Minacce ai nostri risparmi.

Discussioni, opinioni e riflessioni su argomenti di attualità, notizie, eventi anche personali

Moderatore: Sabrina

Rispondi
cescoFran

Minacce ai nostri risparmi.

Messaggio da cescoFran » 14/05/2014, 12:14

[img]http://www.finanzaonline.com/forum/attachments/trading-line/1914812d1399545017-due-proposte-di-modifica-della-tassa-al-26-schermata-2014-05-08-12.27.04.jpg[/img]

E giusto per far capire che non cambia mai niente, "il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato a marzo di 12,8 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a 2.120 miliardi di euro dai 2.107,2 miliardi di febbraio."

[img]http://leganordnovabrianza.files.wordpress.com/2011/03/toto-eio-pago.jpg[/img]

:rolleyes:

Groucho
Nuovo Iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: 07 maggio 2014
Età: 33


Messaggio da Groucho » 14/05/2014, 16:33

Che fortuna, non avere risparmi da investire!

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 3833
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 46

Minacce ai nostri risparmi

Messaggio da Etere » 15/05/2014, 20:49

[URL=http://www.imagebam.com/image/798085326741110][img]http://thumbnails111.imagebam.com/32675/798085326741110.jpg[/img][/URL]
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2121
Iscritto il: 26 dicembre 2009
Età: 67


Messaggio da airlander » 27/05/2014, 9:03

abbiamo ciò che ci meritiamo e gli ultimi risultati elettorali lo dimostrano, e probabilmente continueremo ad essere gabbati, cambiano i nomi ma il risultato non cambia, esattamente come in matematica dove cambiando l'ordine degli addendi anche il risultato non si modifica, molto più svegli di noi forse nel resto dell'europa....
pensiamo solo a quel "meraviglioso" esempio di senatore a vita nominato dal "magnifico" presidente che dovremo mantenere sino che campa quando il partito da lui fondato è già praticamente affossato, tuttavia questo fenomeno di professore si è comunque assicurato il vitalizio alla faccia di tutti noi, e come lui moltissimi altri.
perché dunque lamentarsi quando si teme il cambiamento anche il più radicale? la vedo difficile per noi italiani rivoluzionare lo stato delle cose in maniera così sostanziale dal poter giungere realmente al vero cambiamento senza intaccare gli interessi essenziali dell'attuale dirigenza politica in perfetta sintonia anche la dove fingono di non andare molto d'accordo.
il salvataggio delle poltrone rimarrà lo sport prediletto per questi signori, alternandosi e facendosi anche le scarpe ogni tanto tra loro, ma anche questo farà parte dei giochi perché comunque vada ad ognuno di essi invece si che andrà bene comunque.
alla mia età e nonostante tutto mi sto lanciando in una impresa nuova, ma pensate che stia immaginando di poterla condurre a compimento in questo circo che è il nostro paese dove ladri, buffoni, e cantastorie ci raccontano sempre le medesime favole.....? mi sono stancato di vedere all'opera nani e ballerine, questi li lascio a chi ancora desidera assistere alle repliche di uno spettacolo ormai in scena da troppo tempo.
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48

Ares.87
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 145
Iscritto il: 06 febbraio 2014
Età: 31


Messaggio da Ares.87 » 27/05/2014, 13:50

airlander ha scritto:abbiamo ciò che ci meritiamo e gli ultimi risultati elettorali lo dimostrano, e probabilmente continueremo ad essere gabbati, cambiano i nomi ma il risultato non cambia, esattamente come in matematica dove cambiando l'ordine degli addendi anche il risultato non si modifica, molto più svegli di noi forse nel resto dell'europa....
pensiamo solo a quel "meraviglioso" esempio di senatore a vita nominato dal "magnifico" presidente che dovremo mantenere sino che campa quando il partito da lui fondato è già praticamente affossato, tuttavia questo fenomeno di professore si è comunque assicurato il vitalizio alla faccia di tutti noi, e come lui moltissimi altri.
perché dunque lamentarsi quando si teme il cambiamento anche il più radicale? la vedo difficile per noi italiani rivoluzionare lo stato delle cose in maniera così sostanziale dal poter giungere realmente al vero cambiamento senza intaccare gli interessi essenziali dell'attuale dirigenza politica in perfetta sintonia anche la dove fingono di non andare molto d'accordo.
il salvataggio delle poltrone rimarrà lo sport prediletto per questi signori, alternandosi e facendosi anche le scarpe ogni tanto tra loro, ma anche questo farà parte dei giochi perché comunque vada ad ognuno di essi invece si che andrà bene comunque.
alla mia età e nonostante tutto mi sto lanciando in una impresa nuova, ma pensate che stia immaginando di poterla condurre a compimento in questo circo che è il nostro paese dove ladri, buffoni, e cantastorie ci raccontano sempre le medesime favole.....? mi sono stancato di vedere all'opera nani e ballerine, questi li lascio a chi ancora desidera assistere alle repliche di uno spettacolo ormai in scena da troppo tempo.
Prova con il Maalox
:DD

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 7323
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:
Età: 49


Messaggio da tempest » 27/05/2014, 16:59

airlander ha scritto:abbiamo ciò che ci meritiamo e gli ultimi risultati elettorali lo dimostrano, e probabilmente continueremo ad essere gabbati, cambiano i nomi ma il risultato non cambia, esattamente come in matematica dove cambiando l'ordine degli addendi anche il risultato non si modifica, molto più svegli di noi forse nel resto dell'europa....
pensiamo solo a quel "meraviglioso" esempio di senatore a vita nominato dal "magnifico" presidente che dovremo mantenere sino che campa quando il partito da lui fondato è già praticamente affossato, tuttavia questo fenomeno di professore si è comunque assicurato il vitalizio alla faccia di tutti noi, e come lui moltissimi altri.
perché dunque lamentarsi quando si teme il cambiamento anche il più radicale? la vedo difficile per noi italiani rivoluzionare lo stato delle cose in maniera così sostanziale dal poter giungere realmente al vero cambiamento senza intaccare gli interessi essenziali dell'attuale dirigenza politica in perfetta sintonia anche la dove fingono di non andare molto d'accordo.
il salvataggio delle poltrone rimarrà lo sport prediletto per questi signori, alternandosi e facendosi anche le scarpe ogni tanto tra loro, ma anche questo farà parte dei giochi perché comunque vada ad ognuno di essi invece si che andrà bene comunque.
alla mia età e nonostante tutto mi sto lanciando in una impresa nuova, ma pensate che stia immaginando di poterla condurre a compimento in questo circo che è il nostro paese dove ladri, buffoni, e cantastorie ci raccontano sempre le medesime favole.....? mi sono stancato di vedere all'opera nani e ballerine, questi li lascio a chi ancora desidera assistere alle repliche di uno spettacolo ormai in scena da troppo tempo.

La frase evidenziata ha in se' un controsenso, chiedi perché si teme anche il cambiamento più radicale?? Al massimo ha un senso chiedere perché si teme anche il lieve cambiamento...


Il punto, in ogni scelta, comunque, è :quale cambiamento viene proposto? Quale percorso? Chi guiderà questo cambiamento? Se le risposte alle 3 questioni soddisfano, si sceglie questo "cambiamento" altrimenti non lo si sceglie. È abbastanza semplice.

Se mi togli nani e ballerine per darmi un clown forse ti dico "no grazie". È un esempio...

Comunque, in che paese vorresti "esportare" la tua nuova attività? In Europa o fuori Europa?

cescoFran


Messaggio da cescoFran » 27/05/2014, 20:48

Tanto tra poco ci diranno di festeggiare e gioire, uccidere il vitello grasso. Diranno che stanno facendo un'ottimo lavoro, e grazie a loro il PIL è cresciuto e quindi l'economia italiana; questo ci spaccieranno tra qualche mese, e ne parteciperanno tutti, chi è da una parte e chi dall'altra del governo, i primi dicendo che non hanno ceduto e i secondi dicendo che hanno dato l'input giusto per la direzione giusta e le correzioni.
La verità invece sarà che i dati saranno gonfiati dal conteggio nel PIL della prostituzione, del commercio di droga e altri affari illeciti, tutti che non pagano un cent di tassa ovviamente. La cosa da "ridere" è che questi dati sono fittizzi, e potranno scrivere più o meno quello che vorranno, se gli servirà aggiungere 5 milioni lo faranno, se ne serviranno 500 allora ne aggiungeranno 500.

Ma l'importante sarà festeggiare e che il popolo creda che, "si dai, infondo questi non sono male, chissà come andrebbe peggio con altri."


Non si potrebbe fare come col calcio, prendere un "Allenatore" dall'estero? :rolleyes:

cescoFran


Messaggio da cescoFran » 27/05/2014, 20:50

Groucho ha scritto:Che fortuna, non avere risparmi da investire!
Tranquillo comunque, stanno studiando anche come tassare ciò che hai nel conto corrente. :DD

Avatar utente
airlander
SuperAmico
SuperAmico
Messaggi: 2121
Iscritto il: 26 dicembre 2009
Età: 67


Messaggio da airlander » 28/05/2014, 6:47

Ares.87 ha scritto:[...]
Prova con il Maalox
:DD
il maalox lo lascio a chi non ha argomenti :)
tempest ha scritto:[...]
La frase evidenziata ha in se' un controsenso, chiedi perché si teme anche il cambiamento più radicale?? Al massimo ha un senso chiedere perché si teme anche il lieve cambiamento...
Il punto, in ogni scelta, comunque, è :quale cambiamento viene proposto? Quale percorso? Chi guiderà questo cambiamento? Se le risposte alle 3 questioni soddisfano, si sceglie questo "cambiamento" altrimenti non lo si sceglie. È abbastanza semplice.
Se mi togli nani e ballerine per darmi un clown forse ti dico "no grazie". È un esempio...
Comunque, in che paese vorresti "esportare" la tua nuova attività? In Europa o fuori Europa?
hai ragione sulla frase in grassetto quella corretta era “quando si teme il cambiamento.”
d'accordo anche sul clown (buffone, ma andava bene anche jullare)
per l'attività la produzione è già in austria la sede provvisioria in svizzera (più vicino a casa mia) per un mercato internazionale (india, cina, giappone, america latina ecc.) poi ci sarà una parte nazionale per il made in italy in quanto cose di pregio ne abbiamo eccome, peccato solo che a valorizzarle ci pensano più i privati perchè chi governa (da prima, da ora, e probabilmente da domani) ho è miope o gli conviene far finta di non vedere, questa operazione infatti si avvale di un gruppo di soci con capacità imprenditoriali e professionali con ancora il desiderio di sviluppare qualcosa dove rimane ancora possibile.
cescoFran ha scritto: Non si potrebbe fare come col calcio, prendere un "Allenatore" dall'estero? :rolleyes:
potrebbe essere la soluzione, il problema resta da dove, perchè neppure gli altri in questa ipotesi di europa unita, sono poi messi così bene.

Personalmente ho smesso da tempo di credere in un sistema così becero fatto per lo più da arrivisti attaccati solo ad una poltrona pronti a succedersi tra loro, perchè non sono gli uomini validi che mancano nel nostro paese ed in ogni fazione, sono le contrapposizioni ideologiche che rendono privi di contenuti i discorsi fatti, rallentando processi in grado di far progredire realmente, quindi la dove chiunque detenga un qualsiasi potere prima che alle persone che compongono una comunità pensa a se stesso non merita alcuna considerazione.
Ma come si suole dire, ai posteri l'ardua sentenza, io preferisco occuparmi d'altro, magari lasciando qualcosa di più concreto a chi verrà dopo di me, cercando di produrre lavoro dove è ancora possibile farlo senza essere derubati per mantenere appunto, ladri,buffoni, nani e ballerine, ed aggiungerei anche nullafacenti abilitati a vita da chi ha il potere per consentire che ciò possa ancora avvenire.
non cercare di diventare un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore
albert einstein
http://www.youtube.com/watch?v=8kaC4yCRR48