Mostre d'arte

Il forum dove parlare un po' di tutto e di più ( o del + e del - ) Tutti assieme nella nostra piazza virtuale su MailAmici

Regole del forum
Se la discussione tratta un tema specifico potrebbe essere spostata nell'eventuale forum inerente
Rispondi
Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 29/03/2018, 18:49

Oggi giornata bellissima a Vicenza: in tarda mattinata (c'era parecchia fila) e fino al primo pomeriggio ho visto la mostra "Van Gogh. Tra il grano e il cielo", dentro la Basilica Palladiana (nelle prime sale erano esposti quasi unicamente carboncini, gessi, matite, mentre nelle ultime due sale dipinti ad olio stupendi, meravigliosi...). Dopodiché sono andato alle Gallerie d'Italia di Palazzo Leoni Montanari dove ho visto due mostre: "La seduzione. Mito e arte nell'antica Grecia" (vasi attici e della Magna Grecia, tra cui anche alcuni pezzi provenienti dal museo archeologico della mia città, il MARC) e "Icone sovietiche" di Grisha Bruskin. Infine mi sono fatto un giro a caccia di qualche palazzo del Palladio spingendomi fino alla zona dell'ospedale in contrà San Bortolo, imbattendomi così per strada nel Bacchiglione (divinità fluviale locale, un "vecchio del fiume"...come direbbero gli appassionati di mitologia o di storia delle religioni :P ;) )
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 30/03/2018, 22:54

Oggi sono stato a Venezia ;) Ho visitato nell'ordine: Scuola Grande di San Giorgio degli Schiavoni (cicli pittorici di Vittore Carpaccio), Museo Correr, Peggy Guggenheim (dove ho visto oltre alla straordinaria collezione permanente del museo anche la mostra temporanea su Marino Marini). Ho visitato inoltre, lungo il tragitto dal Correr alla Guggenheim, anche due chiese: San Vidal e San Moisè [smilie=superman.gif] ;)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 31/03/2018, 21:50

Oggi a Milano ho visitato la chiesa di Santa Maria della Passione (in via Bellini, non distante da piazza San Babila). Ci ero già andato nel mio anno di grazia (cioè l'anno scorso :) ) , in primavera, ma l'avevo trovata chiusa perché ero arrivato in tardissima mattinata (la chiesa avrebbe poi riaperto nel pomeriggio seguente). Avevo quindi un conto in sospeso ;) S. Maria della Passione mi è piaciuta molto: ospita un'opera giovanile di...Bernardino Luini :DD (sempre lui! ), ma anche dipinti di Gaudenzio Ferrari, G. Campi, Nuvolone, ecc.
Dopodiché, molto soddisfatto di me stesso, sono andato a Villa Necchi Campiglio: visita guidata indimenticabile al suo interno :heart:
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 02/04/2018, 21:08

Oggi, ad Alessandria, ho visto in Duomo le storie di Maria Vergine (nella cappella dell'Immacolata) e lo Sposalizio di Maria, nonché il Transito di Maria (entrambi nell'aula capitolare) :) Tutte opere di Guglielmo Caccia detto il Moncalvo. Sopra il coro ligneo dietro l'altare maggiore c'era invece un dipinto di Callisto Piazza con protagonista San Pietro. Il Moncalvo l'avevo già visto in passato in particolare nella chiesa di S. Maria di Canepanova a Pavia e nella chiesa di S. Marco a Milano, mentre Callisto Piazza soprattutto nel Tempio dell'Incoronata a Lodi. Sono andato anche a Tortona per visitare il santuario di S. Maria della Guardia in cui è custodita la reliquia del corpo del santo Don Luigi Orione...
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 03/04/2018, 23:24

Oggi a Milano ho visitato la chiesa di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso, poi la mostra delle Gallerie d'Italia intitolata "L'ultimo Caravaggio, eredi e nuovi maestri", poi le due piccole mostre al Museo Diocesano dedicate a Gaetano Previati e ai marchigiani dei "Capolavori Sibillini...", e infine il Foppa della chiesa di San Sebastiano, in via Torino :)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 04/04/2018, 16:06

Botero: "La mia arte ispirata da una Pasquetta in Calabria"
:DD

(fonte: Lo statale ionico)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 05/04/2018, 18:34

Etere ha scritto:Oggi a Milano ho visitato la chiesa di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso, poi la mostra delle Gallerie d'Italia intitolata "L'ultimo Caravaggio, eredi e nuovi maestri", poi le due piccole mostre al Museo Diocesano dedicate a Gaetano Previati e ai marchigiani dei "Capolavori Sibillini...", e infine il Foppa della chiesa di San Sebastiano, in via Torino :)
In realtà, il dipinto in questione di Foppa (Martirio di San Sebastiano) è una copia dell'originale esposto al Castello Sforzesco di Milano (l'ho scoperto oggi mentre mi documentavo in rete sulla chiesa di San Sebastiano) che avrò visto sicuramente l'anno scorso quando ne ho visitato la pinacoteca (la pinacoteca del castello stesso, intendo). Penso che ritornerò in questa chiesa per scattare qualche foto ai simboli delle porte milanesi presenti sulle pareti: mi ricordo di aver visto in particolare il "logo" di Porta Ticinese, logo che purtroppo ho scordato di fotografare
:rolleyes: :P
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 07/04/2018, 21:13

Etere ha scritto:Oggi a Palazzo Reale di Milano ho visto due mostre: "Impressionisti e avanguardie"' e "Durer e il Rinascimento" :P
Per quanto riguarda "Impressionismo e Avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art" (titolo corretto e per esteso della mostra), i pezzi per me più belli sono stati quelli di Degas e di Chagall (ma anche molti altri erano eccezionali):

http://www.imagebam.com/image/6da307811956843

http://www.imagebam.com/image/3d7eb8811953253

Per quanto riguarda 'Durer e il Rinascimento tra Germania e Italia', era esposta in particolare questa famosissima xilografia di Albrecht Dürer ("I quattro cavalieri dell'Apocalisse"):

http://www.imagebam.com/image/bb19ae811960943

ma anche uno stupendo ritratto di Lotto, il "Paliotto Barbarigo" di G.Bellini, e alcuni studi (sui cavalli e sulle montagne) di Leonardo da Vinci (oltreché l'incompiuto "San Girolamo nel deserto").
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 08/04/2018, 19:37

Etere ha scritto:Oggi a Vicenza: in tarda mattinata (c'era parecchia fila) e fino al primo pomeriggio ho visto la mostra "Van Gogh. Tra il grano e il cielo", dentro la Basilica Palladiana (nelle prime sale erano esposti quasi unicamente carboncini, gessi, matite, mentre nelle ultime due sale dipinti ad olio stupendi, meravigliosi...). Dopodiché sono andato alle Gallerie d'Italia di Palazzo Leoni Montanari dove ho visto due mostre: "La seduzione. Mito e arte nell'antica Grecia" (vasi attici e della Magna Grecia, tra cui anche alcuni pezzi provenienti dal museo archeologico della mia città, il MARC) e "Icone sovietiche" di Grisha Bruskin. Infine mi sono fatto un giro a caccia di qualche palazzo del Palladio spingendomi fino alla zona dell'ospedale in contrà San Bortolo, imbattendomi così per strada nel Bacchiglione (divinità fluviale locale, un "vecchio del fiume"...)
Van Gogh:

http://www.imagebam.com/image/23b883813173043

I palazzi di Palladio che ho visto sono stati Palazzo Thiene e Palazzo Iseppo Porto (non ci sono entrato per motivi di tempo).
Nella zona dell'ospedale ho visitato la chiesa di S. Marco in S. Girolamo dove c'era un dipinto di Sebastiano Ricci ("L'estasi di Santa Teresa").
Le statuette (appartenenti alla serie "La collezione di un archeologo") di Grisha Bruskin meritavano molto (come anche l'allestimento della sua piccola mostra alle Gallerie d'Italia di Vicenza):

http://www.imagebam.com/image/a55d88813185123

http://www.imagebam.com/image/d5a4d9813195373
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 09/04/2018, 20:48

Etere ha scritto:Oggi sono stato a Venezia. Ho visitato nell'ordine: Scuola Grande di San Giorgio degli Schiavoni (cicli pittorici di Vittore Carpaccio), Museo Correr, Peggy Guggenheim (dove ho visto oltre alla straordinaria collezione permanente del museo anche la mostra temporanea su Marino Marini). Ho visitato inoltre, lungo il tragitto dal Correr alla Guggenheim, anche due chiese: San Vidal e San Moisè
Scuola Grande di San Giorgio degli Schiavoni, Vittore Carpaccio, "S. Giorgio e il drago":

http://www.imagebam.com/image/022607814365343
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 10/04/2018, 20:34

Etere ha scritto:Oggi a Milano ho visitato la chiesa di Santa Maria della Passione (in via Bellini, non distante da piazza San Babila). Ci ero già andato l'anno scorso, in primavera, ma l'avevo trovata chiusa perché ero arrivato in tardissima mattinata. Avevo quindi un conto in sospeso ;) S. Maria della Passione ospita un'opera giovanile di Bernardino Luini, ma anche dipinti di Gaudenzio Ferrari, G. Campi, Nuvolone, ecc.
Dopodiché, molto soddisfatto di me stesso, sono andato a Villa Necchi Campiglio
Interni di Villa Necchi Campiglio:

http://www.imagebam.com/image/95fc9d815858303


In basso, in Santa Maria della Passione, la pala d'altare che raffigura la Deposizione dalla croce, di Bernardino Luini, e in alto (nel catino dell'abisde) "Le tre Marie che arrivano al sepolcro", di Giulio e Antonio Campi:

http://www.imagebam.com/image/4b76a0815851763
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 12/04/2018, 19:18

Etere ha scritto:Oggi, ad Alessandria, ho visto in Duomo le storie di Maria Vergine (nella cappella dell'Immacolata) e lo Sposalizio di Maria, nonché il Transito di Maria (entrambi nell'aula capitolare) :) Tutte opere di Guglielmo Caccia detto il Moncalvo
Moncalvo, Morte di Maria:

http://www.imagebam.com/image/7153ad818344693


Bellissimo ;) l'ultimo particolare della scena:

http://www.imagebam.com/image/b43631818355223

Erano belli anche lo Sposalizio della Vergine (nella stessa aula capitolare del Duomo dove si trovava il Transito-Morte di Maria) e le storie di Maria nella cappella dell'Immacolata (dove San Giuseppe indossava un delizioso cappello durante la Fuga in Egitto, cappello che toglieva dalla testa, tenendolo in mano, in segno di saluto e rispetto, nella scena dell'incontro tra Maria ed Elisabetta, madre di San Giovanni Battista).
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 19/04/2018, 20:40

Etere ha scritto:Oggi a Milano ho visitato la chiesa di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso, poi la mostra delle Gallerie d'Italia intitolata "L'ultimo Caravaggio, eredi e nuovi maestri", poi le due piccole mostre al Museo Diocesano dedicate a Gaetano Previati e ai marchigiani dei "Capolavori Sibillini...", e infine il Foppa della chiesa di San Sebastiano, in via Torino :)
Concludo il discorso chiudendo il cerchio :)
Per quanto riguarda la mostra delle Gallerie d'Italia intitolata "L'ultimo Caravaggio, eredi e nuovi maestri", per 'L'ultimo Caravaggio' si intende l'ultimo quadro dipinto da Caravaggio: il Martirio di Sant'Orsola, proveniente dalle Gallerie d'Italia di Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli (la cui collezione permanente, di cui ricordo solo alcune vedute di Van Wittell e un dipinto dell'anonimo Maestro dell'Annuncio ai pastori, è, nonostante il Merisi, meno interessante rispetto a quelle delle Gallerie d'Italia sorelle di Milano e di Vicenza Palazzo Leoni Montanari). Le opere esposte a Milano che mi hanno colpito di più sono state sicuramente i dipinti di Bernardo Strozzi (del quale mi è piaciuta la pennellata e, per quanto riguarda la tavolozza, il rosso) e la mastodontica "Ultima Cena" di Giulio Cesare Procaccini (davvero stupenda). C'erano inoltre molti quadri (tra cui Van Dyck, ecc.) provenienti dai Palazzi Rosso, Bianco, Spinola di Genova che avevo già visto l'anno scorso in primavera durante il mio "Grand Tour" [smilie=asd.gif] genovese ma che ho rivisto con piacere (repetita iuvant: e in effetti, osservando nuovamente i dipinti dell'olandese Matthias Stom - artista del '600 le cui opere in questione venivano definite dall'apparato didascalico della mostra come "capolavori a lume artificiale" per la caratteristica dell'artista di raffigurare spesso torce e candele varie in mano ai suoi personaggi - mi è venuto in mente un dipinto che ho visto nell'autunno scorso al Palazzo della Cultura della mia città: un altro olandese del '600 fissato con candele e cose del genere, Godfried Schalcken ;) Ok, in realtà non saranno dei veri e propri "capolavori", ma mi hanno comunque ispirato l'associazione tra questi due poco conosciuti pittori orange :P ;) )
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 19/04/2018, 21:15

Matthias Stom, "Flagellazione di Cristo":

http://www.imagebam.com/image/07a572827983823




Godfried Schalcken, "La Vanità":

http://www.imagebam.com/image/648edc827990303


;)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 20/05/2018, 20:57

Sabato mattina ho visitato nella mia città la Fondazione Piccolo Museo San Paolo (il quarto museo reggino per importanza, dopo il Museo Archeologico, il Palazzo della Cultura, la Pinacoteca Civica). C'era un po' di tutto: dipinti, sculture, turiboli e ostensori (il fondatore del museo era un monsignore appassionato di collezionismo), reperti della Magna Grecia, avori orientali, icone russe e bizantine, libri antichi. E' stata una mattinata piacevole. Il personale del museo era molto preparato e cortese, le didascalie erano ridotte all'osso ma l'allestimento era buono, molto ordinato. In un piccolo laboratorio era poi esposto un dipinto attribuito dubitativamente ad Antonello da Messina in fase di restauro.

Cima da Conegliano, 'San Francesco riceve le stimmate':
http://www.imagebam.com/image/08533d868039854



http://www.imagebam.com/image/9c0de3868047594

http://www.imagebam.com/image/7007ed868055884

http://www.imagebam.com/image/aad7a5868059104
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 20/05/2018, 21:12

http://www.imagebam.com/image/4eed3a868066094

http://www.imagebam.com/image/c13d0c868072854

http://www.imagebam.com/image/b9734f868075354
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 21/08/2018, 14:46

Venerdì scorso ho visitato al museo archeologico della mia città (il MArRC) la mostra intitolata "Oikos. La casa in Magna Grecia e Sicilia" :) Tra i reperti più belli esposti figuravano in particolare:

"Dioniso visita la casa di Icarios", rilievo in marmo del I sec. a. C. proveniente dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli (secondo il mito, l'ateniese Icario ospitò in casa sua Dioniso ubriaco che per ringraziarlo dell'ospitalità gli donò un ceppo di vite spiegandogli come piantarlo e fare il vino):

http://www.imagebam.com/image/106b1a952189464


"Scena di caccia all'orso", mosaico del MArRC rinvenuto a Taureana di Palmi (si tratta di un opus vermiculatum, un genere di mosaico caratterizzato da piccole tessere delle dimensioni di pochi millimetri), I sec. a.C.:

http://www.imagebam.com/image/46908d952197314


"Drago marino", famoso mosaico del Museo Archeologico dell'Antica Kaulon (Monasterace, RC), III sec. a.C.:

http://www.imagebam.com/image/2067cc952198804
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 21/08/2018, 15:02

Due splendidi pezzi (soprattutto il secondo :P ) provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli:

"Scena di simposio con danza pirrica femminile", V sec. a.C.:

http://www.imagebam.com/image/16d39b952209994



"Scena di simposio con donna che solleva le vesti", IV sec. a.C.:

http://www.imagebam.com/image/095cf7952211544
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 21/08/2018, 15:26

Infine (sempre nel solco della seduzione :P ) una serie di reperti di proprietà del MArRC:

specchio in bronzo (IV sec. a.C.), conchiglia portatrucchi (III secolo a.C.) con polvere rosa per la cosmesi, pinzetta di bronzo per la depilazione (IV sec. a.C.):

http://www.imagebam.com/image/399f65952217934


pinax fittile con scena di gineceo (V sec. a. C.), orecchini in oro "Teste di antilope" (III sec. a.C.), anello d'oro con figura femminile con bilancia ed eroti (III sec. a.C.):


http://www.imagebam.com/image/d0a55e952224944
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 09/10/2018, 21:17

Etere ha scritto:http://www.imagebam.com/image/543db0673331823

http://www.imagebam.com/image/aa462a673359843

Il primo è un cratere del 360-340 a.C. che raffigura "Oreste e Ifigenia in Tauride". La didascalia non aggiungeva altro. Dato che ricordavo bene solo la vicenda mitologica di Ifigenia in Aulide (quella del famoso dilemma di Agamennone), ma non quella in Tauride, mi sono documentato: come sappiamo, dopo la fine della guerra di Troi.a, Agamennone viene ucciso dalla moglie che lo accusa per il sacrificio di Ifigenia. Oreste però vendica il padre. Dopodichè, perseguitato dalle Erinni, si sposta (insieme all'amico Pilade) in Tauride perchè Apollo ha trovato la soluzione per porre fine ai suoi tormenti: Oreste per liberarsi dalle Erinni dovrà rubare la statua sacra di Diana. Qui, all'insaputa di Oreste, si trova la rediviva sorella Ifigenia scampata al sacrificio per volere di Diana (che in Aulide l'aveva rimpiazzata all'ultimo momento utile con un cervo sacrificale dei Carpazi).
Adesso Ifigenia, in Tauride, è diventata sacerdotessa del tempio della dèa. Malauguratamente Oreste viene scoperto dagli accoliti della sorella, catturato e condannato a morte. Per fortuna, però, dopo tutte queste peripezie, Ifigenia e Oreste con grande sorpresa si riconoscono a vicenda come fratello e sorella e di conseguenza scappano via portandosi dietro fino ad Atene la statua di Diana, con il benestare di Athena. Nel cratere, in conclusione, ricostruendo la narrazione sul piano figurativo, si può dunque osservare Oreste seduto che attende tristemente la sua sorte mentre sulla destra arriva Ifigenia con un'ancella: è il momento che precede il felice e fortunoso riconoscimento tra i due fratelli. A sinistra di Oreste troviamo invece l'amico Pilade, mentre in alto accanto al tempio siede Diana (o Athena? Dato che il tempio è quello di Diana, opterei per Diana). Le scene di caccia (con protagonista un cerbiatto in trappola tra due leoni) rimandano direttamente alla stessa Diana in quanto dèa della caccia ;) :P
Tuttavia, in altre versioni dello stesso mito, Ifigenia viene uccisa (vittima sacrificale che non scampa alla morte ricomparendo in carne ed ossa in Tauride). Giovedì al Museo Archeologico di Reggio Calabria si terrà la conferenza di filologia intitolata "Ifigenia, la prima vittima di una guerra non ancora incominciata. Da Euripide a Ritsos" ;)
La guerra in questione è ovviamente quella di Troi.a ;) Mi è piaciuto così tanto il titolo della conferenza che ho deciso di riavvolgere un attimo il nastro dei post e dei ricordi (piacevoli, in questo caso) :) [smilie=ciau.gif]
P. S. il cervo sacrificale non era dei Carpazi [smilie=asd.gif] Ho scritto che lo era per burla perché ero appena tornato dalla Romania dove avevo visto i Bucegi :DD ;) Inoltre (errore riguardo al genus e imputabile al sottoscritto) era una cerva. Ho fatto questa precisazione perché so che Tempest (in preda ai tormenti dettati dal dubbio) su cose del genere non ci dorme la notte :P ;)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
tempest
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 7837
Iscritto il: 05 agosto 2007
Sesso:
Età: 50


Messaggio da tempest » 09/10/2018, 21:47

ho fatto questa precisazione perché so che Tempest (in preda ai tormenti dettati dal dubbio) su cose del genere non ci dorme la notte Eheheh
Meno male... avevo certe occhiaie.. [smilie=oo.gif]

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 10/10/2018, 12:53

tempest ha scritto:[...]


Meno male... avevo certe occhiaie.. [smilie=oo.gif]
Ah, ah, ah...immagino :P
Domani faccio un salto alla conferenza così poi ti racconto ;)
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47


Messaggio da Etere » 14/10/2018, 17:34

La conferenza è stata interessante, con un pubblico di una cinquantina di persone. Parlava la prof.ssa di filologia classica dell'università di Messina, Radici Colace. La conferenziera, tra le altre cose, ha posto l'accento sul tema della morte apparente di Ifigenia (salvata all'ultimo istante dalla Dea che le preferisce una cerva. Nessuno si accorge di niente e così viene creduta morta). Tuttavia a causa di questa morte apparente, presunta, moriranno invece sul serio in parecchi: infatti, Clitennestra uccide il marito; Oreste uccide Clitennestra (per vendicare il padre) e il suo amante (Egisto); IIfigenia, immolata dai greci carnefici, a sua volta diventa carnefice (involontaria) dei greci stessi i quali moriranno in guerra a T.roia (ma diventa anche carnefice volontaria di essi in Tauride...).
Notare: l'oracolo dell'indovino Calcante si è dimostrato inutile perché secondo esso per far partire le navi bisognava uccidere Ifigenia (la quale in realtà non morì).
Oreste in Tauride viene salvato dalla sorella che invece in teoria avrebbe dovuto sacrificarlo (in quanto greco: ai greci ella aveva giurato odio eterno perché l'avevano condannata a morte in Aulide). Ifigenia, in Aulide viene salvata dalla Dea, ma poi in Tauride scappa via per tornare in patria abbandonando il tempio e la Dea salvatrice.

Il ritorno di Ifigenia in patria (dalla Tauride) fu raccontato da Giannes Ritsos. Ifigenia è il prototipo del reduce: torna a casa ma le cose non sono più come prima...
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
alChimaera
Baby Amico
Baby Amico
Messaggi: 39
Iscritto il: 15 marzo 2014
Età: 33

Re: Mostre d'arte

Messaggio da alChimaera » 15/12/2018, 17:06

Etere ha scritto:
04/02/2016, 20:31
Sono mostruoso:
Leggendoti ammetto di essermi sentita consolata. Una vita a sentirmi dire che è da pazzi correre come pazzi per la pazza idea dell'"Ottimizzazione" (perché se sei in un luogo è giusto considerare che in quel luogo devi dare il massimo, perché oggi c'è tempo domani è finito, perché quando hai mille domande risorgenti è un dramma far bastare il tempo che mai basta), e finalmente tu a farmi intendere che di pazzi ce ne sono altri. Mi raccomando .. continua!
Abyssus abyssum invocat

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Re: Mostre d'arte

Messaggio da Etere » 15/12/2018, 19:21

alChimaera ha scritto:
15/12/2018, 17:06
Leggendoti ammetto di essermi sentita consolata. Una vita a sentirmi dire che è da pazzi correre come pazzi per la pazza idea dell'"Ottimizzazione" (perché se sei in un luogo è giusto considerare che in quel luogo devi dare il massimo, perché oggi c'è tempo domani è finito, perché quando hai mille domande risorgenti è un dramma far bastare il tempo che mai basta), e finalmente tu a farmi intendere che di pazzi ce ne sono altri. Mi raccomando .. continua!
Ah, ah, grazie. A proposito, ho visto che tutti i link che rimandavano alle foto che avevo postato su questo topic tramite Imagebam sono diventati sterili. Mi toccherà ri-postare le foto tramite postimage.org :DD
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Re: Mostre d'arte

Messaggio da Etere » 10/03/2019, 8:36

Ieri sono andato al Museo Archeologico Nazionale della mia città per vedere due mostre temporanee. La prima, intitolata
"Il cibo degli Dèi. Rituali e offerte nei santuari della Calabria greca", espone reperti che fanno parte della vasta collezione permanente del museo.

Qui sotto qualche foto...
A destra nella foto:
"Divinità in trono con mobiletto per le offerte" (Rosarno, V sec. a. C.);

A sinistra: "Divinità in trono con patera e colomba" (Vibo Valentia, V sec. a. C.)

Immagine
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Re: Mostre d'arte

Messaggio da Etere » 10/03/2019, 8:52

Immagine


4. Riproduzioni di formaggio e favi di miele.

5. Modellini di piatti con offerte di cibo e frutti.

6. Figura alata che offre frutti.


Opere provenienti da Locri, V sec. a. C.
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Re: Mostre d'arte

Messaggio da Etere » 10/03/2019, 9:13

Immagine
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Re: Mostre d'arte

Messaggio da Etere » 10/03/2019, 9:28

Immagine

Pinax con Ermes che offre un ariete a Persefone e Ade.

Locri, V sec. a. C.
Senza il sol nulla son io

Avatar utente
Etere
UltraAmico
UltraAmico
Messaggi: 4066
Iscritto il: 21 gennaio 2013
Sesso:
Età: 47

Re: Mostre d'arte

Messaggio da Etere » 10/03/2019, 9:48

Immagine

5. Statuetta di ariete accosciato.
Locri, V sec. a. C.

6 - 7. Testine di toro.
Locri, IV, V, VI sec. a. C.

8. Ermes crioforo (portatore di ariete). Rosarno, V sec a. C.
Senza il sol nulla son io