggono.

Avatar utente
Andyphone
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4215
Iscritto il: 11 settembre 2004
Sesso:
Età: 50

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Andyphone » 10/01/2019, 23:01

Per favore ricordate sempre di citare o "quotare" la persona e il messaggio a cui rispondete altrimenti si rischia di non capire a chi e cosa vi riferite . Per quotare basta utilizzare l'opzione "Rispondi citando" nel messaggio a cui volete rispondere.

Grazie 👍
- Andy 'Andyphone' - Moderatore e Admin di MailAmici.it -
* leggete sempre le Linee Guida di MailAmici *

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 11/01/2019, 9:16

Etere ha scritto:
10/01/2019, 20:47
Che esempi tristi. Esempi da classista.

Secondo te Briatore si accontenterebbe di andare al mare con la sdraio e il panino portato da casa? :DD :DD :DD

Non facciamo i falsi buonisti, siamo realisti: chi ha un buon tenore di vita difficilmente si adatta ad avere meno. Una persona ambiziosa che ha lavorato sodo per cambiare il suo stato sociale cercherà sempre qualcosa di più o non di meno.
Ho un amico, laureato e con un ottimo lavoro, che cerca una donna con cultura e indipendente. Tutte quelle che non corrispondono a ciò che cerca le scarica in breve tempo, ovviamente a loro non palesa le vere motivazioni tanto che qualcuna continua ad insistere :DD . Questa è realtà. Non facciamo gli ipocriti dicendo che non conta!
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 11/01/2019, 11:07

tropicsnow ha scritto:
11/01/2019, 9:16
Secondo te Briatore si accontenterebbe di andare al mare con la sdraio e il panino portato da casa? :DD :DD :DD

Non facciamo i falsi buonisti, siamo realisti: chi ha un buon tenore di vita difficilmente si adatta ad avere meno. Una persona ambiziosa che ha lavorato sodo per cambiare il suo stato sociale cercherà sempre qualcosa di più o non di meno.
Ho un amico, laureato e con un ottimo lavoro, che cerca una donna con cultura e indipendente. Tutte quelle che non corrispondono a ciò che cerca le scarica in breve tempo, ovviamente a loro non palesa le vere motivazioni tanto che qualcuna continua ad insistere :DD . Questa è realtà. Non facciamo gli ipocriti dicendo che non conta!
Secondo me uno come Briatore se trova una sventolona che gli fa il kamasutra a letto e la danza dei sette veli in soggiorno, la porta lui fuori in un locale non va con lei a mangiare un panino [smilie=asd.gif] , e questo fanno , sempre per non essere buonisti, tanti uomini benestanti che si mettono con ragazze giovani, belle, a volte straniere o italiane con reddito basso.


Sicuramente il discorso di avere interessi comuni conta molto, e anche il fatto che non ci sia un abisso culturale ed economico, con questo sono d'accordo, lo siamo tutti, ma mi pare che tu esageri un po' perchè inquadri troppo le persone nel lavoro che fanno: la commessa del supermercato è così...il titolato è così...
Ci sono commesse che non sono affatto ignoranti e fior di titolati che non azzeccano un congiuntivo. :DD
Nella società di oggi ci sono meno divisioni nette e più sfumature. Questo perchè l'accesso alla cultura è più libero per chi vuole imparare e tenersi aggiornato pur avendo studiato meno e poi perchè il mercato del lavoro è più mobile e il titolo non rappresenta più automaticamente il reddito alto e il posto certo

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 11/01/2019, 11:18

Szayel84 ha scritto:
10/01/2019, 22:23
Purtroppo sono d'accordo quasi in tutto, oggi la società funziona così, come ho detto prima, in amore lo capisco ed è anche giusto probabilmente, di certo non si può dire ad una donna "scusa ti va morire di fame insieme a me?" [smilie=asd.gif]
Sarebbe umiliante sia per me è probabilmente imbarazzante per lei. In amicizia no, considerando che non ci sono mai stati dislivelli eccessivi tra le mie conoscenze, e da questo sono arrivato alla conclusione che il motivo è solo uno. Il peggio non è nemmeno questo, ma il fatto che se ne vanno in silenzio senza dire niente, il giorno prima sei importante e poi addio. Avrei preferito mille volte un sincero addio che ti mette il cuore in pace e non semplicemente abbandonarti rimanendoti peraltro con mille perchè all'inizio, e saperlo in seguito solo da terzi della nuova persona più comoda. Probabilmente è anche questione di fortuna trovare qualcuno di davvero compatibile.
Io dopo più di un anno ancora mi chiedo perchè un "amico" dopo 7 anni di "amicizia" mi abbia tagliata dall'oggi al domani :? senza motivo, GIURO, senza motivo alcuno, visto che nemmeno abitiamo più nella stesssa città e ci si sentiva per chiaccherare e darci consigli...io a lui per lo più.
Mistero... :O
Ero persino arrivata a pensare che si drogasse o prendesse psicofarmaci per giustificare questo strano comportamento [smilie=emo_pic_105.gif] :DD in realtà immagino di non servirgli più in nessun modo. Avrà chi lo ascolta, avrà più amici, avrà una donna che lo tiene occupato...

Avatar utente
airlander
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 3260
Iscritto il: 26 dicembre 2009
Sesso:
Età: 71

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da airlander » 11/01/2019, 11:44

tempest ha scritto:
11/01/2019, 11:07
Secondo me uno come Briatore se trova una sventolona che gli fa il kamasutra a letto e la danza dei sette veli in soggiorno, la porta lui fuori in un locale non va con lei a mangiare un panino [smilie=asd.gif] , e questo fanno , sempre per non essere buonisti, tanti uomini benestanti che si mettono con ragazze giovani, belle, a volte straniere o italiane con reddito basso.


Sicuramente il discorso di avere interessi comuni conta molto, e anche il fatto che non ci sia un abisso culturale ed economico, con questo sono d'accordo, lo siamo tutti, ma mi pare che tu esageri un po' perchè inquadri troppo le persone nel lavoro che fanno: la commessa del supermercato è così...il titolato è così...
Ci sono commesse che non sono affatto ignoranti e fior di titolati che non azzeccano un congiuntivo. :DD
Nella società di oggi ci sono meno divisioni nette e più sfumature. Questo perchè l'accesso alla cultura è più libero per chi vuole imparare e tenersi aggiornato pur avendo studiato meno e poi perchè il mercato del lavoro è più mobile e il titolo non rappresenta più automaticamente il reddito alto e il posto certo
posso confermare che se te ne stai comodamente seduto nel pozzetto di una bella barca difficilmente passi inosservato alle persone "più comuni" che transitano sul molo dove sei all'ormeggio e soprattutto il genere femminile a volte palesa un qual certo interesse nel di voler "sperimentare" la vita di bordo... :DD
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 11/01/2019, 12:03

tempest ha scritto:
11/01/2019, 11:07
Secondo me uno come Briatore se trova una sventolona che gli fa il kamasutra a letto e la danza dei sette veli in soggiorno, la porta lui fuori in un locale non va con lei a mangiare un panino [smilie=asd.gif] , e questo fanno , sempre per non essere buonisti, tanti uomini benestanti che si mettono con ragazze giovani, belle, a volte straniere o italiane con reddito basso.


Sicuramente il discorso di avere interessi comuni conta molto, e anche il fatto che non ci sia un abisso culturale ed economico, con questo sono d'accordo, lo siamo tutti, ma mi pare che tu esageri un po' perchè inquadri troppo le persone nel lavoro che fanno: la commessa del supermercato è così...il titolato è così...
Ci sono commesse che non sono affatto ignoranti e fior di titolati che non azzeccano un congiuntivo. :DD
Nella società di oggi ci sono meno divisioni nette e più sfumature. Questo perchè l'accesso alla cultura è più libero per chi vuole imparare e tenersi aggiornato pur avendo studiato meno e poi perchè il mercato del lavoro è più mobile e il titolo non rappresenta più automaticamente il reddito alto e il posto certo
Quello di Briatore è un esempio un po' estremo, ma come anche tu dici, non va a mangiare un panino :DD Se un uomo perde la testa per una donna, paga i suoi conti. Conosco anche chi ha pagato l'università alla donna che aveva vicino, perchè l'amore per quanto forte non è cieco. Lui era un chirurgo e non poteva avere una compagna che non fosse laureata. Non l'ha accettata per ciò che era. Questo per dire che alla fine queste cose contano per quanto se ne dica.
Quanto al resto, concordo. I miei esempi sono un po' netti per rendere l'idea. L'amica commessa l'ho avuta e tante volte mi diceva che si sentiva inferiore, a disagio, con chi aveva fatto altre scelte di vita. Quindi c'è un problema, da una parte o dall'altra. Poi ovvio, ci sono le eccezioni. Tante cubane ed ucraine si sono sistemate con uomini disposti a mantenerle, anche se non sono Briatore. Personalmente non conosco alcun professionista sposato con la fioraia, commessa, panettiera...e viceversa. Non ne faccio una questione di classismo, come dice Etere, ma di comunione di interessi e la ricerca di ciò che ci somiglia.
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 11/01/2019, 12:32

tropicsnow ha scritto:
11/01/2019, 12:03
Conosco anche chi ha pagato l'università alla donna che aveva vicino, perchè l'amore per quanto forte non è cieco. Lui era un chirurgo e non poteva avere una compagna che non fosse laureata. Non l'ha accettata per ciò che era. Questo per dire che alla fine queste cose contano per quanto se ne dica.
:rolleyes: Se lui, chirugo, si era innamorato di lei, questa donna proprio ignorante e sciocca non sarà stata immagino. Ma lui la voleva con il "pezzo di carta"?!
Se succedesse a me mi incavolerei non poco...accetterei ma mi farei mantenere da lui per tutto il periodo di studio e credo che poi mi prenderei una piccola vendetta.... [smilie=humm.gif] da scegliere con cura

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 11/01/2019, 12:47

tempest ha scritto:
11/01/2019, 12:32
:rolleyes: Se lui, chirugo, si era innamorato di lei, questa donna proprio ignorante e sciocca non sarà stata immagino. Ma lui la voleva con il "pezzo di carta"?!
Se succedesse a me mi incavolerei non poco...
Diciamo che lui si è innamorato più che altro della sua bellezza. Non è stupida, semplicemente non aveva il suo tenore di vita e non si era potuta permettere l'università. Fu proprio lei a dirmi che lui le aveva scelto la facoltà e le pagava la retta. Spesso la portava a cena con i suoi colleghi e lei doveva essere capace di intrattenere una conversazione e alla domanda su quale fosse la sua occupazione non poteva rispondere che faceva lavoretti qua e là per vivere. Insomma non doveva metterlo a disagio. Devo dire che l'ha cambiata molto, quando era con lui sembrava un'altra persona per paura di fare qualcosa di sbagliato. Credo che lui le facesse notare come comportarsi :rolleyes:
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 11/01/2019, 13:02

tropicsnow ha scritto:
11/01/2019, 12:47
Diciamo che lui si è innamorato più che altro della sua bellezza. Non è stupida, semplicemente non aveva il suo tenore di vita e non si era potuta permettere l'università. Fu proprio lei a dirmi che lui le aveva scelto la facoltà e le pagava la retta. Spesso la portava a cena con i suoi colleghi e lei doveva essere capace di intrattenere una conversazione e alla domanda su quale fosse la sua occupazione non poteva rispondere che faceva lavoretti qua e là per vivere. Insomma non doveva metterlo a disagio. Devo dire che l'ha cambiata molto, quando era con lui sembrava un'altra persona per paura di fare qualcosa di sbagliato. Credo che lui le facesse notare come comportarsi :rolleyes:
L'uomo "pigmalione"... non mi è mai piaciuto

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 11/01/2019, 13:20

tempest ha scritto:
11/01/2019, 13:02
L'uomo "pigmalione"... non mi è mai piaciuto
Non a tutte a quanto pare... Avere abiti firmati, capelli sempre curati dal parrucchiere, una bella casa, vacanze e quant'altro non è da tutte rinunciare e sempre meglio che fare la baby sitter o la cameriera per pochi euro. È proprio così che l'ha conosciuta: una sera è andato a cena nel ristorante in cui lavorava. All'epoca era anche fidanzata, ma a lui questo non è interessato perché ha iniziato a corteggiarla e lei non ci ha messo molto a mollare il ragazzo :rolleyes:
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 9768
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tempest » 11/01/2019, 14:16

tropicsnow ha scritto:
11/01/2019, 13:20
Non a tutte a quanto pare... Avere abiti firmati, capelli sempre curati dal parrucchiere, una bella casa, vacanze e quant'altro non è da tutte rinunciare e sempre meglio che fare la baby sitter o la cameriera per pochi euro. È proprio così che l'ha conosciuta: una sera è andato a cena nel ristorante in cui lavorava. All'epoca era anche fidanzata, ma a lui questo non è interessato perché ha iniziato a corteggiarla e lei non ci ha messo molto a mollare il ragazzo :rolleyes:
A me queste cose piacciono, onestamente mi piacerebbe ricevere regali e fare belle vacanze... :rolleyes: non intendevo questo. Non mi piace l'uomo che ti "plasma", che ti dice che cosa indossare, come comportarti, che tipo di acconciatura avere...insopportabile. A volte mi capita di vedere queste coppie dove lui è l'arbitro del buon gusto e lei pende dalle sue labbra...prenderei a schiaffi lei e a pugni lui :DD

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 11/01/2019, 16:14

airlander ha scritto:
11/01/2019, 11:44
posso confermare che se te ne stai comodamente seduto nel pozzetto di una bella barca difficilmente passi inosservato alle persone "più comuni" che transitano sul molo dove sei all'ormeggio e soprattutto il genere femminile a volte palesa un qual certo interesse nel di voler "sperimentare" la vita di bordo... :DD
Airlander, da vero illuminista quale sei sono sicuro del fatto che intenderai dare il tuo contributo fattivo al progresso della scienza [smilie=asd.gif] ;)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 11/01/2019, 16:27

tempest ha scritto:
11/01/2019, 14:16
A me queste cose piacciono, onestamente mi piacerebbe ricevere regali e fare belle vacanze... :rolleyes: non intendevo questo. Non mi piace l'uomo che ti "plasma", che ti dice che cosa indossare, come comportarti, che tipo di acconciatura avere...insopportabile. A volte mi capita di vedere queste coppie dove lui è l'arbitro del buon gusto e lei pende dalle sue labbra...prenderei a schiaffi lei e a pugni lui :DD
Avevo inteso...ma questo capita quando una parte ha molto potere economico e l'altra non ne ha affatto. C'è un prezzo da pagare. Lei ha perso la sua libertà, tutto quello che ha non è suo e potrebbe perderlo in qualsiasi momento, però al momento gode di uno stile di vita che da sola non avrebbe mai avuto. Sono scelte...
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
tropicsnow
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4404
Iscritto il: 05 aprile 2009
Età: 41

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da tropicsnow » 11/01/2019, 16:31

airlander ha scritto:
11/01/2019, 11:44
posso confermare che se te ne stai comodamente seduto nel pozzetto di una bella barca difficilmente passi inosservato alle persone "più comuni" che transitano sul molo dove sei all'ormeggio e soprattutto il genere femminile a volte palesa un qual certo interesse nel di voler "sperimentare" la vita di bordo... :DD
A chi non piacerebbe avere una bella vita comoda, senza rinunciare a nulla? uomo o donna che sia. Poi bisogna vedere cosa si è disposti a sacrifare per questo...
"Ho visto cose bellissime grazie alla diversa prospettiva suggerita dalla mia perenne insoddisfazione, e quel che mi consola ancora, è che non smetto di osservare".

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 11/01/2019, 16:36

tropicsnow ha scritto:
11/01/2019, 12:03
Quello di Briatore è un esempio un po' estremo, ma come anche tu dici, non va a mangiare un panino :DD Se un uomo perde la testa per una donna, paga i suoi conti. Conosco anche chi ha pagato l'università alla donna che aveva vicino, perchè l'amore per quanto forte non è cieco. Lui era un chirurgo e non poteva avere una compagna che non fosse laureata. Non l'ha accettata per ciò che era. Questo per dire che alla fine queste cose contano per quanto se ne dica.
Quanto al resto, concordo. I miei esempi sono un po' netti per rendere l'idea. L'amica commessa l'ho avuta e tante volte mi diceva che si sentiva inferiore, a disagio, con chi aveva fatto altre scelte di vita. Quindi c'è un problema, da una parte o dall'altra. Poi ovvio, ci sono le eccezioni. Tante cubane ed ucraine si sono sistemate con uomini disposti a mantenerle, anche se non sono Briatore. Personalmente non conosco alcun professionista sposato con la fioraia, commessa, panettiera...e viceversa. Non ne faccio una questione di classismo, come dice Etere, ma di comunione di interessi e la ricerca di ciò che ci somiglia.
Povere fioraie, commesse, ecc. Ah,ah. Poveri lavoratori dei canili, del circo, dei mattatoi...
Ma dove vivi? Al Rotary Club?
Dove hai conosciuto questo chirurgo? A un congresso sul pancreas? :DD ;)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4526
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 49

Re: Amicizia,amore e convenienza

Messaggio da Etere » 11/01/2019, 16:44

tempest ha scritto:
11/01/2019, 11:07

Sicuramente il discorso di avere interessi comuni conta molto, e anche il fatto che non ci sia un abisso culturale ed economico, con questo sono d'accordo, lo siamo tutti, ma mi pare che tu esageri un po' perchè inquadri troppo le persone nel lavoro che fanno: la commessa del supermercato è così...il titolato è così...
Ci sono commesse che non sono affatto ignoranti e fior di titolati che non azzeccano un congiuntivo. :DD
Nella società di oggi ci sono meno divisioni nette e più sfumature. Questo perchè l'accesso alla cultura è più libero per chi vuole imparare e tenersi aggiornato pur avendo studiato meno e poi perchè il mercato del lavoro è più mobile e il titolo non rappresenta più automaticamente il reddito alto e il posto certo
Brava Tempest ;) Concordo pienamente. Buon pomeriggio :ciao:
Senza il sol nulla son io