Milo De Angelis, "Il finale..."

Poesie e racconti sul tema dell'amicizia, ma non solo. Sei un poeta, uno scrittore o hai scritto qualcosa che vuoi condividere? Se non è una tua creazione possibilmente riportane l'origine

Regole del forum
In caso di citazioni riportare sempre l'autore
Rispondi
Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4137
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Milo De Angelis, "Il finale..."

Messaggio da Etere » 07/04/2020, 8:15

Milo De Angelis, "Il finale d'assedio"
stralci tratti da da “Quell’andarsene nel buio dei cortili”, “Lo Specchio” Mondadori, 2010



L’amore era silenzioso come una congiura
nessuno sapeva se la vita era immensa
oppure niente, se il tempo dilagava
oltre le colline oppure un dio venerando
impediva al gesto la sua crescita o impediva
alle more di restare sulle labbra.


Non ho saputo capire
non so ancora
se l’incrocio dei pali
è legno o leggenda
se i baci sono freddi
nella mia poesia o nel primo sguardo
delle labbra sigillate,
se l’amore passa senza suono
tra i corpi nudi
che nessuna ombra custodisce.

L’infinito appare nel poco,
come l’ultima nota di un grido
mentre si dilegua. L’attimo ci insegue.
Cosa ho amato? Forse quell’aria,
due centimetri, tra il corpo e l’asticella,
che dà luce a ogni applauso. O quel soffio
invisibile sull’albero
dove sorride fanciulla e non ha fine.
(...) Poi basta. Poi
la parola che presenta se stessa,
l’interminabile parola data.

È così. La memoria
di un uomo era solamente questa
manciata di sillabe. Solo loro
ritornano dalle cantine
abitate per niente
e sono puntuali, sono
scagliate oltre le rocce, bisbigliano
parole esterrefatte, sono un battere
di ali protese e fedeli
a un ordine oscuro. Adesso tu
devi tradurre.
Senza il sol nulla son io