Forum di incontri online per conoscere e discutere con tanti nuovi amici da tutta Italia e vicino a dove vivi   MailAmici Incontri   Conosci, fatti conoscere, incontra nuove persone e organizza con loro uscite, raduni, gite, cene, pizzate, vacanze...  
Cosa Siamo Forum dell' Amicizia Incontri Online Bacheca Annunci Amicizia Scrivici
Indice del ForumIndice     FAQFAQ     IscrittiIscritti     GruppiGruppi     Linee Guida di MailAmiciLinee Guida     MailAmici su FacebookFacebook     MailAmici su twittertwitter     Feed RSS di MailAmici.it - Forum Incontri AmiciziaRSS Feed
CercaCerca     FotoAlbumFotoAlbum     Chat online di MailAmiciChat     ProfiloProfilo     Messaggi PrivatiMessaggi Privati     IscrizioneIscrizione     EntraEntra
2013.. La violenza ad oggi!
Vai a pagina 1, 2  Successivo
   Rispondi
Autore Messaggio
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 13 Mag 2013 alle 19:06    Oggetto: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

Al mondo d’oggi, viviamo in un mondo difficile… e pieno di violenza spesso gratuita!
La violenza psicologica all'interno di una coppia fa morire il partner di una morte silenziosa... E, spesso ricade poi sui figli!!!

In certi casi, si muore soprattutto perché si ha paura a ribellarsi, ad affrontare i problemi, a chiedere aiuto...

In altri casi, le parole possono ferire molto più di mille schiaffi...ti entrano nel cuore e rimangono lì...

Cosa ne pensate??
Torna in cima
        
giada
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 50
Segno: Scorpione
Località: Roma

Profilo
giada è offline 

MessaggioInviato: 13 Mag 2013 alle 21:05    Oggetto: Rispondi citando

Tocchi un tasto delicatissimo che è oggetto di cronaca proprio in questi giorni. A volte ascolto notizie agghiaccianti, cronache di morti annunciate, efferatezze maschili inaudite. Ringrazio il cielo di non avere accanto un uomo violento e di non aver mai provato il dolore di una percossa (dolore non solo fisico ma anche psicologico) e di non aver mai provato l'umiliazione come donna e come essere umano con una propria sensibilità.
Bisogna essere davvero piccoli uomini, uomini ripugnanti, uomini vigliacchi per alzare solo un dito sul volto di una donna.

Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
anna
Nuovo Iscritto



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 43
Segno: Sagittario
Località: toscana

Profilo
anna è offline 

MessaggioInviato: 13 Mag 2013 alle 22:14    Oggetto: Rispondi citando

Mi colpisce che tu abbia posto l'attenzione sulla violenza psicologica perché purtroppo al giorno d'oggi, con la vergognosa esplosione della violenza fisica sulle donne posta in essere da esseri deboli e vigliacchi che non si meritano neanche di essere chiamati uomini, la violenza psicologica passa in secondo piano ma io la considero altrettanto grave e ugualmente distruttiva per la dignità e per la personalità di un essere umano perché ha lo scopo specifico di annientare la volontà, i desideri, i pensieri di una persona utilizzando il mezzo della ridicolizzazione e dello sminuire sistematicamente ciò che viene detto o fatto..fino a quando la persona non si ritrova a pensare di non valere niente..ovviamente questo è reso possibile da una personalità insicura su cui non è difficile avere il sopravvento, ma proprio per questo è particolarmente odiosa..questo è il mio pensiero
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
anna
Nuovo Iscritto



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 43
Segno: Sagittario
Località: toscana

Profilo
anna è offline 

MessaggioInviato: 13 Mag 2013 alle 22:19    Oggetto: Re: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

templare1971 ha scritto:

In altri casi, le parole possono ferire molto più di mille schiaffi...ti entrano nel cuore e rimangono lì...

Cosa ne pensate??


...sono pienamente d'accordo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
rubina88
Ospite











MessaggioInviato: 14 Mag 2013 alle 08:55    Oggetto: Rispondi citando

basta vedere le donne segregate per anni e anni. O anche semplicemente le donne che, anche se non lo sono realmente, e come se lo fossero. Uomini che dicono non dovete uscire sold ecc ecc
Torna in cima
        
vanille1986
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 30
Segno: Scorpione
Località: toscana

Profilo
vanille1986 è offline 

MessaggioInviato: 14 Mag 2013 alle 09:27    Oggetto: Rispondi citando

a me mi colpì molto leggere un articolo sul giornale nemmeno tanto tempo fa in cui si diceva che l'Italia è tra i paesi con più uccisione di donne da parte dei loro uomini e che è la principale causa di morte delle donne tra i 20 e i 50 anni d'età. Non che prima non sapessi che queste cose accadevano ma non immaginavo ci fossero casi così numerosi.
Secondo voi come mai proprio in Italia si registra un altro tasso di violenza sulle donne rispetto che in paesi, sia fisica che psicologica?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
tempest
UltraAmico
UltraAmico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 46
Segno: Acquario


Profilo
tempest è offline 

MessaggioInviato: 14 Mag 2013 alle 10:48    Oggetto: Rispondi citando

vanille1986 ha scritto:
a me mi colpì molto leggere un articolo sul giornale nemmeno tanto tempo fa in cui si diceva che l'Italia è tra i paesi con più uccisione di donne da parte dei loro uomini e che è la principale causa di morte delle donne tra i 20 e i 50 anni d'età. Non che prima non sapessi che queste cose accadevano ma non immaginavo ci fossero casi così numerosi.
Secondo voi come mai proprio in Italia si registra un altro tasso di violenza sulle donne rispetto che in paesi, sia fisica che psicologica?

Veramente la violenza sulle donne è ancora più allarmante in altri paesi, come Svezia, USA, Russia..tutto l'est Europa...non è consolante ma non è esatto dire che in Italia la situazione sia peggiore che altrove. Se poi pensiamo ai paesi non occidentali l'orrore è ancora peggiore.
Non penso affatto che la violenza sulle donne sia aumentata, nel passato la violenza era altrettanto presente, e persino più accettata. Francamente è qualocosa che è difficile estirpare, le leggi devono essere severissime e le pene certe, l'omertà va combattuta, i centri di aiuto potenziati....è una lotta da combattere su tanti fronti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 14 Mag 2013 alle 18:47    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
Tocchi un tasto delicatissimo che è oggetto di cronaca proprio in questi giorni. A volte ascolto notizie agghiaccianti, cronache di morti annunciate, efferatezze maschili inaudite. Ringrazio il cielo di non avere accanto un uomo violento e di non aver mai provato il dolore di una percossa (dolore non solo fisico ma anche psicologico) e di non aver mai provato l'umiliazione come donna e come essere umano con una propria sensibilità.
Bisogna essere davvero piccoli uomini, uomini ripugnanti, uomini vigliacchi per alzare solo un dito sul volto di una donna.



Proviamo a vederla da un punto di vista globale... Uomini Vs. Donne e/o Donne Vs. Uomini...

So che può apparire come una domanda difficile, o fuori luogo... Ma come collegheresti, tale problematica, all'altissimo numero di divorzi e separazioni dei nostri giorni?
Torna in cima
        
giada
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 50
Segno: Scorpione
Località: Roma

Profilo
giada è offline 

MessaggioInviato: 14 Mag 2013 alle 20:16    Oggetto: Rispondi citando

templare1971 ha scritto:
[...]



Proviamo a vederla da un punto di vista globale... Uomini Vs. Donne e/o Donne Vs. Uomini...

So che può apparire come una domanda difficile, o fuori luogo... Ma come collegheresti, tale problematica, all'altissimo numero di divorzi e separazioni dei nostri giorni?


Le vessazioni di cui stiamo parlando sono maggiormente opera di uomini verso le donne. Difficilmente una donna alzerebbe le mani su un uomo (come potrebbe?), difficilmente una donna ucciderebbe un uomo per onore o per gelosia. Normalmente le donne hanno paura di denunciare perchè subiscono violenze psicologiche (oltre che fisiche) tali da metterle in una condizione di terrore al solo pensiero di parlare.. figuriamoci chiedere una separazione.. impensabile.

Solo qualcuna riesce a reagire e, dopo lunghi tormenti, a salvarsi la pelle.

Il gran numero di separazioni non credo possa essere di riferimento per discutere di questa problematica.. (molte separazioni sono in realtà finte separazioni per eludere il fisco, però vanno lo stesso a finire nel computo a fini statistici).

Credo, per completezza, che la nostra amica alludesse anche ad un'altra forma sottile, ma non per questo meno feroce, di violenza: quella psicologica.

Anche su questa forma di sopruso varrebbe la pena davvero di spendere due parole perchè questa violenza non lascia tracce, non lascia segni... lascia solo un forte dolore, un forse senso di impotenza e di sconforto, menoma l'autostima di colei che la subisce, menoma l'immagine di lei all'interno della famiglia. Quel che c'è di peggio è che questo comportamento viene assunto come modello da parte dei figli che con molta probabilità tenderanno ad emulare.

Anche qui bisognaerebbe avere la forza di vincere lo svilimento e di allontanarsi dal pusillanime che si ha la sfortuna di avere accanto. Ma ci vuole una grande forza lo stesso perchè a volte si crea dipendenza anche da questo genere di situazioni da cui risulta difficile uscire.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
anna
Nuovo Iscritto



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 43
Segno: Sagittario
Località: toscana

Profilo
anna è offline 

MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 09:11    Oggetto: Rispondi citando

...credo che l'alto numero di separazioni e divorzi sia il risultato del cambiamento dei valori che ha subito la nostra società, o, per meglio dire, del decadimento dei vecchi valori .. oggigiorno non abbiamo la pazienza e la volontà che avevano i nostri nonni di far andare avanti le cose a dispetto di tutto, nonostante le difficoltà..le occasione per incontrare persone nuove e all'apparenza più stimolanti o per vivere situazioni che sembrano più gratificanti si sono centuplicate e siamo sempre pronti a correre dietro a qualcosa che ci fa sentire più vivi, che ci fa provare emozioni "dimenticate" o mai provate e di fronte a tutto questo il valore della famiglia sbiadisce e perde importanza..

...una risposta esaustiva richiederebbe forse l'intervento di un sociologo Confuso ...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
vanille1986
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 30
Segno: Scorpione
Località: toscana

Profilo
vanille1986 è offline 

MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 10:34    Oggetto: Rispondi citando

tempest ha scritto:
[...]


Veramente la violenza sulle donne è ancora più allarmante in altri paesi, come Svezia, USA, Russia..tutto l'est Europa...non è consolante ma non è esatto dire che in Italia la situazione sia peggiore che altrove. Se poi pensiamo ai paesi non occidentali l'orrore è ancora peggiore.
Non penso affatto che la violenza sulle donne sia aumentata, nel passato la violenza era altrettanto presente, e persino più accettata. Francamente è qualocosa che è difficile estirpare, le leggi devono essere severissime e le pene certe, l'omertà va combattuta, i centri di aiuto potenziati....è una lotta da combattere su tanti fronti.

Si nei paesi non occidentali è sempre stata più marcata. Ma l'articolo che avevo letto si riferiva solo ai paesi della Comunità Europea. Svezia, Finlandia e Italia erano tra quelle col tasso più alto. Comunque è vero le leggi dovrebbero essere molto più severe e purtroppo in molti casi le pene invece che aggravate vengono sempre ridotte di qualche anno trovando sempre qualcosa in difesa di chi ha fatto violenza. Nella mia città c'è un centro anti violenza, conosco una delle donne che ci fa volontariato e dice che casi sono sempre purtroppo tantissimi e la maggior parte di essi avviene tra le mura di casa.
Il più delle volte a minacciare, picchiare o addirittura uccidere, non sono sconosciuti, ma proprio fidanzati o mariti.
E una cosa ancora peggiore fu quando nella mia città avvenne, non molti anni fa, un omicidio, di una donna uccisa dal marito. Il brutto è stato vedere i commenti dei maschi su internet riguardo a quell'atricolo. Molti tentavano di giustificare il marito dicendo che la moglie lo tradiva, oppure dicendo che infondo lei lo voleva lasciare e quindi a agito in un momento di gelosia ecc. Finchè ci saranno uomini che difendono a spada tratta con mille scuse chi commette questi atti di violenza, sarà una cosa che non avrà mai fine. Io credo che dipenda anche molto dalla società maschilista in cui viviamo che ha sempre messo il maschio un gradino sopra la donna e quindi si crede in diritto di poterle farle tutto quello che vuole e questa convinzione è ancora molto radicata nella società attuale.
Poi, questa è la mia visione delle cose ma mi potrei anche sbagliare:)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 17:37    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
[...]

Credo, per completezza, che la nostra amica alludesse anche ad un'altra forma sottile, ma non per questo meno feroce, di violenza: quella psicologica.

Anche su questa forma di sopruso varrebbe la pena davvero di spendere due parole perchè questa violenza non lascia tracce, non lascia segni... lascia solo un forte dolore, un forse senso di impotenza e di sconforto, menoma l'autostima di colei che la subisce, menoma l'immagine di lei all'interno della famiglia. Quel che c'è di peggio è che questo comportamento viene assunto come modello da parte dei figli che con molta probabilità tenderanno ad emulare.

Anche qui bisognaerebbe avere la forza di vincere lo svilimento e di allontanarsi dal pusillanime che si ha la sfortuna di avere accanto. Ma ci vuole una grande forza lo stesso perchè a volte si crea dipendenza anche da questo genere di situazioni da cui risulta difficile uscire.


Ed a quella "forma sottile"... alludevo pure io!!
Per il resto, sono pienamente concorde con il tuo ragionamento.
Torna in cima
        
giada
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 50
Segno: Scorpione
Località: Roma

Profilo
giada è offline 

MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 19:18    Oggetto: Rispondi citando

templare1971 ha scritto:
[...]



Ed a quella "forma sottile"... alludevo pure io!!
Per il resto, sono pienamente concorde con il tuo ragionamento.


Secondo te ci sono anche uomini che subiscono una violenza psicologica da parte delle donne?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 19:30    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
[...]



Secondo te ci sono anche uomini che subiscono una violenza psicologica da parte delle donne?


I casi di uomini vittime della furia delle loro compagne sono più diffusi di quanto si creda, una realtà che però resta ancora un tabù.... Almeno leggendo le cronache!
Si tratta di un'aggressività meno visibile ma non per questo meno devastante e pericolosa. Violenze espresse con insulti, accuse infondate, diffamazione o col negare taluni diritti dei padri, quello di vedere i figli, ad esempio, nei casi di divorzi conflittuali.
Ma, e ci tengo a precisarlo, non dobbiamo fare di tutta l'erba un fascio... Ogni caso deve essere valutato singolarmente.
Non devono esistere regole scritte e/o opinioni per partito preso!
Dico solo che certi casi esistono, ad un livello inferiore rispetto a quello che riguarda le donne, ma esistono...
Torna in cima
        
giada
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 50
Segno: Scorpione
Località: Roma

Profilo
giada è offline 

MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 20:24    Oggetto: Rispondi citando

templare1971 ha scritto:
[...]



ISi tratta di un'aggressività meno visibile ma non per questo meno devastante e pericolosa. Violenze espresse con insulti, accuse infondate, diffamazione o col negare taluni diritti dei padri, quello di vedere i figli, ad esempio, nei casi di divorzi conflittuali.


Si hai ragione. Quello che tu dici in questo passaggio è assolutamente vero. Nei divorzi gli uomini negano gli alimenti quando possono, le donne negano la paternità... il rancore e la conseguente vendetta non hanno limiti e sfociano in forme molto forti di violenza psicologica.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 20:32    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
[...]



Si hai ragione. Quello che tu dici in questo passaggio è assolutamente vero. Nei divorzi gli uomini negano gli alimenti quando possono, le donne negano la paternità... il rancore e la conseguente vendetta non hanno limiti e sfociano in forme molto forti di violenza psicologica.


Concordo.. Sei una persona con la testa sulle spalle!
Per come la penso io, il segreto di una coppia ed intendo dire di una vera coppia, è la chimica...
Che se quella giusta, serve da collante per una vita intera, senza "ma" e/o "ma, però"... senza rimorsi insomma!
Occhiolino
Torna in cima
        
giada
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 50
Segno: Scorpione
Località: Roma

Profilo
giada è offline 

MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 20:59    Oggetto: Rispondi citando

templare1971 ha scritto:
[...]



Concordo.. Sei una persona con la testa sulle spalle!
Per come la penso io, il segreto di una coppia ed intendo dire di una vera coppia, è la chimica...
Che se quella giusta, serve da collante per una vita intera, senza "ma" e/o "ma, però"... senza rimorsi insomma!
Occhiolino


Il collante non basta da solo.. essere coppia è anche rispettarsi, capirsi ed avere chiaro in testa la responsabilità nell'essere parte di una coppia. Non vorrei scadere in discorsi ovvii, triti e ritriti, sarebbe indelicato entrare nella vita di chi non si conosce ed ergersi a giudice dell'aria fritta.
Io penso che mentre la violenza fisica dipende dall'evidente incapacità del soggetto a gestire le proprie emozioni unito ad un forte degrado intellettivo che vede in maniera distorta una figura femminile,nella violenza psicologica c'è di mezzo il rancore che grida vendetta. Ecco.. penso che alla base della violenza psicologica ci sia di mezzo la vendetta. La vendetta può scatenarsi per un torto subito oppure perchè si teme di essere offuscati dall'altro e quindi la cosa migliore che si pensa di fare è denigrarlo per riportarlo al proprio livello.. il tutto per non sentirsi inferiore.
Pensiero mio eh...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 21:06    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
[...]



Il collante non basta da solo.. essere coppia è anche rispettarsi, capirsi ed avere chiaro in testa la responsabilità nell'essere parte di una coppia. Non vorrei scadere in discorsi ovvii, triti e ritriti, sarebbe indelicato entrare nella vita di chi non si conosce ed ergersi a giudice dell'aria fritta.
Io penso che mentre la violenza fisica dipende dall'evidente incapacità del soggetto a gestire le proprie emozioni unito ad un forte degrado intellettivo che vede in maniera distorta una figura femminile,nella violenza psicologica c'è di mezzo il rancore che grida vendetta. Ecco.. penso che alla base della violenza psicologica ci sia di mezzo la vendetta. La vendetta può scatenarsi per un torto subito oppure perchè si teme di essere offuscati dall'altro e quindi la cosa migliore che si pensa di fare è denigrarlo per riportarlo al proprio livello.. il tutto per non sentirsi inferiore.
Pensiero mio eh...


Pensiero condivisibile..
Scrivi bene "bimba".. Per dirla alla Toscana!
Chapot!
ok
Torna in cima
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 21:13    Oggetto: Rispondi citando

anna ha scritto:
...credo che l'alto numero di separazioni e divorzi sia il risultato del cambiamento dei valori che ha subito la nostra società, o, per meglio dire, del decadimento dei vecchi valori .. oggigiorno non abbiamo la pazienza e la volontà che avevano i nostri nonni di far andare avanti le cose a dispetto di tutto, nonostante le difficoltà..le occasione per incontrare persone nuove e all'apparenza più stimolanti o per vivere situazioni che sembrano più gratificanti si sono centuplicate e siamo sempre pronti a correre dietro a qualcosa che ci fa sentire più vivi, che ci fa provare emozioni "dimenticate" o mai provate e di fronte a tutto questo il valore della famiglia sbiadisce e perde importanza..

...una risposta esaustiva richiederebbe forse l'intervento di un sociologo Confuso ...


Pure io ho questa impressione, per la serie...: "Si stava meglio, quando si stava peggio"!
Ciao Anna
Torna in cima
        
catia
MailAmicissimo
MailAmicissimo



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 55
Segno: Cancro
Località: montecatini v.c. (prov. di Pisa)

Profilo
catia è offline 

MessaggioInviato: 15 Mag 2013 alle 22:34    Oggetto: Re: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

Allora...x quanto mi riguarda mi sono separata due volte (anzi la prima è stato annullato proprio il matrimonio). Ovviamente ho rinunciato agli alimenti perché è stata una mia decisione e non mi sarei mai sognata di impedire ai miei ex di vedere i figli (che c'entrano i figli se i genitori non stanno più bene insieme?) Questo per dire che volendo anche le donne possono tirare fuori la grinta e decidere se continuare a tirare avanti in quella situazione oppure no.

Poi...'prima' le donne o la coppia in generale 'sopportava di più certe situazioni ...forse. Secondo me le cose sono cambiate anche perché gli uomini oggigiorno dicono di essere più partecipi in famiglia, più moderni, quindi alcuni di loro aiutano la moglie (o la compagna) nelle pulizie domestiche e/o nell'accudire i figli (cosa che prima non succedeva perché 'prima' un uomo che aiutava la propria donna era uno smidollato, una donnicciòla, ecc.) ma anche il permettere alla compagna di uscire con le amiche per un caffè, teatro, cinema, pizza o altro non era certo visto di buon occhio, anzi!
In questa rivoluzione generazionale/sessuale evidentemente c'è qualcosa che ..."non va" nel senso che se prima l'uomo era padre/padrone ora probabilmente questo volersi avvicinare al mondo della donna ha un po' disorientato i due sessi ed i relativi ruoli.
Con questo non voglio certo dire che è tutto sbagliato e che dobbiamo ritornare a "prima", ma che dobbiamo capire il perché succede e come si può arginare.
Le violenze psicologiche vero...feriscono più di quelle fisiche, se ne soffre, ma...non si muore. Pensavo che l'istinto di sopravvivenza prendesse sempre il sopravvento, ma mi rendo conto che non è così e che le donne, in tutta questa "uguaglianza" non hanno la forza fisica e nemmeno quella psichica dell'uomo e soprattutto hanno più paura di loro.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
templare1971
Ospite











MessaggioInviato: 17 Mag 2013 alle 19:56    Oggetto: Re: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

catia ha scritto:

In questa rivoluzione generazionale/sessuale evidentemente c'è qualcosa che ..."non va" nel senso che se prima l'uomo era padre/padrone ora probabilmente questo volersi avvicinare al mondo della donna ha un po' disorientato i due sessi ed i relativi ruoli.


A parte che ogni caso andrebbe analizzato singolarmente... E quindi, la mia affermazione, trova il tempo che trova!

Ma, non pensi che potrebbe esserci una "deriva" anche dalla parte opposta?
Torna in cima
        
catia
MailAmicissimo
MailAmicissimo



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 55
Segno: Cancro
Località: montecatini v.c. (prov. di Pisa)

Profilo
catia è offline 

MessaggioInviato: 17 Mag 2013 alle 22:56    Oggetto: Re: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

templare1971 ha scritto:
[...]



A parte che ogni caso andrebbe analizzato singolarmente... E quindi, la mia affermazione, trova il tempo che trova!

Ma, non pensi che potrebbe esserci una "deriva" anche dalla parte opposta?


Non ho capito cosa intendi x "deriva" dalla parte opposta, ma ho scritto che i DUE sessi ed i relativi ruoli siano disorientati, perché credo che anche da parte delle donne ci sia un po' di disorientamento.
Insomma...l'uomo si è davvero 'avvicinato' alla donna in molti sensi (soprattutto quelli domestici) ma allo stesso tempo forse ha perso un po' di sicurezza e questo si ripercuote (e non solo metaforicamente) sulla donna che hanno accanto e, più è forte il disagio e più è debole l'uomo. Debolezza che poi sfocia in raptus dando libero sfogo a tutta la sua violenza, forte solo del fatto che la "sua" donna non ha la sua stessa forza fisica.
Dall'altra parte sempre più donne si lamentano perché..."l'uomo non è più uomo" ( Confuso ) Forse perché gli uomini, pensando alla parità dei sessi, tendono ad essere meno romantici, corteggiando meno (o x niente) ecc ecc..... Triste
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
tempest
UltraAmico
UltraAmico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 46
Segno: Acquario


Profilo
tempest è offline 

MessaggioInviato: 18 Mag 2013 alle 21:54    Oggetto: Rispondi citando

vanille1986 ha scritto:
[...]


Si nei paesi non occidentali è sempre stata più marcata. Ma l'articolo che avevo letto si riferiva solo ai paesi della Comunità Europea. Svezia, Finlandia e Italia erano tra quelle col tasso più alto. Comunque è vero le leggi dovrebbero essere molto più severe e purtroppo in molti casi le pene invece che aggravate vengono sempre ridotte di qualche anno trovando sempre qualcosa in difesa di chi ha fatto violenza. Nella mia città c'è un centro anti violenza, conosco una delle donne che ci fa volontariato e dice che casi sono sempre purtroppo tantissimi e la maggior parte di essi avviene tra le mura di casa.
Il più delle volte a minacciare, picchiare o addirittura uccidere, non sono sconosciuti, ma proprio fidanzati o mariti.
E una cosa ancora peggiore fu quando nella mia città avvenne, non molti anni fa, un omicidio, di una donna uccisa dal marito. Il brutto è stato vedere i commenti dei maschi su internet riguardo a quell'atricolo. Molti tentavano di giustificare il marito dicendo che la moglie lo tradiva, oppure dicendo che infondo lei lo voleva lasciare e quindi a agito in un momento di gelosia ecc. Finchè ci saranno uomini che difendono a spada tratta con mille scuse chi commette questi atti di violenza, sarà una cosa che non avrà mai fine. Io credo che dipenda anche molto dalla società maschilista in cui viviamo che ha sempre messo il maschio un gradino sopra la donna e quindi si crede in diritto di poterle farle tutto quello che vuole e questa convinzione è ancora molto radicata nella società attuale.Poi, questa è la mia visione delle cose ma mi potrei anche sbagliare:)


La violenza verso le donne pare attraversare tutte le culture e tutti i ceti in Europa e nelmondo occidentale. Non si può certo dire che in Svezia ci sia una cultura maschilista o patriarcale, quindi il perchè della violenza è da cercarsi, per me, prima di tutto nell'uomo stesso, nel carnefice, e non nella società in cui vive.
Per me esistono uomini che io definirei "uomini/bestie", sono coloro che si comportano come si comportavano i loro antenati nelle caverne, sono guidati solo dall'aggressività, dalla competizione, dal desiderio di possesso... non hanno freni di alcun genere, non sono frenati dalla legge, dall'educazione, dal buon senso, dalla pietà, dall'amore... da nulla. Sono essere spegievoli, un gradino al di sotto di tutti gli altri esseri umani.
Per loro le pene devono essere esemplari. Chi usa violenza su chi è più debole ( una donna, un bambino, un anziano...anche un povero animale indifeso ) deve pagare, e senza sconti.

@templare
Si, sono convinta che esistano davvero molti casi di violenza psicologica da parte di donne su uomini. Credo che ci siano donne capaci di distruggere la dignità, di umiliare e di ferire profondamente. La donna ferisce con le parole e quando lo fa gratuitamente, è anch'essa un gradino al di sotto degli altri esseri umani.

Però non sono d'accordo con chi dice che la violenza psicologica è peggiore di quella fisica, quella fisica è terrore puro, è quella della vittima davanti al carnefice.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
        
Shadow750
MailAmicissimo
MailAmicissimo



Sesso: Sesso: Maschio
Età: 50
Segno: Acquario
Località: Profondo Nord

Profilo
Shadow750 è offline 

MessaggioInviato: 19 Mag 2013 alle 19:44    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
[...] Ecco.. penso che alla base della violenza psicologica ci sia di mezzo la vendetta. La vendetta può scatenarsi per un torto subito oppure perchè si teme di essere offuscati dall'altro e quindi la cosa migliore che si pensa di fare è denigrarlo per riportarlo al proprio livello.. il tutto per non sentirsi inferiore.
Pensiero mio eh...


Gran brutti sentimenti la vendetta e la ripicca, molto spesso veicolati dall'orgoglio smisurato, e dalla delusione mal gestita verso ciò che si credeva potesse essere imperituro e intrasformabile.
Noto che il desiderio di rivalsa, offusca la mente della persona più quieta ed equilibrata, questo quando ritiene di essere stata toccata sul vivo, e non vuole magari ammettere uno stato di cose ad essa sfavorevoli. Penso ad esempio alle interminabili lotte a colpi di querele fra ex. coniugi, ma anche a quelle commesse nel mondo virtuale, attuate nell'ombra per screditare e diffamare la persona da colpire.
Inutile dire che detesto questo sistema e, se posso comunque comprendere chi va incontro a cocenti delusioni, o drammi famigliari, non mi sento di giustificare il lavaggio dell'onta subita in questo modo selvaggio e privo di scrupoli.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
Shadow750
MailAmicissimo
MailAmicissimo



Sesso: Sesso: Maschio
Età: 50
Segno: Acquario
Località: Profondo Nord

Profilo
Shadow750 è offline 

MessaggioInviato: 19 Mag 2013 alle 19:51    Oggetto: Re: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

catia ha scritto:
[...]
Insomma...l'uomo si è davvero 'avvicinato' alla donna in molti sensi (soprattutto quelli domestici) ma allo stesso tempo forse ha perso un po' di sicurezza e questo si ripercuote (e non solo metaforicamente) sulla donna che hanno accanto e, più è forte il disagio e più è debole l'uomo. Debolezza che poi sfocia in raptus dando libero sfogo a tutta la sua violenza, forte solo del fatto che la "sua" donna non ha la sua stessa forza fisica.


Questa era la tanto richiesta parità dei sessi, che ha visto fiumi di donne scendere in piazza, o riunirsi nelle aule. Ma perchè un uomo che aiuta e supporta la compagna nei lavori domestici, dovrebbe sentirsi sminuito, o diventare sinonimo di debolezza? Dovrebbe casomai instaurarsi un sentimento di gratitudine da parte della donna, e un compiacimento maschile di rendersi utile nella gestione della casa e dei figli, senza per questo perdere le sue peculiarità di determinazione, forza, carattere ecc...

catia ha scritto:
[...]
Dall'altra parte sempre più donne si lamentano perché..."l'uomo non è più uomo" ( Confuso ) Forse perché gli uomini, pensando alla parità dei sessi, tendono ad essere meno romantici, corteggiando meno (o x niente) ecc ecc..... Triste


Mah, l'essere romantici e riuscire nel corteggiamento, a mio modesto parere sono qualità della persona, che non completano una figura maschile a tutto tondo. Saranno importanti certo, ma mica sempre nel corso delle varie epoche, tutti erano così esperti e capaci nel fare le serenate Smile
Forse anche più donne dovrebbero meno vestire i panni dell'eroina "so far tutto io", e lasciare un briciolo di spazio al proprio compagno, senza pretendere di plasmarlo a loro uso e consumo, ma apprezzandolo così com'è.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
arietina76
UltraAmico
UltraAmico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 40
Segno: Ariete


Profilo
arietina76 è offline 

MessaggioInviato: 19 Mag 2013 alle 20:06    Oggetto: Re: 2013.. La violenza ad oggi! Rispondi citando

Shadow750 ha scritto:
[...]

Mah, l'essere romantici e riuscire nel corteggiamento, a mio modesto parere sono qualità della persona, che non completano una figura maschile a tutto tondo. Saranno importanti certo, ma mica sempre nel corso delle varie epoche, tutti erano così esperti e capaci nel fare le serenate Smile
Forse anche più donne dovrebbero meno vestire i panni dell'eroina "so far tutto io", e lasciare un briciolo di spazio al proprio compagno, senza pretendere di plasmarlo a loro uso e consumo, ma apprezzandolo così com'è.


sono d'accordo con te: non basta essere romantici o bravi nel corteggiamento....
essere uomini (veri o no, non lo so Risata ) è ben altro... Occhiolino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
giada
Baby Amico
Baby Amico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 50
Segno: Scorpione
Località: Roma

Profilo
giada è offline 

MessaggioInviato: 19 Mag 2013 alle 22:25    Oggetto: Rispondi citando

anna ha scritto:
...credo che l'alto numero di separazioni e divorzi sia il risultato del cambiamento dei valori che ha subito la nostra società, o, per meglio dire, del decadimento dei vecchi valori .. oggigiorno non abbiamo la pazienza e la volontà che avevano i nostri nonni di far andare avanti le cose a dispetto di tutto, nonostante le difficoltà..le occasione per incontrare persone nuove e all'apparenza più stimolanti o per vivere situazioni che sembrano più gratificanti si sono centuplicate e siamo sempre pronti a correre dietro a qualcosa che ci fa sentire più vivi, che ci fa provare emozioni "dimenticate" o mai provate e di fronte a tutto questo il valore della famiglia sbiadisce e perde importanza..



Anna... non avevo letto questo tuo intervento. Mi ricollego all'altro topic "Intimità".. ho la sensazione che la pensiamo allo stesso modo. Occhiolino Spero tu possa diventare Baby amico presto così magari ne parliamo in privato. A presto
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
anna
Nuovo Iscritto



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 43
Segno: Sagittario
Località: toscana

Profilo
anna è offline 

MessaggioInviato: 20 Mag 2013 alle 12:15    Oggetto: Rispondi citando

giada ha scritto:
[...]



Anna... non avevo letto questo tuo intervento. Mi ricollego all'altro topic "Intimità".. ho la sensazione che la pensiamo allo stesso modo. Occhiolino Spero tu possa diventare Baby amico presto così magari ne parliamo in privato. A presto



...scusa l'ignoranza, ma cosa significa Baby amico? ...chiedo scusa se si tratta di qualcosa che dovrei sapere ma che non conosco a causa della mia negligenza.. Pianto
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
anna
Nuovo Iscritto



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 43
Segno: Sagittario
Località: toscana

Profilo
anna è offline 

MessaggioInviato: 20 Mag 2013 alle 12:30    Oggetto: Rispondi citando

tempest ha scritto:
[...]



La violenza verso le donne pare attraversare tutte le culture e tutti i ceti in Europa e nelmondo occidentale. Non si può certo dire che in Svezia ci sia una cultura maschilista o patriarcale, quindi il perchè della violenza è da cercarsi, per me, prima di tutto nell'uomo stesso, nel carnefice, e non nella società in cui vive.
Per me esistono uomini che io definirei "uomini/bestie", sono coloro che si comportano come si comportavano i loro antenati nelle caverne, sono guidati solo dall'aggressività, dalla competizione, dal desiderio di possesso... non hanno freni di alcun genere, non sono frenati dalla legge, dall'educazione, dal buon senso, dalla pietà, dall'amore... da nulla. Sono essere spegievoli, un gradino al di sotto di tutti gli altri esseri umani.
Per loro le pene devono essere esemplari. Chi usa violenza su chi è più debole ( una donna, un bambino, un anziano...anche un povero animale indifeso ) deve pagare, e senza
sconti.

@templare
Si, sono convinta che esistano davvero molti casi di violenza psicologica da parte di donne su uomini. Credo che ci siano donne capaci di distruggere la dignità, di umiliare e di ferire profondamente. La donna ferisce con le parole e quando lo fa gratuitamente, è anch'essa un gradino al di sotto degli altri esseri umani.

Però non sono d'accordo con chi dice che la violenza psicologica è peggiore di quella
fisica, quella fisica è terrore puro, è quella della vittima davanti al carnefice.



...non credo che si possa fare una classifica su "quale violenza sia peggio", perché, come si dice dalle mie parti "acc...... al meglio!" (scusate il francesismo....)
È vero, quella fisica è terrore puro, quella mentale è annientamento della personalità...personal mente non saprei quale scegliere..
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
        
tempest
UltraAmico
UltraAmico



Sesso: Sesso: Femmina
Età: 46
Segno: Acquario


Profilo
tempest è offline 

MessaggioInviato: 20 Mag 2013 alle 12:57    Oggetto: Rispondi citando

anna ha scritto:
[...]




...non credo che si possa fare una classifica su "quale violenza sia peggio", perché, come si dice dalle mie parti "acc...... al meglio!" (scusate il francesismo....)
È vero, quella fisica è terrore puro, quella mentale è annientamento della personalità...personal mente non saprei quale scegliere..


Beh...volevo dire che con le costole rotte sei anche distrutta psicologicamente, oltre che fisicamente, la violenza fisica è anche violenza psicologica. Quindi sono due violenze.
E poi diciamo che una volta che l'uomo ti ha dato 20 coltellate alla schiena, finisci in una bara, oltre che distrutta nella nella tua personalità. Triste

"Babyamico" è il primo livello del forum, quando un utente diventa "babyamico" può mandare e ricevere messaggi privati. Quindi se Giada vuole scriverti, deve aspettare che tu sia abilitata a ricevere i messaggi. Smile
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
        
Mostra prima i messaggi di:   
   Rispondi    Indice del forum -> Attualità Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 


Forum Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
 
- Cosa Siamo - - Forum - - Incontri - - Annunci - - Scrivici -
     

Cerca su MailAmici:

Ricerche recenti:

 
Incontri online in rete su Internet
Amicizia Online su Internet
Copyright ©2017 by MailAmici
Powered by
Progetto-Internet.it