Memoria delle mie ******* tristi

Nuovi e vecchi, scrittori, titoli. Le vostre opinioni, critiche, suggerimenti... Per farsi una cultura 'vecchio stile'

Moderatore: Sabrina

Regole del forum
No pubblicità, grazie
Rispondi
Sims
MailAmico
MailAmico
Messaggi: 1341
Iscritto il: 28 maggio 2006
Sesso:
Età: 39

Memoria delle mie ******* tristi

Messaggio da Sims » 09/11/2006, 12:08

Ho appena terminato questo romanzo di Gabriel Garcia Marquez e vi lascio la mia impressione.
Si legge in fretta ed è piuttosto accattivante. La traduzione di Angelo Morino (Mondadori) è molto fluida, la storia narrata dolce. E’ il racconto in prima persona del protagonista, giornalista, che arrivato a 90 anni si innamora per la prima volta. Dopo una vita passata tra bordelli il suo cuore gli viene rubato da una giovanissima prostituta con cui trascorre la notte del compleanno, guardandola dormire serena e non osando svegliarla.
Tra le pagine di queste memorie si respira poesia. Non è tuttavia una scrittura intensa, a mio parere. Non vi lascerà sconvolti dal patos, con il cuore in tumulto. Non vi farà sospirare d’amore né vi porterà tra le braccia di Morfeo sperano di ricreare in sogno quella realtà.
E’ un romanzo piuttosto breve che vi accompagnerà per poche ore di gradevole svago e poi vi lascerà senza segnarvi. Lo consiglio a chi il cuore in tumulto già ce l’ha…

vannik

Re: Memoria delle mie ******* tristi

Messaggio da vannik » 12/11/2006, 13:03

Sims ha scritto:Ho appena terminato questo romanzo di Gabriel Garcia Marquez e vi lascio la mia impressione.
Si legge in fretta ed è piuttosto accattivante. La traduzione di Angelo Morino (Mondadori) è molto fluida, la storia narrata dolce. E’ il racconto in prima persona del protagonista, giornalista, che arrivato a 90 anni si innamora per la prima volta. Dopo una vita passata tra bordelli il suo cuore gli viene rubato da una giovanissima prostituta con cui trascorre la notte del compleanno, guardandola dormire serena e non osando svegliarla.
Tra le pagine di queste memorie si respira poesia. Non è tuttavia una scrittura intensa, a mio parere. Non vi lascerà sconvolti dal patos, con il cuore in tumulto. Non vi farà sospirare d’amore né vi porterà tra le braccia di Morfeo sperano di ricreare in sogno quella realtà.
E’ un romanzo piuttosto breve che vi accompagnerà per poche ore di gradevole svago e poi vi lascerà senza segnarvi. Lo consiglio a chi il cuore in tumulto già ce l’ha…
quoto sims...

è un libro che ho apprezzato molto, in fondo anche questa è una storia d'amore....