H.P.Lovecraft

Nuovi e vecchi, scrittori, titoli. Le vostre opinioni, critiche, suggerimenti... Per farsi una cultura 'vecchio stile'

Moderatore: Sabrina

Regole del forum
No pubblicità, grazie
Rispondi
suffocation73
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 270
Iscritto il: 31 ottobre 2011
Età: 47

H.P.Lovecraft

Messaggio da suffocation73 » 03/11/2011, 12:37

Chi lo conosce e lo legge?
Ondeggia il ciliegio
mentre ti penso
e spargendo l'aroma
rende più dolce il tuo ricordo.

suffocation73
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 270
Iscritto il: 31 ottobre 2011
Età: 47

Re: H.P.Lovecraft

Messaggio da suffocation73 » 09/11/2011, 12:08

suffocation73 ha scritto:Chi lo conosce e lo legge?
Urca che folla non tutti insieme...vabè pensavo fosse sconosciuto ai più ma non così. Pace. :'(
Ondeggia il ciliegio
mentre ti penso
e spargendo l'aroma
rende più dolce il tuo ricordo.

The Etherealmirror

Re: H.P.Lovecraft

Messaggio da The Etherealmirror » 16/11/2011, 21:50

suffocation73 ha scritto:Chi lo conosce e lo legge?
Ho letto H.P.Lovecraft 15 anni fa (nello stesso periodo anche l’inarrivabile maestro E.A. Poe): hanno colpito la mia fantasia in particolare gli ibridi metà creatura marina/metà uomo, descritti ne “La maschera di Innsmouth”. Ne conservo un ricordo piuttosto "vivido"…in generale ho trovato impressionante anche la descrizione dei paesaggi alienanti, desolati, ammorbanti.

Un po’ di tempo addietro ho avuto modo di leggere, in una mailing list monotematica, uno scritto di circa 20 pagine intitolato “Il paganesimo in Lovecraft” di P. Trevisan (pare che Lovecraft, in gioventù, tanto per gradire, avesse edificato un piccolo santuario dedicandolo a Pan sulla riva di un fiume nel paese in cui abitava). Non credo che questo documento sia attualmente presente integralmente in rete, ragione più che valida per esporne quindi una breve sintesi :DD .
Prima però, partendo da molto lontano, una breve premessa necessaria ad introdurre un minimo il discorso sugli dèi di Lovecraft:
nell’antica religione greca distinguiamo in generale due tipologie di divinità: una “precosmica” e l’altra “cosmica” (per “kosmos” s’intende “l’ordine” civilizzatore instaurato a colpi di saetta da Zeus: Zeus riduce così ai minimi termini il chaos preesistente all’avvento dello stesso dio del fulmine adunatore di nembi. Egli sconfisse infatti i Titani e tutti gli esseri “primordiali”, negativi
-diciamo così- sottomettendoli agli Dèi olimpii di cui egli divenne il sovrano. Il regno di Zeus è dunque il regno dell'ordine).
Esempio: considerando gli dèi del mare, Carla Costa, in “La stirpe di Pontos”, spiega che Pontos è il dio del mare primordiale, il mare risalente ad un tempo dominato dal chaos: è “il mare aperto, pericoloso, insidioso, popolato di mostri marini”.
Al contrario Poseidone è invece il dio del mare navigabile, la distesa di acqua attraverso cui avvengono gli scambi commerciali marittimi, è il mare “civilizzato”, “culturale”. Poseidone è il mare nel “cosmo” di Zeus (l’eroe Giasone compie la “prima navigazione” con gli Argonauti e fonda un culto sacrificale in onore appunto di Poseidon).
Pontos è invece, come già detto, il mare “preculturale”, precosmico.
(Il passaggio dal chaos al kosmos è presente comunque anche nelle mitologie di altre religioni pagane e non).

Venendo a Lovecraft, Pietro Trevisan scrive che le divinità cosmiche ( inventate di sana pianta tranne Dagon il dio-pesce dei filistei) che affollano i racconti di Lovecraft sono in maggioranza reinterpretazioni proprio di quella tipologia di divinità primordiali, “caotiche”, precosmiche di cui ho detto in precedenza: un esempio su tutti è rappresentato dal più antico degli dèi di Lovecraft, ossia Azathoth. Azathoth (nel racconto “L’abitatore del buio”) infatti dimora nel centro dell’universo sin dalle origini dello stesso: “cieco e idiota, gorgoglia blasfemità al centro dell’universo”, eternamente cullato (aggiunge Trevisan) da una danza di dèi – demoni che gli girano intorno al ritmo di una musica primordiale, in un girotondo meccanico e insensato.
Mentre Azathoth è la divinità “caotica” per eccellenza, Yog- Sothoth è invece quella, agli antipodi, “ordinatrice”.
Il paganesimo di Lovecraft in molti suoi racconti deraglia però nell’esoterismo o addirittura nell’antipaganesimo come nel racconto “Orrore a Red Hook”. Red Hook, un quartiere di New York, vede infatti all’opera un poliziotto che investiga sulla diffusione di sette pagane. La religione pagana viene in questo racconto attaccata e definita “culto demoniaco”.

suffocation73
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 270
Iscritto il: 31 ottobre 2011
Età: 47

Re: H.P.Lovecraft

Messaggio da suffocation73 » 17/11/2011, 9:39

The Etherealmirror ha scritto:[...]


Ho letto H.P.Lovecraft 15 anni fa (nello stesso periodo anche l’inarrivabile maestro E.A. Poe): hanno colpito la mia fantasia in particolare gli ibridi metà creatura marina/metà uomo, descritti ne “La maschera di Innsmouth”. Ne conservo un ricordo piuttosto "vivido"…in generale ho trovato impressionante anche la descrizione dei paesaggi alienanti, desolati, ammorbanti.

Un po’ di tempo addietro ho avuto modo di leggere, in una mailing list monotematica, uno scritto di circa 20 pagine intitolato “Il paganesimo in Lovecraft” di P. Trevisan (pare che Lovecraft, in gioventù, tanto per gradire, avesse edificato un piccolo santuario dedicandolo a Pan sulla riva di un fiume nel paese in cui abitava). Non credo che questo documento sia attualmente presente integralmente in rete, ragione più che valida per esporne quindi una breve sintesi :DD .
Prima però, partendo da molto lontano, una breve premessa necessaria ad introdurre un minimo il discorso sugli dèi di Lovecraft:
nell’antica religione greca distinguiamo in generale due tipologie di divinità: una “precosmica” e l’altra “cosmica” (per “kosmos” s’intende “l’ordine” civilizzatore instaurato a colpi di saetta da Zeus: Zeus riduce così ai minimi termini il chaos preesistente all’avvento dello stesso dio del fulmine adunatore di nembi. Egli sconfisse infatti i Titani e tutti gli esseri “primordiali”, negativi
-diciamo così- sottomettendoli agli Dèi olimpii di cui egli divenne il sovrano. Il regno di Zeus è dunque il regno dell'ordine).
Esempio: considerando gli dèi del mare, Carla Costa, in “La stirpe di Pontos”, spiega che Pontos è il dio del mare primordiale, il mare risalente ad un tempo dominato dal chaos: è “il mare aperto, pericoloso, insidioso, popolato di mostri marini”.
Al contrario Poseidone è invece il dio del mare navigabile, la distesa di acqua attraverso cui avvengono gli scambi commerciali marittimi, è il mare “civilizzato”, “culturale”. Poseidone è il mare nel “cosmo” di Zeus (l’eroe Giasone compie la “prima navigazione” con gli Argonauti e fonda un culto sacrificale in onore appunto di Poseidon).
Pontos è invece, come già detto, il mare “preculturale”, precosmico.
(Il passaggio dal chaos al kosmos è presente comunque anche nelle mitologie di altre religioni pagane e non).

Venendo a Lovecraft, Pietro Trevisan scrive che le divinità cosmiche ( inventate di sana pianta tranne Dagon il dio-pesce dei filistei) che affollano i racconti di Lovecraft sono in maggioranza reinterpretazioni proprio di quella tipologia di divinità primordiali, “caotiche”, precosmiche di cui ho detto in precedenza: un esempio su tutti è rappresentato dal più antico degli dèi di Lovecraft, ossia Azathoth. Azathoth (nel racconto “L’abitatore del buio”) infatti dimora nel centro dell’universo sin dalle origini dello stesso: “cieco e idiota, gorgoglia blasfemità al centro dell’universo”, eternamente cullato (aggiunge Trevisan) da una danza di dèi – demoni che gli girano intorno al ritmo di una musica primordiale, in un girotondo meccanico e insensato.
Mentre Azathoth è la divinità “caotica” per eccellenza, Yog- Sothoth è invece quella, agli antipodi, “ordinatrice”.
Il paganesimo di Lovecraft in molti suoi racconti deraglia però nell’esoterismo o addirittura nell’antipaganesimo come nel racconto “Orrore a Red Hook”. Red Hook, un quartiere di New York, vede infatti all’opera un poliziotto che investiga sulla diffusione di sette pagane. La religione pagana viene in questo racconto attaccata e definita “culto demoniaco”.
Per ciò che mi riguarda, penso che il grandioso HPL vide cose che davvero noi non possiamo nemmeno immaginare... tutto il resto è speculazione postuma. Non dimentichiamo che,come L. stesso afferma in alcuni suoi scritti, aveva l'abitudine di camminare di notte e passeggiare nei pressi di cimiteri. Ora, dico, chi se non una personalità completamente elevata farebbe ciò? E non lo considero un "matto" ben inteso, era tutt'altro che matto.
Ricordi alcuni suoi racconti ambientati in Antartide? (le montagne della follia) beh, poco tempo fa hanno scoperto alcuni esseri (gamberetti e forse qualche medusa)sotto al ghiaccio dove si credeva impossibile esistesse la vita. HPL la sapeva lunga,altro che..chissà quali segreti gli han svelato antiche entità dimenticate dall'uomo ma sempre presenti... ;)
Scherzi a parte, io a distanza di anni lo rileggo sempre, ultimamente anche in lingua originale. E' stupendo, scrive in un inglese ormai leggermente sorpassato ma di grande levatura. Peccato ci abbia lasciato presto.
Ondeggia il ciliegio
mentre ti penso
e spargendo l'aroma
rende più dolce il tuo ricordo.

The Etherealmirror

Re: H.P.Lovecraft

Messaggio da The Etherealmirror » 18/11/2011, 21:34

suffocation73 ha scritto:[...]



Per ciò che mi riguarda, penso che il grandioso HPL vide cose che davvero noi non possiamo nemmeno immaginare... tutto il resto è speculazione postuma. Non dimentichiamo che,come L. stesso afferma in alcuni suoi scritti, aveva l'abitudine di camminare di notte e passeggiare nei pressi di cimiteri. Ora, dico, chi se non una personalità completamente elevata farebbe ciò? E non lo considero un "matto" ben inteso, era tutt'altro che matto.
Ricordi alcuni suoi racconti ambientati in Antartide? (le montagne della follia) beh, poco tempo fa hanno scoperto alcuni esseri (gamberetti e forse qualche medusa)sotto al ghiaccio dove si credeva impossibile esistesse la vita. HPL la sapeva lunga,altro che..chissà quali segreti gli han svelato antiche entità dimenticate dall'uomo ma sempre presenti... ;)
Scherzi a parte, io a distanza di anni lo rileggo sempre, ultimamente anche in lingua originale. E' stupendo, scrive in un inglese ormai leggermente sorpassato ma di grande levatura. Peccato ci abbia lasciato presto.
L’intera fama di Lovecraft è postuma: i critici europei scoprirono infatti questo autore intorno alla metà degli anni sessanta del secolo scorso (in America, la sua patria, Lovecraft era stato praticamente ignorato) facendo conoscere i suoi scritti in tutto il mondo. Studiare ogni aspetto (compreso quello religioso) della sua produzione intellettuale non è una pratica oziosa.
Ad essere sincero il suo stile narrativo, il suo modo di scrivere (pur essendo indubbiamente originale il linguaggio da lui adottato - come testimoniano peraltro le parole di studiosi come Fruttero che definisce l’inglese di H.P. come un inglese “di aristocratica densità” in cui terminologie del ‘700 si inseriscono in quadro sintattico moderno -) non mi ha particolarmente affascinato: H.P. non fu mai un maestro assoluto di stile come lo fu invece Poe. Tuttavia, la sua fantasia malata e visionaria (come poche lo sono state) ha sopperito ampiamente a questa pecca (mi risulta che egli stesso non fosse pienamente soddisfatto della sua abilità nell’arte della narrazione): una parte della critica ha a tal proposito usato la metafora del diamante (la sua grande immaginazione visionaria) incastonato in un anello di metallo poco nobile (il suo stile di scrittura).
Ciò tuttavia non sminuisce la statura della sua opera, che è certamente di rilievo.

FadeTo
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 104
Iscritto il: 12 gennaio 2011
Età: 38


Messaggio da FadeTo » 27/11/2011, 17:21

Grande scrittore.
CARPE DIEM

Tiffany
Nuovo Iscritto
Messaggi: 9
Iscritto il: 21 aprile 2013
Età: 42


Messaggio da Tiffany » 28/04/2013, 18:15

Mi piace moltissimo insieme a E.Allan Poe sono i miei preferiti per questo genere dark.Ho letto "La casa stregata"e altro di cui non ricordo il titolo perché è passato un pò di tempo.
"Certi uomini vedono le cose come sono e dicono:"perché?"io sogno cose mai esistite e dico:"perché no?".
G.B.Shaw